TOSCANA: SICUREZZA SUI TRENI, ROSSI: “DAI PREFETTI MI ASPETTO UN PIANO SPECIALE”

La stazione di Campiglia

La stazione di Campiglia Marittima

FIRENZE – “Mi rivolgo ai prefetti e alle forze dell’ordine. Abbiamo bisogno di una presenza straordinaria e costante sui treni in modo da scoraggiare i malintenzionati di ogni tipo e provenienza sociale ed etnica. Non è possibile che i lavoratori delle ferrovie e i cittadini che prendono il treno non abbiano risposte adeguate da parte delle istituzioni. Chiedo che si faccia un vero e proprio piano regionale che coinvolga tutte le prefetture interessate. Per quanto mi riguarda combatterò questa battaglia con grande determinazione. Spero che dopo tante sollecitazioni non mi sia necessario salire sui treni, come ho fatto per denunciare la situaizone dei pendolari, questa volta per rendere pubblico ciò che i cittadini già vedono ogni giorno”.

Con queste parole il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che sulla questione della sicurezza e della legalità sui treni regionali in mattinata ha già inviato una lettera al ministro Alfano, ha chiesto ai prefetti di attivarsi su quella che va considerata una vera e propria priorità. Convocazione dei comitati provinciali per la sicurezza, coordinamento regionale da parte del prefetto di Firenze, adozione di un vero e proprio piano per la sicurezza che preveda presidi delle forze dell’ordine sui treni, videosorveglianza, controlli e filtraggio alle stazioni e quanto altro sia necessario: questo quanto chiede il presidente.

“La Regione – sottolinea il presidente – non ha proprie forze dedicate all’ordine pubblico, ma ha già più volte posto la questione. Ha scelto di pagare il biglietto al personale delle forze dell’ordine che si reca al lavoro in treno, per garantire una maggiore presenza. E’ disposta a investire ulteriori risorse per integrare il personale di polizia con agenti privati. Ma ora tocca allo Stato fare la sua parte. Mi aspetto risposte concrete”.

Tutto questo, conclude Rossi, anche per combattere la piaga dell’abusivismo così come per assicurare che i biglietti siano pagati. “La Regione Toscana – ricorda infatti – paga il servizio pubblico. I biglietti non fatti sono un danno per le nostre casse e danneggiano la possibilità di mantenere i livelli del servizio pubblico”.

 

__________________________

Toscana – Dopo che il 26 agosto è stato aggredito un addetto di protezione aziendale di Firenze, e il 27 un capo treno della dtr toscana i sindacati in modo unitario dichiarano uno sciopero per denunciare una emergenza che deve essere fermata. Così i ferrovieri della toscana difendono il proprio lavoro ma anche la propria sicurezza ed incolumità e scioperano dalle ore 09.00 alle ore 16.59 del 29 agosto 2015.

Le OO.SS. FILT-CGIL FIT-CISL UILTrasporti della Toscana, esprimono solidarietà ai due ferrovieri vittime delle aggressioni. La prima, la sera 26 agosto alle 18.30 nella stazione di Firenze SMN, dove è stato aggredito un lavoratore di Protezione Aziendale addetto al controllo degli accessi. La seconda, la mattina del 27 agosto sul treno regionale veloce 2337 Pisa-Roma dove, nei pressi della stazione di Campiglia Marittima, è stato aggredito il capo treno in servizio.

Le OO.SS: regionali Toscane denunciano che il fenomeno delle aggressioni al personale ferroviario è diventato una emergenza che nessuno si può permettere di ignorare. Da anni queste Segreterie Regionali denunciano tale situazione in tutte le sedi possibili, sia aziendali che istituzionali assistendo a continui rimpalli di responsabilità/competenze.

Per questi motivi viene dichiarato uno sciopero immediato di otto ore, di tutto il Personale Mobile, di tutte le Biglietterie e Assistenza e di Protezione Aziendale della Toscana per il 29 agosto 2015 dalle ore 09.00 alle ore 16.59.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.8.2015. Registrato sotto Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “TOSCANA: SICUREZZA SUI TRENI, ROSSI: “DAI PREFETTI MI ASPETTO UN PIANO SPECIALE””

  1. Ciuco nero

    Si bravi,prima li fate venire perché ci mangiate sopra con le varie coperative di aiuti e poi quando fanno casino vi aspettate risposte da altri!!

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 21 giorni, 15 ore, 45 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it