PD: DAI TAVOLI #ADESSOILFUTURO AGRICOLTURA TURISMO E DIVERSIFICAZIONE

federazione PD 2015Piombino (LI) – Il Pd presenta il risultato dei tavoli di #adessoilfuturo. Non solo più industria e porto, ed emerge una nuova strategia. Dopo circa due mesi di lavori, sabato 19 dicembre sono stati presentati i documenti partecipati dei tavoli istituiti dal Partito Democratico. E la “Parola Magica” emersa da decine di riunioni organizzate dal Pd è stata questa: la “inaspettata” richiesta di diversificazione dalla monocultura industriale. E così, con almeno 20 anni di ritardo, sembra che il partito di governo voglia cambiare rotta.

Presenti all’incontro il segretario della federazione Pd Valerio Fabiani, che ha presentato i risultati del percorso partecipativo, insieme ai vice Carla Maestrini e Francesco Lolini, ai componenti del direttivo di Federazione e ai sindaci Massimo Giuliani (Piombino), Rossana Soffritti (Campiglia) e Alessandro Bandini (San Vincenzo).

I primi due punti che vuole affrontare il partito sono il modello di sviluppo del territorio e il servizio socio-sanitario. Il segretario Fabiani ha illustrato i punti cardine affrontati dei singoli documenti, e ha illustrato in dettaglio i temi che il partito vuole avviare per il rilancio del territorio abbandonando certezze e luoghi comuni: ambiente e territorio, questione Aferpi, infrastrutture, agricoltura, turismo e parchi, sanità e sociale per aprire una nuova stagione di ripianificazione.

Dai tavoli oltre alla diversificazione è emersa la necessità di valutare sempre la sostenibilità ambientale dei progetti. «Ambiente alla base di attività economiche come turismo e agricoltura di qualità – afferma Fabiani –; la riqualificazione del polo industriale di Piombino e la chiusura delle centrale termoelettrica Enel ci offrono questa possibilità».

Ora la sfida è individuare strumenti urbanistici semplici e con tempi brevi per la loro applicazione. «Lo faremo – sostiene il sindaco di Campiglia Rossana Soffritti –, il nostro lavoro sarà in questa direzione: semplificazione delle procedure e riduzione dei tempi tecnici, la collaborazione tra Comuni nell’ufficio di piano serve anche a questo».

Il sindaco Massimo Giuliani interviene, allora, sul caso piombinese. “Bisogna avere una visione, applicare un’innovazione strutturale senza ricorrere ad alcun palliativo, ascoltando le imprese e fare un’analisi completa. – spiega Giuliani – Per un nuovo modello di sviluppo serve un obiettivo, ovvero lavoro, sviluppo e ambiente. Per perseguirli bisogna scegliere delle modalità e un driver – e puntualizza – la modalità è la diversificazione e il driver è la sostenibilità”.

Speriamo quindi sia finita definitivamente l’epoca degli annunci e delle “svolte epocali”, anche perché il tempo per il cambiamento è finito, e il territorio è indietro rispetto al resto del paese di almenno dieci anni e non può più reggere nuove “narrazioni credibili” fatte da politici e amministratori.

Qui si può scaricare tutta la documentazione relativa ai tavoli di Federazione. documenti tavoli PD

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.12.2015. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 26 giorni, 9 ore, 11 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it