TOSCANA: ABBATTIMENTO CINGHIALI, SE NECESSARIO DARE ANTICONCEZIONALI

la manifestazione a Livorno

la manifestazione a Livorno

Livorno (LI) – Continua la campagna TOSCANA ROSSO SANGUE: dopo il Ponte Vecchio a Firenze, lo striscione è comparso ieri sera a Livorno davanti al monumento ai 4 Mori. Alcuni attivisti lo hanno esibito per contestare la  legge Remaschi che intende sterminare 250.000 ungulati in tre anni, militarizzando il territorio toscano. Di opinione diametralmente diversa Miari Fulcis (Confagricoltura) “Siamo a carnevale, accettiamo le maschere ma basta farsi pubblicità a discapito di problemi ben più ampi”.

La campagna – sottoscritta da numerosi intellettuali, scrittori, naturalisti – propone un percorso diverso, che sia indipendente dalla logica venatoria.

In sintesi:
1) censimento indipendente degli ungulati;
2) verifica di un’eventuale sovrappopolazione;
3) interventi diretti di protezione delle colture(barriere fisiche e olfattive e altre misure simili), con risarcimenti effettivi per i danni comunque riportati;
4) interventi diretti per prevenire incidenti stradali (passaggi protetti, protezioni, avvisi specifici);
5) se necessario, utilizzo di anticoncezionali per limitare i tassi di riproduzione.

L’uccisione di massa degli animali è una pratica odiosa e violenta e anche sostanzialmente inutile: non produce risultati stabili, perché gli animali reagiscono aumentando i tassi di riproduzione e perché il numero di animali presenti in un territorio è legato alla disponibilità di cibo, acqua e rifugi. L’opzione cruenta appartiene al passato delle tecniche di gestione del territorio. Un’altra soluzione è possibile, senza militarizzare il territorio, senza rendere sgradevole  la campagna toscana, senza aumentare i pericoli per le persone connessi alla caccia. Si tratta di compiere una scelta politica diversa.

_______________________

Legge sulla caccia, Miari Fulcis (Confagricoltura) “Siamo a carnevale, accettiamo le maschere ma basta farsi pubblicità a discapito di problemi ben più ampi”

Firenze, 25 gennaio 2016 – “Siamo a carnevale e quindi accettiamo le maschere ma credo che sia più opportuno smettere di farsi pubblicità a discapito di problemi ben più ampi di cui la Regione si sta occupando”. Così il presidente di Confagricoltura Toscana Francesco Miari Fulcis intervenendo stamani ai microfoni di Toscana Tv per commentare lo striscione  esposto ieri a Ponte Vecchio, a Firenze, da alcuni attivisti di ‘Toscana rosso sangue’ contro la legge sulla caccia.

“Questo flagello va sicuramente eliminato. Il nostro paesaggio non deve essere deturpato ma deve tornare ad essere virtuoso. Per questo è necessario trovare quanto prima una soluzione per ridurre i danni immani registrati ogni giorni a prati e frutteti e che mettono in ginocchio le nostre colture. Chi non conosce seriamente la materia farebbe meglio a tacere e ad occuparsi del proprio mestiere.”

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.1.2016. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 28 giorni, 17 ore, 14 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it