CAMPING CIG: IL GOVERNO “BATTA UN COLPO” SU AFERPI

alcuni dei partecipanti all'iniziativa in consiglio comunale

alcuni dei partecipanti all’iniziativa in consiglio comunale

Piombino (LI) – Il Camping Cig di fronte ai continui rinvii chiede alla politica di pensare seriamente ad un “piano B” per il comparto siderurgico, e il governo “batta un colpo” e inizi a elaborare qualcosa sulla politica industriale e siderurgica, premendo l’acceleratore su diversificazione economica e produttiva.

“I continui rinvii dell’incontro a Roma tra Governo, Cevital-Aferpi e Sindacati, gli abboccamenti semi-segreti tra Ministro Calenda e Rebrab, le mezze “rivelazioni” giornalistiche, sono la triste conferma che Rebrab non è ancora in grado di mettere sul tavolo ministeriale i soldi per gli investimenti promessi a Piombino. In compenso gira il mondo e annuncia affari da centinaia di milioni (in Brasile, Sri lanka, Paraguay e nella stessa Algeria); mentre qui a Piombino sono stati fatti fuori un migliaio di lavoratori dell’indotto e alcune centinaia di “diretti” risulteranno esuberi grazie all’ applicazione del nuovo piano di investimenti, che prevede un solo forno elettrico, in barba agli accordi presi. E’ deleterio per Piombino prestarsi a questa lenta agonia senza reagire con lucidità e tempestività e costruire le alternative.

E’ ora di pensare seriamente ad un “piano B” per il comparto siderurgico, una via di uscita se, come appare possibile, entro il 15 novembre Rebrab non dimostrerà di avere i finanziamenti necessari per avviare gli investimenti su acciaieria elettrica e treno rotaie; perché in tal caso il “piano Aferpi” dovrà essere dichiarato in “default”, cioè fallito, e la città tutta si troverà “in braghe di tela”. Per cui ci aspettiamo che istituzioni e sindacati assumano finalmente una linea chiara e netta, che a nostro avviso deve svilupparsi su alcuni punti irrinunciabili.

1) No assoluto a ulteriori giochini al rimando: se entro il 15 novembre non verra’ dimostrata la disponibilità di tutti i soldi necessari per gli investimenti, si proceda a dichiarare il default (come già ipotizzato dal Commissario Governativo nella sua 8a relazione trimestrale) e si rimandino le Acciaierie sotto la gestione commissariale, cioè del Governo.

2) Il Commissario proceda sul programma di investimenti siderurgici, partendo subito con finanziamenti pubblici ed eventuale concorso di privati per le cose che subito si possono fare: gestire con continuità la laminazione e costruire il nuovo treno a rotaie. Questo basterebbe ad assicurare i contratti di solidarietà per tutti i dipendenti.

3) A partire dalla gestione produttiva dell’impianto siderurgico di Piombino il governo “batta un colpo” e inizi a elaborare qualcosa sulla politica industriale e siderurgica, per decidere se e quanto acciaio debba essere prodotto a Piombino con forno elettrico nell’ambito di un piano siderurgico nazionale.

4) Si accelerino tutte le procedure per l’avvio tempestivo delle Bonifiche, premessa di ogni sviluppo diversificato a Piombino e possibile fonte immediata di lavoro.

5) Le istituzioni premano l’acceleratore su diversificazione economica e produttiva (rigettando il monopolio di un’unica multinazionale sui destini della città) e sulle necessarie infrastrutture (viarie, ferroviarie e informatiche).

6) Si diano garanzie sulla durata degli ammortizzatori sociali per i dipendenti Aferpi e per l’indotto, commisurata ai tempi necessari per il rilancio produttivo della città,

La politica ci deve dare prospettive credibili! C’è una multinazionale che mena tutti per il naso con il gioco del carciofo, che spoglia pezzetto per pezzetto la classe operaia e la siderurgia di Piombino.

Il Governo deve rompere le catene della “compatibilità europea” a senso unico, che regala centinaia di miliardi (nostri) alle banche ma impedisce di finanziare l’ammodernamento dell’apparato produttivo, condannandoci alla recessione perpetua e alla svendita di impianti e quote di mercato.

Regione e Sindacato la smettano di coprire queste scellerate politiche nazionali di impoverimento progressivo portate avanti dal Governo e dal loro partito di riferimento! Riprendiamoci il futuro!”.

Coordinamento Art. 1 – Camping CIG

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.11.2016. Registrato sotto Foto, sociale, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 21 giorni, 13 ore, 14 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it