#CAMBIAVERSO: NON BASTA AFERPI. PRIORITA’ ALLA SS.398 FINO AL PORTO

La data di inizio del cambiamento

La data di inizio del cambiamento

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente un commento dell’associazione #Cambiaverso sulle ultime novità provenienti dalla politica dopo l’incontro con Rossi di lunedì scorso. L’associazione è preoccupata del fatto che anche puntando sul porto, senza una vera strada di accesso allo stesso, il fallimento per il territorio sarà probabile, a prescindere dagli impegni di Aferpi, e chiede priorità assoluta per la progettazione e la realizzazione della 398 fino al porto.

«Sono quattro gli accordi di programma che regolano la partita delle bonifiche, dello sviluppo industriale e portuale, della riconversione economica. All’interno di questi accordi, c’è solo una vaga traccia della necessità di un potenziamento dell’infrastruttura viaria dell’area portuale di Piombino e della bretella di collegamento dell’A12 con il Porto di Piombino.

Tutto ciò senza un finanziamento dedicato, in quanto all’epoca stava ancora su piedi vacillanti l’idea dell’autostrada sulla variante Aurelia da eseguire da parte di Sat.

Ora sappiamo che lo stesso completamento delle banchine portuali è strettamente legato alla realtà della 398, come abbiamo appreso le aree attualmente disponibili per un vero processo di reindustralizzazione sono pochissime, e quelle che ci sono mancano di bonifica e/o di urbanizzazione primaria.

Se invece guardiamo i tempi di realizzazione delle previsioni Cevital, richiedono tempi più lunghi di quelli inizialmente previsti, stante la necessità di lavori e di opere preparatorie, si può solo sperare in un prolungamento degli ammortizzatori sociali.

Nel frattempo questo territorio dovrebbe lavorare più concretamente per accelerare i processi di diversificazione economica, che non sia solo siderurgica; da quelli in atto con il porto, a tutti gli altri che possiamo avviare attraverso una vera e profonda valorizzazione del nostro territorio.

Una nuova pianificazione territoriale per non legarsi solo ad un unico soggetto economico, cercando di non ripetere gli errori del passato, puntando su lavoro e competitività.

Parliamo della PMI, di edilizia, di tutte le attività vocate al mare, la nautica, la cantieristica, la filiera ittica del pescato e dell’industria conserviera, aggiungendo risorse non banali come turismo balneare e culturale.

Queste sono le motivazioni per cui l’associazione Costa Toscana#cambiaverso si augura che l’amministrazione proceda a sollecitare Governo e Regione verso una rimodulazione dell’Accordo di Programma, soprattutto nella parte finanziaria, prevedendo come priorità assoluta la progettazione e la realizzazione della 398 fino al porto.

Per attrarre investimenti, sviluppo di qualità e posti di lavoro in settori diversi da quello siderurgico, contestualmente chiediamo che l’amministrazione intraprenda la revisione degli strumenti urbanistici Comunali e sovra comunali, attraverso la ricerca di aree immediatamente disponibili per eventuali potenziali investitori».

Associazione Costa Toscana#cambiaverso

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.10.2015. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 26 giorni, 3 ore, 37 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it