CARO ACQUA: PARODI «NO AD UN ULTERIORE AUMENTO ASA DEL 6,5%»

parodi no costituzione

il sindaco Giuliano Parodi

Livorno (LI) – Giovedì 8 settembre alle 14.30 a Livorno si e’ svolta la conferenza territoriale n° 5 “Toscana costa” dell’Autorita’ Idrica Toscana, con un solo punto all’ordine del giorno: l’approvazione del nuovo metodo tariffario per le bollette dell’acqua 2016/2019.  Presenti alla riunione, dove ASA ha proposto un ulteriore aumento del 6,5% delle bollette, solo otto sindaci, sui trentatre comuni aventi diritto di voto. La proposta di stop ad ulteriori aumenti è stata fatta da Livorno, Volterra e Suvereto e gli altri comuni presenti non hanno sollevato dubbi al riguardo. Pubblichiamo il commento del Sindaco di Suvereto Giuliano Parodi, presente all’incontro.

«Vista l’importanza per la vita, e le tasche, dei cittadini – inizia il sindaco di Suvereto –  mi sarei aspettato una presenza piu’ numerosi di Comuni e loro rappresentanti. ASA ha presentato un piano tariffario che prevede l’aumento del 6,5% delle bollette. L’assemblea ha visto Livorno, Suvereto e Volterra prendere posizione precisa.

Io ci tengo ad informare i miei cittadini della posizione che ho tenuto oggi e che terro’ nella assemblea del 20 settembre dove dovremmo votare l’approvazione o meno della proposta. Io non accetto nessuno nuovo aumento tariffario sulle bollette dell’acqua. Il metodo perverso voluto dal governo per il calcolo delle stesse e’ paragonabile ad un derivato tossico di natura finanziaria, in parole povere meno si consuma piu’ si paga!… INACCETTABILE.

La mia proposta il 20 settembre sara’ semplice: tariffe invariate, ASA cerchi le risorse per quadrare il bilancio non sulle spalle dei cittadini ma nelle tasche delle Banche, visto e considerato che in bolletta gravano oltre 40 milioni di mutuo ed interessi che ASA spa ha contratto anni fa con un tasso oltre la norma (7%).. per sanare situazione che sarebbe bene approfondire…

Nel 2003 ASA viene privatizzata con l’azienda in grossa crisi economica. Dal ’98 al 2003 il gruppo che era a capo dell’azienda l’ha messa in ginocchio fra assunzioni clientelari, parco macchine rinnovato e divisione in rami d’azienda fallimentari. Asa Ozono, nella quale venne preso anche il figlio del sindaco Lamberti, nella quale vennero fatti investimenti per testare l’ozono come sostituto del cloro per la disinfestazione delle acque.

In Italia era una via già praticata e abbandonata da molti ma qui si volle investire ugualmente in una causa persa. Poi ASA investì in società a Cuba e Santo Domingo anch’esse fallimentari con tanti viaggi e rimborsi spese. Lamberti (ex sindaco di Livorno) dette ad ASA anche la gestione delle Farmacie comunali che è superfluo dire che finirono in deficit. (alcuni dei motivi per cui si e’ creato il buco di bilancio!)

Che ASA spa, ricontratti il mutuo a interessi piu’ bassi, e applichi una spending review all’interno di una societa’ che per troppi anni si e’ ingrassata generando il debito che ha dovuto coprire con tale mutuo.

I cittadini sono stanchi! Il 20 settembre – conclude Parodi – io votero’ CONTRO ogni aumento e chiedero’ l’invarianza delle TARIFFE, altre soluzione non le prendo in considerazione, perche’ l’acqua ha un costo e non deve avere un prezzo!».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.9.2016. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 29 giorni, 7 ore, 18 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it