EDITORIALE: MA QUANTO E’ SANA LA SANITA’?

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

___________________________

EDITORIALE: MA QUANTO E’ SANA LA SANITA’?

Corriere Etrusco “numero 127” del 24 novembre 2015.

Sabato scorso ho provato per la prima volta l’ospedale diffuso Piombino-Cecina, che sarà la norma secondo la nuova proposta del Partito di maggioranza locale, per migliorare la qualità della nostra vita, dal punto di vista sanitario.

Avevo da effettuare una visita di controllo che a Piombino mi avevano fissato ad oltre 300 giorni mentre a Cecina solamente 186. Come non accettare una proposta così allettante?

E così, dopo aver fatto lo stesso esame in quattro giorni dal privato, segno sul calendario la data fatidica convinto che, se l’ASL 6 lavora anche di sabato e nonostante questo ti visita a sei mesi di distanza, avrei trovato una grande fila davanti al reparto.

Arriva il gran giorno e parto alla volta di Cecina, il tempo è incerto, ma non piove ancora. Quasi quaranta minuti di viaggio e 20 euro di carburante, l’obolo all’extracomunitario che “gestisce” il mio posto auto, di cui il parcheggio è letteralmente invaso, poi 38 euro di “Ticket” e salgo al primo piano. Nello stanzone vuoto solo tre anziani che si guardavano l’un l’altro interrogandosi se erano nel posto giusto perché non c’erano altre informazioni.

Mi chiamano per primo. Un dottore svogliato che mi risponde a fatica alle domande impiega cinque minuti per farmi l’esame, e altrettanti per riempire il referto. Poi esco. Ho finito.

Il ritorno sulla variante sotto la pioggia è allucinante e richiede tutta la mia attenzione per tornare vivo a casa dopo tre quarti d’ora.

E mentre guido mi chiedo: Perché se non c’è nessuno a fare gli esami li fissano a un anno di distanza, quando Grosseto in due mesi al massimo ti visita? Quante persone hanno l’appuntamento ogni giorno visto che in due ore potevano essere visitate almeno dieci persone?

E poi c’è la parte economica: ticket+carburante+obolo sono 60 euro, nel privato la stessa visita con una qualsiasi convenzione (Coop, Unipol, ecc) costa 65 euro. Per chi ha meno di 65 anni quindi, anche in prima fascia non ha più davvero alcuna convenienza, visto che paghi uguale e perdi tutta la mattina per vedere gente “annoiata” in ospedale.

Se uno fosse maligno potrebbe pensare che quasi lo stiano facendo apposta per incentivare il privato. E le tappe forzate con cui la maggioranza ha calendarizzato l’approvazione in Regione della nuova legge, di sicuro è di supporto ai mal pensanti.

Giuseppe Trinchini

_________________________

P.s. Giovedì 3 dicembre, ore 18 presso la sala convegni del porto turistico Marina di Salivoli a Piombino, tappa locale di  #sanitàda10, il ciclo di incontri organizzato in tutta la Toscana dal gruppo Pd del Consiglio regionale per parlare della riforma del servizio sociosanitario regionale.

Visto che queste vicende, almeno per quel che si legge sui social networks sono all’ordine del giorno, potrebbe essere l’occasione giusta per i residenti per esprimere i loro dubbi e le loro perplessità sulla riforma.

_________________________

CORRIERE ETRUSCO SETTIMANALE n° 127 DEL 24 NOVEMBRE 2015

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.11.2015. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 18 giorni, 11 ore, 5 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it