ASIU: SINDACO E GIUNTA SFUGGENTI E RETICENTI?

il consigliere Fabrizio Callaioli

il consigliere Fabrizio Callaioli

Piombino (LI) – Ieri in Consiglio Comunale a Piombino si doveva discutere di ASIU (l’azienda che attualmente si occupa dei rifiuti in Val di Cornia, ndr.). Ma questo non è avvenuto per un “rinvio tattico” che poteva essere interpretato in più maniere. Riportiamo la versione del consigliere comunale di Rifondazione Fabrizio Callaioli. Eventuali repliche o integrazioni sono possibili al termine dell’articolo nello spazio commenti.

«Arrivati alle ore 18,30 circa – inizia il consigliere Callaioli – il Presidente del Consiglio Trotta dice che si deve chiudere perché non ci sono i soggetti interessati agli atti da discutere e fa l’elenco.
Arriva all’interrogazione del M5S su problemi tecnici di ASIU e Trotta dice che non si può discutere perché l’assessore Chiarei, presente in aula, non era in grado di rispondere perché l’interrogazione era complessa e l’aveva ricevuta 3 giorni prima e non aveva avuto il tempo di prepararsi.
Quindi riferisce che non era possibile discutere neanche la mia interrogazione sui debiti di ASIU perché l’assessore Francini, presente fino a mezz’ora prima, non c’era più ed era lui deputato a rispondermi.

Protesto, mostrando un non inequivocabile disappunto, ma da solo, che quello non è il sistema, ma il consiglio viene sciolto. Se ne riparlerà il 16 luglio.
E’ chiaramente un comportamento gravemente elusivo e censurabile.

E’ intollerabile che un assessore si allontani dall’aula prima di aver risposto alle interrogazioni delle forze politiche. Il comportamento dell’assessore al bilancio Francini è ingiustificato e dimostra una grave mancanza di rispetto nei confronti del consiglio e di tutta la città. Va detto inoltre che avrebbe comunque potuto e dovuto rispondere il sindaco, capo della giunta e soggetto che ha fornito le deleghe agli assessori. Ma il sindaco Giuliani si è ben guardato dal prendersi la responsabilità di rispondere sui debiti di ASIU. In compenso, mezz’ora prima si era dilungato a parlare delle feste dicendo che quello era un argomento a lui particolarmente caro.

Il fatto è – inisiste Callaioli – che ASIU versa in una gravissima situazione economica: milioni di debiti con le banche e con i fornitori, cui si aggiungo i 4 milioni che rischiamo di dover pagare per il mancato avviamento dell’impianto CDR e gli altri milioni necessari a chiudere la discarica. Una situazione disastrosa.

Un futuro incerto, con un piano industriale che ancora non hanno trovato il modo di presentare all’assemblea dei sindaci e che, in consiglio comunale, il sindaco e gli assessori addirittura negano che esista. Non sanno come gestire lo smaltimento dei rifiuti una volta che i servizi di spazzamento e raccolta saranno passati a SEI. Non sanno come salvaguardare i posti di lavoro di tutti i dipendenti impegnati negli impianti e nell’amministrazione.

Un tracollo generato da dieci anni di pessima gestione, che ha delle precise responsabilità, di cui la maggioranza non vuol parlare.
E allora si inventa quel teatrino indecoroso, fatto di scuse e di fughe, per non rispondere alle interrogazioni delle forze di opposizione. Così intanto prendono tempo.
Chissà quale miracolo attendono – conclude Fabrizio Callaioli – di qui al prossimo consiglio comunale».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.6.2015. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “ASIU: SINDACO E GIUNTA SFUGGENTI E RETICENTI?”

  1. lino

    Vediamo di capire. L’assessore Chiarei riceve Martedì 23 Giugno un’interrogazione sull’ASIU, la più importante partecipata del comune di Piombino. Un’azienda sotto esame da qualche mese a questa parte. Si potrebbe tranquillamente scommettere che l’assessore all’ambiente ne conosca vita morte e miracoli dato l’argomento di sua stretta pertinenza e visti i problemi che corre. Macchè, questo mellifluo individuo candidamente afferma che in tre giorni, siamo infatti giunti a venerdì 26, non si è potuto documentare e quindi non può rispondere alle domande a lui rivolte dalle opposizioni. Ma questo signore o è proprio scemo o sta prendendo per il culo il consiglio comunale. La cosa certa è che l’ASIU è nella merda fino al collo e a
    compagnia di lei ci sono sia questo Chiarei, genio dell’ambiente, sia il sindaco Giuliani . Ricordiamo infatti che questi due signori sono dentro l’Amministrazione da 11 anni. 11 anni e ancora devono studiare lo stato dell’arte dell’ASIU. Lasciamoli al loro posto per altri 10 anni e vediamo cosa succede. Nel frattempo ci potrebbe dire
    qualcosa l’ex sindaco, amico di Khaled e ora consigliere regionale, l’amato
    Anselmi. Ma forse anche lui non sa niente e la colpa sarà attribuita al solo Murzi.
    Scaricheranno tutto su Murzi e Barbarese, altro soggettino da nulla, e così chi doveva controllare avrà salve le chiappe. Così vanno le cose in questa città addormentata.

  2. Ciuco nero

    Ri dategli il voto a questa gente anche alle prossime elezioni…mi raccomando.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 18 giorni, 11 ore, 12 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it