BRASILE: PROTOCOLLO TRA CEVITAL, VALE E GOVERNO DEL PARA’ PER PRODURRE ROTAIE

un momento dell'incontro

un momento dell'incontro

un momento dell’incontro

Parà (Brasile) – Issad Rebrab, presidente di Cevital e uomo più ricco del Maghreb secondo la recente classifica 2015 della rivista statunitense Forbes, ha firmato ieri 4 marzo, secondo l’Agência Pará de Notícias, un protocollo d’intesa con il governo dello stato del Pará e l’azienda Vale, che rappresenta un nuovo passo nel processo di distribuzione di un’acciaieria a Marabá, stato del Pará in Sud-est. Il documento è stato firmato dal governatore dello stato, Simão Jatene, i presidenti delle società, Murilo Ferreira, vale, Issad Rebrab e altre autorità locali. Riportiamo integralmente il comunicato dell’agenzia facendo notare che l’impresa Vale cederà gli investimenti fatti a Cevital senza alcun costo per l’imprenditore algerino e che l’acciaieria, a partire dal 2019, produrrà rotaie, billette e blumi.

Il protocollo si occupa con i parametri che supporta l’implementazione di un progetto in acciaio a Marabá, che è stato oggetto di studio dalla Vale e ora sarà condotto dal gigante algerino. L’azienda aveva già investito circa 300 milioni di dollari, comprese le spese nello sviluppo di ingegneria, costruzione di acciaieria a Maraba. Tra i termini dell’accordo, Vale fornisce a Cevital, oltre alla cooperazione tecnica, tutti gli studi e progetti già elaborati, il trasferimento di terreni di sua proprietà che sarebbero destinati per la costruzione di Alpa, in fornitura commerciale di minerale di ferro e servizi logistici per l’impresa, oltre le licenze ambientali di quel progetto. “La Vale cederà tutto questo senza alcun costo per l’imprenditore. La compagnia mineraria è molto lieta di mantenere quella reciproca comprensione con il governo dello stato e vuole continuare a contribuire a questo progetto di grande importanza per la regione a diventare persistente e ridurre le disparità sociali”, ha sottolineato il Presidente di Vale, Murilo Ferreira.
Secondo Cevital, le aspettative della società è che i lavori per l’installazione della nuova acciaieria saranno avviati entro quest’anno per andare in funzione nel 2019. La previsione è che gli investimenti in acciaieria avranno un importo di 2 miliardi di dollari. Questo importo totale dovrebbe essere raccolto anche con altri investitori. Durante il funzionamento, l’acciaio di Maraba dovrebbe generare 2.500 posti di lavoro diretti, oltre a sei-otto mila posti di lavoro indiretti. . “Crediamo che questo fornirà una grande riforma all’interno del settore in Maraba, attraverso la generazione di posti di lavoro. Il panorama sociale della città deve essere sostanzialmente modificato con questi investimenti “, ha detto Paulo Hegg, rappresentante Cevital in Brasile, che Pará è la porta del gruppo nel paese.

Produrrà rotaie d’acciaio per le ferrovie e polvere di acciaio

L’acciaio Maraba avrà una capacità di produrre 2,7 milioni di tonnellate di produzione di acciaio, rotoli di lamiera, ghisa, “bilette”, “Blumi”, tra gli altri.
Issad Rebrad, presidente del Groupe Cevital ha anche annunciato che uno dei prodotti di acciaio a Maraba sarà la produzione di rotaie per ferrovia. L’azienda è leader in Europa nella produzione di rotaie, fabbrica con sede in Italia e ora vuole essere il primo a produrre rotaie in America Latina.

“Maraba sarà conosciuto fra breve tempo come il principale fornitore di rotaie per le ferrovie in tutta l’America Latina”, ha assicurato Rebrad per informare che l’azienda porterà anche alla tecnologia acciaio verniciato in Pará che poche aziende al mondo possiedono.

Cevital fornirà anche acciaio a prezzi competitivi alle società con sede nel polo meccanico del metallo che dovrebbero essere sviluppati in Maraba, un vecchio sogno della popolazione. Il sindaco di Maraba, John Salame, considera il momento molto importante per lo sviluppo dello Stato. “La verticalizzazione della nostra ricchezza è un’antica lotta della nostra società, e qualche volta è stata trattata in modo irrilevante, idealista, senza alcun fondamento nella realtà, e penso che ora stiamo trovando un modo più sicuro. Mi congratulo con il governo del Pará per lo sforzo che hanno fatto. Credo che il momento è quello di superare le differenze e unire le forze “, ha ribadito Salame.

Il Governatore Simon Jatene ha ribadito la responsabilità di tutti gli interessati a segnalare alla società tutti i passi compiuti per attrarre aziende in Pará, come ad esempio l’installazione di acciaio in Maraba. “Quello che non vogliamo riprodurre è ciò che è stato fatto in passato, che ha creato un’aspettativa drammatica e tale attività è stato frustrante, e ferito molte persone. Quello che vogliamo fare è questo progetto, nato e radicato non solo nei desideri dei loro attori, ma nella società”, rifletté Jatene, che ha chiesto che le persone seguano ogni movimento, comprendendo le difficoltà di ogni fase della distribuzione. “Questo dovrà certamente rendere l’ambiente più accogliente, cooperativa e redditizio. Questo è quello che stiamo volendo. Che ognuno sa i passi che saranno fatti, soprattutto in questo momento di crisi. La cosa principale è che questo movimento non è il risultato di mera volontà politica, che è sempre esistita, ma soprattutto il risultato di uno sforzo per rendere il progetto economicamente sostenibile e attraente per gli investitori. Lo Stato deve creare le condizioni per esso e questo è ciò che cerchiamo di fare “, ha detto Jatene, che nel maggio 2015 è stato in Algeria a conoscere la struttura del Cevital, uno dei più grandi del continente africano, lavorando in vari settori e segmenti.

Verticalizzazione della produzione

L’attrazione di aziende interessate a integrazione verticale di materia prima per Para è parte della verticalizzazione ed è strategica la sua produzione. L’aggiunta di valore è il modo più efficace per sviluppare un’economia e quindi fornire una crescita più uniforme, perché genera più reddito, reddito e occupazione. Inoltre, i prodotti più sofisticati, in grado di raggiungere anche i mercati più esigenti.

Per il titolare del Segretario di Stato per lo Sviluppo Economico, minerari ed energetici (Sedeme), Adnan Demachki, che si è unito alla delegazione che era in Algeria, con conseguente gli interessi dei Cevital di investire in Pará, e ha condotto i negoziati tra la società e Vale, questo progetto riflette gli sforzi che il governo che è impegnato in ricerca di diversificazione e sviluppo dell’economia Pará.

“Il gruppo algerino è in realtà lo stato di desiderio, che è quello di aggiungere valore ai loro prodotti e vari investimenti in conformità con il potenziale di ciascun comune. Con che arriva la generazione di migliaia di posti di lavoro, e questa è la grande sfida in un momento in cui il paese ha perso migliaia di posti di lavoro. Sappiamo che ci sono ancora molte sfide da affrontare, ma l’idea di questo termine accordo è solo unire gli sforzi per superarli “, ha detto il segretario.

Il protocollo prevede anche un contratto per la fornitura di minerale di ferro per Vale con prezzi più competitivi per l’acciaio, economicamente permettendo l’impianto, riducendo i costi di produzione. Vale anche costruire una estensione che collega l’area dell’acciaio alla Carajás ferrovia, riducendo i costi di infrastruttura per l’acciaio.

Cevital è anche impegnata a fornire acciaio più economico in vendita domestica in Maraba. L’iniziativa attirerà maggiori investimenti per la verticalizzazione della produzione locale. Ma il governo dello Stato, così come mediatore dell’attuazione dell’acciaio nel sud-est del Pará, ha firmato un accordo per garantire incentivi fiscali per l’attività, come già previsto legge approvata nel Alepa, e sancita dallo Stato potere esecutivo, confermando la proposta strategia governo dello stato per creare meccanismi e dare priorità aziende che cercano la produzione di verticalizzazione in territorio Pará.

Hanno partecipato all’incontro anche i sindaci di Parauapebas e Palestina do Pará, Valmir Mariano e Valciney Gomes, rispettivamente, e le legislatori statali Haroldo Martins, Ana Cunha, Thiago Araújo, João Chamon, Tiao Miranda, Renato Ogawa, Luis Seffer e Milton Campos.

_________________________

L’articolo integrale in lingua originale è consultabile a questo indirizzo: http://www.agenciapara.com.br/noticia.asp?id_ver=122381

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.3.2016. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

3 Commenti per “BRASILE: PROTOCOLLO TRA CEVITAL, VALE E GOVERNO DEL PARA’ PER PRODURRE ROTAIE”

  1. Ciuco nero

    Ma va?? Chi l avrebbe mai detto!???

  2. Sergio Tognarelli

    ” La Vale cederà tutto questo senza alcun costo per l’imprenditore.” IL SIG. REBRAB E’ PROPRIO FORTUNATO, IN BRASILE GLI REGALANO I PROGETTI, A PIOMBINO COMPRA UN’ACCIAIERIA PER POCHI EURO…

  3. Ciuco nero

    Da qui si capisce quanta voglia ha di investire a Piombino. Ha comprato Piombino con 5 milioni di euro smonta il possibile e porta in Brasile .una volta finito di sciacallare lo stabilimento un bel lucchetto e tutti a casa.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 22 giorni, 5 ore, 3 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it