EDITORIALE: POCA “LIBERAZIONE” E POCHI LAVORATORI?

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

_________________________________

EDITORIALE: POCA “LIBERAZIONE” E POCHI LAVORATORI?

Corriere Etrusco “numero 145” del 03 maggio 2016.

1 maggio 2016Una festa “Della Liberazione” e una “dei lavoratori” un po’ strane in questo 2016 in Val di Cornia.

Il 25 aprile a Piombino  abbiamo avuto come “ospite d’eccezione” l’ex sindaco Anselmi, rimasto comunque molto legato “nel solco della continuità” alla città e alle sue dinamiche; idem il 1° maggio a Venturina, dove “ospite d’eccezione” è stata anche qui l’ex sindaca di Campiglia, anche lei ancora molto legata, nonostante gli incarichi istituzionali, al suo Comune.

Filo che univa le due manifestazioni è stata la scarsissima presenza del popolo e dei lavoratori.

Tolti i consiglieri comunali, i membri della locale federazione PD, gli addetti ai lavori, gli immancabili  e i precettati, la partecipazione in entrambe le manifestazioni era davvero ridotta ai minimi termini.

I motivi potrebbero essere molti, dalla crisi economica alla sfiducia nella politica, fino al potenziale maltempo. Ma il principale è stato, secondo molti commentatori, l’appropriarsi, da parte di qualcuno, di due eventi come il “25 Aprile” e la “Festa del lavoro” che invece dovrebbero essere di tutti indistintamente.

Rifondazione Comunista ad esempio ha commentato così la presenza sul palco dell’on Velo. Un’autorevole esponente del PD e del Governo «che contraddice le ragioni della manifestazione e introduce una contraddizione pesante e un elemento divisivo nel sindacato, perché […] ha votato tutti i provvedimenti che mirano a parcellizzare e distruggere il movimento dei lavoratori, a cominciare dal Job Act; in quanto esponente del Governo è una controparte nella contrattazione per esempio del pubblico impiego; e si tratta di una deputata del PD e ciò fa insinuare il dubbio che il sindacato abdichi alla propria autonomia instaurando, a Piombino e in Val di Cornia una stagione di collateralismo con un Partito».

Risultato oggettivo, a prescindere dai perché, è stata la ridotta partecipazione da parte della popolazione e dei lavoratori che non comprendono più, e quindi preferiscono stare a casa, come hanno fatto anche gli agricoltori locali, che hanno lasciato questo 1° maggio per la prima volta i trattori fermi, segno dello sfiorire di una bella tradizione, e forse anche dei valori ad essa legati.

Giuseppe Trinchini

_________________________

CORRIERE ETRUSCO N° 145

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.5.2016. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 18 giorni, 22 ore, 43 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it