NASPI: ORA LA DOMANDA SI FA ON LINE

TOSCANA – Niente più lunghe file agli sportelli dei Centri per l’impiego toscani per i lavoratori in scadenza di contratto che intendono presentare domanda di Naspi (Nuova assicurazione sociale per l’impiego), che ha preso il posto dell’indennità di disoccupazione ordinaria.

Per limitare i disagi, sia per l’utenza che per il personale dei Centri per l’Impiego costretti, in alcuni periodi dell’anno, a dover gestire centinaia di persone in aggiunta all’ordinaria attività rivolta a tutti i cittadini,la Regione chiarisce la procedura da seguire per il rilascio della dichiarazione di immediata disponibilità e la presentazione della richiesta di Naspi, procedura che nel corso degli ultimi anni è stata significativamente semplificata ed automatizzata.

Ecco cosa fare:

1) L’utente interessato, a partire da giorno successivo al termine del proprio contratto di lavoro, dovrà presentare la richiesta di Naspi ad INPS, per via telematica, secondo le modalità previste dallo stesso Istituto, ovvero:

– via Web – collegandosi con il Pin-Inps ai servizi telematici accessibili direttamente dal portale INPS;
– telefonicamente, tramite Contact center integrato (numero 803164).
– per coloro che desiderano assistenza – rivolgendosi personalmente ai Patronati/Intermediari dell’Istituto – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Poiché la domanda di indennità presentata all’INPS equivale a dichiarazione di immediata disponibilità (DID), non sarà necessario recarsi personalmente al Centro Impiego per effettuare questo adempimento, non si dovrà quindi fare alcuna fila né ai Centri per l’Impiego per dichiarare la propria immediata disponibilità, nè all’Inps per accedere agli ammortizzatori sociali.

2) Entro 15 giorni dalla data di presentazione della domanda, il richiedente deve contattare il Centro per l’impiego di competenza (rispetto al domicilio indicato nella domanda) per fissare un appuntamento finalizzato alla sottoscrizione del Patto di servizio personalizzato. Il contatto con il proprio Centro per l’impiego può avvenire anche per mail (vedi elenco degli indirizzi email dei CPI toscani )

3) il lavoratore sarà convocato, via mail o sms, dal Centro per l’impiego per procedere alla sottoscrizione del Patto di Servizio Personalizzato.

Una volta sottoscritto il Patto di Servizio Personalizzato, il lavoratore dovrà rispettare gli appuntamenti previsti e, se impossibilitato, dovrà giustificare tempestivamente, al massimo entro il giorno successivo alla data dell’appuntamento, l’eventuale assenza con documentazione scritta conprovante un reale impedimento (malattia, infortunio, visita medica ecc.). La mancata partecipazione alle convocazioni del Centro Impiego nonché la mancata sottoscrizione del Patto comportano l’applicazione di sanzioni.

Resta comunque la possibilità, per chi lo desidera e ha necessità di assistenza, di recarsi personalmente ai Centri per l’Impiego per qualsiasi tipo di informazione e servizio.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.1.2017. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 16 giorni, 18 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it