PARODI: IREN VUOL VENDERE ASA AD ACEA ALL’OSCURO DEI SINDACI?

il sindaco Giuliano Parodi

il sindaco Giuliano Parodi

Suvereto (LI) – Pubblichiamo integralmente il preoccupante interrogativo del sindaco di Suvereto Giuliano Parodi sulla vendita di ASA ad Acea.

“Trovo allarmante che Iren S.p.A, la multiutility socio privato al 40% di ASA s.p.a, di cui pero’ detiene la governance e le scelte strategiche, sta mettendo in campo manovre all’oscuro dei soci pubblici della societa’ , ovvero i Comuni e i loro Sindaci.” interviene il Sindaco di Suvereto sulla delicata questione della gestione del servizio idrico.

Mi e’ giunta notizia dal Presidente di ASA, Dott. Del Nista che IREN spa ha disposto una “due diligence” (in italiano, analisi dei conti) che identifica il processo investigativo che viene messo in atto per analizzare valore e condizioni di un’azienda, o di un ramo di essa, per la quale vi siano intenzioni di acquisizione, investimento o cessione.

Il pericolo e’ che IREN spa sia in trattativa privata con ACEA spa, il colosso multiservizi attivo nella gestione e nello sviluppo di reti e servizi nei settori dell’acqua, dell’energia e dell’ambiente, principale operatore nazionale nell’acqua con un bacino di utenza di oltre 8 milioni di abitanti, che sta scalando le partecipate che gestiscono il servizio idrico per fagocitarle e diventare gestore in regime di monopolio del bene pubblico.

E’ il momento che i Sindaci alzino la voce e prendano posizione concreta sulla questione. Quale futuro per la gestione del servizio? Vogliamo che una multinazionale ci fagociti o vogliamo vedere di riprendere la gestione del servizio idrico per garantire efficienza e costi contenuti per i cittadini?

Questo silenzio ed immobilismo da parte dei sindaci e del PD e’ imbarazzante, anche se per loro il destino e’ gia’ tracciato ma abbiano il coraggio di esternarlo ai loro cittadini, visto che il Governo Regionale sostiene la strada della privatizzazione del servizio, spalleggiando l’accentramento in unico soggetto della gestione (come per il trasporto pubblico, i rifiuti e la sanita’).

A distanza di 4 anni dal referendum sulla ri-pubbliciazzazione dell’acqua cosa si e’ fatto di concreto a livello nazionale, regionale e sovracomunale per dar seguito alla volonta’ popolare?

“Notizia di questi giorni il Consiglio di Stato ha disposto una perizia sul rispetto dell’esito referendario mettendo in dubbio la leggittimita’ delle tariffe sull’acqua predisposte dall’AEEGSI” continua il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi “metodo a cui, unico sindaco, mi ero opposto alcuni mesi fa nella conferenza dell’ AIT (autorita’ idrica toscana). Nell’ordinanza si dispone un ulteriore consulenza tecnica per assicurare la completezza dell’istruttoria ai fini di un compiuto giudizio. Di fatto i giudici intendono approfondire la questione della voce tariffaria relativa alla copertura degli oneri finanziari, per valutarne la conformita’ al vigente assetto normativo scaturito dall’esito referendario.”

“Alla luce di ciò” conclude Parodi “mi auguro per il bene dei cittadini e per la democrazia , che l’esito di tale perizia possa confermare quello che come Sindaco e come membro del forum nazionale dell’acqua ho sempre sostenuto, ovvero che il metodo tariffario predisposto dall’AEEGSI viola palesemente l’esito del secondo referendum sul servizio idrico del giugno 2011, quello che ha abrogato la remunerazione del capitale investito nelle tariffe e pertanto debba essere modificato per liberare le bollette degli utenti di quell’esoso balzello.”

Giuliano Parodi
Sindaco

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 31.10.2015. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 16 giorni, 3 ore, 25 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it