EX CARSAL: PRESTO UN GIARDINO PUBBLICO E UN PARCHEGGIO

L’Ex Carsal come è adesso

Piombino (LI) – Le proteste dei cittadini per l’eccessivo degrado dell’area hanno finalmente avuto ascolto, e stanno per partire i primi interventi di riqualificazione della zona ex Carsal per rendere fruibile lo spazio alla cittadinanza. Nei giorni scorsi la giunta municipale ha approvato il progetto esecutivo per la realizzazione di un giardino e di un piccolo parcheggio nell’area di via Pietro Gori, per un costo complessivo di 66mila euro. Ora bisognerà chiarire il destino dei residenti dentro la struttura.

Gli assessori Di Giorgi e Capuano avevano infatti già confermato la volontà dell’amministrazione comunale di portare a compimento un’opera di sistemazione dell’area e della zona circostante.

Il progetto approvato prevede pertanto la suddivisione della zona da riqualificare, di circa 1.200 mq, in due parti funzionalmente differenti: quella lato ovest, verso il piazzale Saragat di 900 mq di estensione, verrà adibita a giardino mentre quella est, verso il cimitero, a piccolo parcheggio di 9 posti che avrà la funzione di liberare via Gori, nel tratto in cui incrocia via Saragat, della sosta in linea delle auto.

Il giardino avrà come cardine il riutilizzo di un manufatto in muratura esistente, attorno al quale verrà realizzata una piazzetta pavimentata con betonelle di calcestruzzo.

Alberto Guerrieri il promotiore del Comitato

Nella piazzetta verranno disposte delle panchine e un tavolo che possono essere utilizzati dai visitatori esterni. Dalla piazzetta partirà inoltre un camminamento fino alla parte nord del giardino. Nel giardino verrà piantumato un tappeto ad erba spontanea non irrigato e saranno messe a dimora piante di oleandro ed essenze di platano in modo da assicurare una buona ombreggiatura durante l’estate. Il lato del giardino prospiciente via Gori verrà lasciato aperto, avendo cura di segnare la separazione con la strada mediante una fila di palme nane in allineamento con alcuni cipressi preesistenti.

I lavori potranno essere effettuati in 60 giorni consecutivi.

“E’ l’inizio di un percorso che porterà anche alla riconversione della struttura e alla  riqualificazione complessiva dell’area – spiegano gli assessori Di Giorgi e Capuano –  mentre il  Comune sta continuando nel suo impegno di cercare soluzioni abitative alternative alle famiglie ancora presenti presso la struttura, il prossimo anno proseguiranno ulteriori azioni di recupero dell’area in accordo con le risorse disponibili”.

Negli ultimi quattro anni infatti la struttura è stata utilizzata dall’amministrazione comunale come luogo di accoglienza delle famiglie in emergenza abitativa. L’idea è quindi quella di avere il complesso vuoto per avviare anche una riconversione dell’immobile a uso sociale.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.12.2016. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 20 giorni, 17 ore, 2 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it