COLDIRETTI: UNGULATI, CINGHIALI PERICOLO PUBBLICO

cinghialiColdiretti Toscana (info su www.toscana.coldiretti.it)  interviene dopo la tragica morte del trentanovenne in seguito allo scontro tra la sua auto ed un cinghiale di oltre 100 chili e che gli ha improvvisamente tagliato la strada mentre stava percorrendo la provinciale di Castellina Marittima, al confine tra le province di Pisa e Livorno, per chiedere una accelerazione degli interventi di riduzione della popolazione concordati con la Regione Toscana.

I cinghiali sono un pericolo pubblico. Non è più solo questione di agricoltura ed agricoltori, di danni alle coltivazioni e di devastazione di raccolti che ogni anno si registrano nelle campagne della regione. A rischio c’è la sicurezza dei cittadini.  Secondo la principale organizzazione agricola che nelle scorse settimane aveva ridato vigore alla sua azione di protesta raccogliendo la disponibilità dalla Regione Toscana a risolvere l’emergenza ungulati ed attuare un piano di contenimento, sono 450 mila gli esemplari a piede libero che devastano campi, azzerano le produzioni, sterminano gli allevamenti, mettono a repentaglio la sicurezza stessa dei cittadini e creano conseguenze devastanti anche sull’ambiente contribuendo all’impoverimento della fauna e della flora del bosco e del sottobosco. Insufficienti gli abbattimenti da parte del mondo venatorio: appena 90 mila circa. 100 milioni di euro i danni prodotti in cinque anni ad un ritmo di 20 milioni all’anno.

“Il numero di cinghiali – spiega Tulio Marcelli, Presidente Coldiretti Toscana – è raddoppiato nonostante gli abbattimenti che continuano ad essere insufficienti per affrontare un’emergenza di queste proporzioni e di questo impatto. Abbiamo fiducia nel piano che la Regione Toscana ma serve dare immediatamente corpoagli interventi: i cinghiali sono ormai un pericolo pubblico”. Sono centinaia, ogni anno, gli incidenti provocati dagli ungulati (4mila dal 2001 al 2008 secondo l’ultimo dato ufficiale). “I cinghiali – spiega – si spingono fino ai centri cittadini, invadono le carreggiate costituendo un pericolo per tutti i cittadini. I cinghiali non devono più essere un pericolo pubblico”.

Coldiretti chiede infine la revoca delle zone di rispetto venatorio e nei Parchi che rappresentano solo “un rifugio” per gli ungulati: “siamo arrivati al punto di non ritorno: bisogna ritrovare la sostenibilità anche catturando all’interno di quelle aree che fino ad oggi sono off-limits per i cacciatori come zone di ripopolamento e parchi o rischiano di non risolvere il problema fino in fondo”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.8.2015. Registrato sotto Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    46 mesi, 5 giorni, 6 ore, 44 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it