PIOMBINO: LORO NON COLANO ACCIAIO, NOI COLIAMO VIN BRULE’

L’altoforno Lucchini ormai spento da tre anni

Piombino (LI) – Le associazioni Coordinamento Art. 1 – Camping CIG, Restiamo Umani, Lavoro Salute Dignità il prossimo sabato 7 gennaio, organizzano per il giorno dopo l’epifania, visto il mancato “regalo” del forno elettrico da parte di Aferpi/Cevital, donano a tutti un buon bicchiere di vin brûlé “colato” dal loro  “forno elettrico” in Piazza Cappelletti, a partire dalle ore 17.
E buona Befana a tutti!

_________________________

“Vi ricordate il Progetto Piombino? Secondo quel progetto – inizia il comunicato congiunto delle tre associazioni –  presentato da forze di governo e sindacati maggioritari (locali, regionali e nazionali) come la “madre di tutte le soluzioni”, in questi giorni a Piombino si sarebbe di nuovo colato acciaio da forno elettrico. Anzi, esattamente il 1° gennaio 2017!

“Merci Monsieur Rebrab” era la frase che compariva dovunque, con grandi esibizioni pubbliche di politici e affini a glorificare il munifico imprenditore e ad autoglorificarsi (anche) per la loro efficace azione in favore dell’economia della zona. Questi diciotto mesi (dal 1° luglio 2015 ad oggi) sono passati nel susseguirsi di incontri mancati, produzioni a singhiozzo, ritardi accumulati sulla realizzazione degli investimenti, ma sempre accompagnati dalla fede cieca ed indistruttibile di lor signori come dimostra la “Variante Aferpi”, con cui la maggioranza dell’Amministrazione Comunale, regala al padrone il terreno del Quagliodromo e modifica il tracciato della 398 come lui pretende… sotto le finestre degli abitanti del Cotone-Poggetto!

C’è voluta la spiegazione di Aferpi per far capire al Governo, amministratori regionali, locali e rappresentanti sindacali di FIM FIOM e UILM,  che quel piano industriale, presentato da Cevital nell’aprile del 2015, per costi e tempi e difficoltà tecniche era  inattuabile e nemmeno Mago Merlino sarebbe stato in grado di attuarlo.

Cosa rimane oggi di quel Piano? In realtà non lo sa nessuno, visto che, nonostante le suppliche del Ministro Calenda (e nonostante le affermazioni dell’AD Azzi che, dice, ha lavorato duramente assieme ai suoi collaboratori per definire anche i minimi particolari) il nuovo (quello rimodulato )  piano NON È MAI STATO PRESENTATO!

L’unica novità nel panorama attuale è rappresentato dalla corsa allo scaricabarile dei nostri esimi politici, dall’onorevole Velo (“io non c’entro niente”) al Consigliere regionale Anselmi, alla segreteria locale del PD. Fa eccezione il Sindaco Giuliani (“io ho ancora fiducia…”) e il Presidente Rossi, che tace.

Intanto si avvicina il punto di non ritorno, quel fatidico 1° luglio 2017, che a norma di legge sancirà la piena proprietà di Cevital sugli impianti ex-Lucchini e gli concederà mano libera.

Abbiamo detto e ripetiamo che IL TEMPO È FINITO, IL PROGETTO NON ESISTE PIÙ, SMETTIAMO DI CREDERE ALLE FAVOLE, RIVENDICHIAMO L’INTERVENTO DEL GOVERNO PER DICHIARARE DECADUTO IL RAPPORTO CON CEVITAL, PER RICOMINCIARE UNA NUOVA FASE DI COMMISSARIAMENTO, MA CHE NON SIA SOLO DI SVENDITA!

Le ultime vicende legate al salvataggio del Monte dei Paschi di Siena lo dimostrano: quando vuole, il governo interviene come imprenditore, investendo valanghe di soldi (20 miliardi di euro). Lo faccia anche per Piombino: attraverso un commissariamento ad hoc avvii le bonifiche del territorio, faccia investimenti sulla fabbrica, chieda l’apporto dei privati per creare un polo produttivo di semilavorati lunghi di qualità che permettano agli utilizzatori di avere una fonte di approvvigionamento sicura, di qualità rispondente alle esigenze.

Accanto a questo obiettivo primario, vanno sviluppate le altre potenzialità del territorio; per questo non servono contributi a pioggia, o casuali investimenti che condizionano altri settori: serve un progetto di sviluppo che sia il frutto della partecipazione di tutte le componenti sociali del territorio, in uno sforzo propositivo da tradurre in linee di indirizzo che le varie amministrazioni coinvolte dovranno applicare e far applicare sotto la vigilanza di tutti. A questo noi stiamo lavorando. Su questo ci impegneremo nel prossimo futuro.

Piombino deve rinascere e ricominciare a produrre acciaio. Questo obiettivo, condiviso da tutti, sarà raggiunto solo se i lavoratori e i cittadini del nostro territorio riprenderanno in mano il loro destino!

Per intanto, dai “gufi” buona Befana a tutti: sabato 7 gennaio, offriamo a tutti un buon bicchiere di vin brûlé “colato” dal nostro “forno elettrico” in Piazza Cappelletti, a partire dalle ore 17:00″.

Coordinamento Art. 1 – Camping CIG
Restiamo Umani
Lavoro Salute Dignità

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.1.2017. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 21 giorni, 15 ore, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it