AREE CRISI LIVORNO E PIOMBINO: UNO SPIRAGLIO PER I LAVORATORI SENZA AMMORTIZZATORI?

Un momento di un'assemblea Lucchini

Un momento di un’assemblea Lucchini

ROMA – Si delinea la possibilità di dare una prospettiva ai circa 11.500 lavoratori delle aree di crisi complessa di Livorno e Piombino che tra non molto vedranno esauriti gli ammortizzatori sociali di cui hanno goduto finora e per le centinaia che questi aiuti li hanno già persi.

È quanto è emerso questa mattina a Roma dove, presso il Ministero del lavoro, si è tenuto un incontro tra il ministro Giuliano Poletti, i rappresentanti delle Regioni con aree di crisi e le organizzazioni sindacali.

L’incontro, richiesto dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha avuto un esito positivo.

“Ho chiesto di valutare – spiega il presidente Rossi – la possibilità di allungare il periodo di mobilità per i lavoratori che sono giunti al termine della Naspi o della mobilità e che quindi si troveranno a breve senza alcun aiuto. In Toscana abbiamo utilizzato anche i bandi per lavori di pubblica utilità istruiti insieme ai Comuni per selezionare quei lavoratori che, non avendo prospettive di impiego, possono in questo modo ottenere un introito nel mentre si realizzano i piani di reindustrializzazione. La Regione può impiegare a questo scopo una parte dei Fondi sociali europei a cui il Governo potrebbe aggiungere ulteriori risorse. La Regione potrebbe così continuare ad intervenire con le politiche attive per il lavoro mentre lo Stato potrebbe intervenire a sostegno del loro reddito”.

Una proposta, quella del presidente della Toscana, raccolta dal ministro Poletti, che si è detto disponibile ad iniziare un percorso che porti ad individuare soluzioni ad hoc per i lavoratori delle aree di crisi complessa.

Il ministro si è detto interessato e disponibile ad affrontare la questione e a trovare soluzioni che tengano conto delle specificità dei singoli contesti di crisi. Giuliano Poletti, concludendo l’incontro, ha detto che si deve lavorare per ricercare, su uno strumento normativo veloce, di prevedere interventi di sostegno al reddito e di utilizzo straordinario e limitato degli ammortizzatori sociali che tengano conto delle realtà di crisi industriale complessa.

Insomma si apre uno spiraglio per i lavoratori a fine percorso di copertura degli ammortizzatori sociali. Nelle aree di crisi complessa in Toscana, entro il 31/12/2017 si tratta di 11.515 lavoratori. A Piombino sono 249 quelli a fine mobilità, a Livorno sono 1747. Quelli a fine Aspi e Naspi sono 2018 a Piombino e 7501 a Livorno. A questi si aggiungono alcune centinaia di persone che hanno già perso ogni protezione.

Fonte: Regione Toscana

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.7.2016. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 20 giorni, 19 ore, 35 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it