PIOMBINO: LISTE LUNGHE PERCHE’ SI FANNO DUE VISITE ALLA SETTIMANA

la consigliera comunale Carla Bezzini

la consigliera comunale Carla Bezzini

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo da lla lista civica “Un’Altra Piombino” sulle lunghe liste d’attesa all’ospedale di Piombino.

«A Piombino chi necessita di una visita ORL per richiedere una protesi acustica deve aspettare il 2017. Le agende sono chiuse perchè la nostra ASL, per mancanza di risorse, non può dispensare più di due (!) visite specialistiche (finalizzate alla prescrizione di protesi) alla settimana.

Nella maggior parte dei casi si tratta di persone anziane, con pensioni minime o appena sopra la soglia, che pertanto si vedono costrette ad aspettare un tempo tanto dilatato quanto per loro prezioso, data l’impossibilità di sostenere i costi proibitivi degli ausilii privati. Un altro anello si va ad aggiungere alla lunga serie delle criticità del servizio sanitario toscano e in specie della nostra ASL, considerata la peggiore nelle valutazioni della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa: etenuanti liste d’attesa, tickets assurdi e troppo alti, burocrazia, accorpamento e dislocazione di servizi. Tutto questo si traduce in una crescente difficoltà per i cittadini di accedere alle prestazioni diagnostiche e specialistiche, con rinuncia da parte delle fasce più deboli a fronte di un incremento del ricorso dei più abbienti alla sanità privata.

Le nostre ripetute denunce hanno sempre avuto risposte vaghe, fatte di formule altisonanti e prive di riscontro con la realtà: implementazione, ottimizzazione, razionalizzazione. Questi i termini che ricorrono come mantra. La realtà ci offre al contrario il rapporto tra popolazione e posti letto più basso di tutta la Toscana, come anche il rapporto tra personale e posti letto, servizi territoriali insufficienti, cessione di pacchetti di prestazione ai privati, tagli al 118, PS intasati, tickets esosi, cronica carenza di personale operativo, lunghe attese .

La necessità di ottimizzare (si legge tagliare) deriva, si dice, dalle difficoltà economiche: allora ci chiediamo perchè per la riorganizzazione delle zone distretto, imposta dalla riforma e per la quale i sindaci del nostro territorio avrebbero già dovuto presentare proposte, è stato affidato il progetto a Federsanità , formata da Direttori Generali asl ad hoc retribuiti, cioè a una sezione di ANCI che è di fatto un’emanazione del presidente Rossi. Federsanità riceverà per questa prestazione 35 mila euro e siccome le zone distretto sono 26, la cifra complessiva sarà 910mila euro. Quasi un milione di euro per un’analisi che la Regione poteva benissimo espletare tramite le sue strutture o, meglio ancora, tramite il personale ASL pagato dai cittadini proprio per fare questo tipo di studi.
Un milione di euro che costituiscono un vero e proprio spreco di denaro pubblico.

E che dire dei 47 milioni di euro di stanziamenti già decisi e a disposizione della regione per progetti importanti quali la non autosufficienza o la riduzione delle liste d’attesa. Bene, questi soldi sono stati utilizzati per ripianare il disavanzo nei conti della sanità toscana. Risorse già stanziate, già destinate e non utilizzate per incapacità amministrativa e gestionale dei dirigenti alla guida del sistema sanitario e delle istituzioni regionali».

Un’Altra Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.6.2016. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 27 giorni, 8 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it