NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 12 GIUGNO 2015

RSU ASIU: E’ INIZIATO L’ITER DI CESSIONE DELLO SPAZZAMENTO A SEI TOSCANA
Piombino (LI) – Il personale addetto al servizio di spazzamento e raccolta dei rifiuti della società Asiu sarà soggetto al passaggio diretto ed immediato a Sei Toscana Srl con la salvaguardia delle condizioni contrattuali, collettive e individuali in atto, compreso l’applicazione del contratto nazionale Federambiente.
«Ora vanno concretizzate anche le garanzie per i dipendenti degli impianti». Asiu e Sei Toscana hanno dato avvio alle procedure di cessione del ramo d’azienda «spazzamento e raccolta rifiuti urbani» con l’invio dell’informativa ex legge 428/90, alle rappresentanze sindacali aziendali e regionali per l’inizio del tavolo di trattativa, da aprirsi entro lunedì 15. L’assemblea dei lavoratori, convocata per discutere sull’argomento, ha preso atto, dalla lettura della comunicazione ufficiale, delle garanzie che le due parti aziendali, cedente e cessionaria, si impegnano ufficialmente a riconoscere al personale trasferendo.
La definizione del perimetro dettagliato del personale interessato al trasferimento sarà oggetto di confronto tra le aziende e le rappresentanze sindacali nel corso del tavolo di imminente apertura. «E’ ora giunto il momento, altrettanto importante, di dare concretezza alle garanzie espresse dalle Amministrazioni Comunali alle rappresentanze sindacali aziendali e regionali in ordine alle prospettive dei dipendenti non interessati dal passaggio che saranno dedicati alle attività di trattamento rifiuti e ambientali collegate. Prendiamo atto con soddisfazione della immediata disponibilità mostrata dai sindaci dei Comuni proprietari all’organizzazione dell’incontro sul tema già fissato per lunedì 15».
Su questo argomento le rappresentanze sindacali esprimono un obiettivo chiaro: «Devono essere sottoscritti impegni vincolanti per le Amministrazioni proprietarie tali da garantire pari prospettive occupazionali per tutti i lavoratori, a prescindere dal loro passaggio o meno in Sei Toscana. Affinché sia assicurata la massima attenzione sulla tematica della conservazione dei posti di lavoro di tutti i dipendenti Asiu». L’Assemblea ha condiviso la proposta delle organizzazioni sindacali di aprire uno stato di agitazione da lunedì 15 fino al raggiungimento delle necessarie garanzie contrattuali.

_________________________

IL MERCATO PER I CLIENTI DOMESTICI DI ELETTRICITÀ E GAS RESTI TUTELATO

Firenze, 10 giugno 2015.- La Federconsumatori chiede al Governo di stralciare dal DDL n. 3012, le disposizioni che prevedono la cessazione del Mercato Tutelato per i clienti domestici di elettricità e gas. Nella situazione attuale del processo di liberalizzazione del mercato dell’energia e gas sarebbe un attacco diretto alla tutela dei cittadini ed un lasciapassare alla crescita senza controllo delle tariffe. La cessazione del Mercato di maggior tutela determinerebbe l’eliminazione di un importante concorrente nel mercato elettrico e quindi una grave regressione della concorrenza, con il risultato di un aumento dei prezzi dell’elettricità per i cittadini e le piccole aziende.

Il prezzo di riferimento per elettricità e gas per il Mercato Tutelato, fissati dall’Autorità per l’energia, rappresenta un importante riferimento per l’intero mercato e , se eliminato, renderebbe ancora più difficile di quanto accade oggi la “comparazione” con le offerte del mercato libero. Già oggi, nonostante le tutele offerte dal Mercato di maggior tutela la vertenzialità con le Aziende del mercato libero stanno aumentando sia per contratti non richiesti sia su problematiche legate alla fatturazione e ai ritardi dell’invio delle bollette. Noi riteniamo che il mercato non sia maturo per un salto nel vuoto. Chiediamo perciò al Governo che si adopri per maggiori controlli sul mercato e sugli strumenti sanzionatori per chi opera con forme spregiudicate e aggressive.

Il Presidente Fulvio Farnesi

__________________________

DECORO URBANO. SECONDO FOCUS SUL CENTRO STORICO CON COMMERCIANTI E RISTORATORI DI CORSO ITALIA

Piombino (LI) – Continua il percorso avviato sul decoro urbano con il coinvolgimento di esercenti commerciali e ristoratori di parti diverse della città. Ieri pomeriggio, mercoledì 10 giugno, si è svolta la seconda riunione allargata agli esercenti commerciali di corso Italia, convocata dall’assessore al decoro Claudio Capuano. Presenti diversi commercianti tra i quali Benetton Bimbi, Idealcasa Onesti, Tabaccheria Bacci, Benetton Intimo, YamaMay, Farmacia Garigali, Replay, Swarosky, Bar 3 Clock, Da Rosa, Piccolo Mondo, i rappresentanti delle associazioni piombinesi che fanno parte del tavolo del decoro e Asiu.

Oltre ai temi scaturiti anche dai precedenti incontri, come quelli delle deiezioni canine, in questa occasione l’attenzione si è incentrata in modo particolare sulla gestione e manutenzione delle fioriere e sulla riqualificazione e abbellimento di corso Italia. Per i commercianti presenti, infatti, dovrebbe essere pensata una disposizione diversa di fioriere e panchine anche per dare l’idea di un centro cittadino commerciale. Corso Italia, come è ora, appare infatti più come prolungamento di una strada qualsiasi che come una strada commerciale del centro. In discussione anche la possibilità di pedonalizzare tutta la strada, anche nel secondo tratto, ipotesi però di difficile realizzazione, secondo il parere della Polizia municipale, per il passaggio dei mezzi di soccorso. Per quanto riguarda la manutenzione delle fioriere, l’assessore Capuano ha richiamato il regolamento del verde approvato in consiglio comunale e la possibilità di adottare una o più fioriere da parte dei commercianti i quali hanno comunque evidenziato la necessità anche di intervenire sulle fioriere stesse non sempre in buone condizioni.

Per quanto riguarda la pulizia della strada. Giuseppe Tabani ha confermato che la strada viene pulita quotidianamente e un eventuale riposizionamento delle fioriere nella via dovrebbe essere pensato in modo da non intralciare le operazioni di pulizia effettuate anche con la macchina. Affrontato anche il tema della presenza dei cestini. A Piombino ci sono molti cestini (750 in tutta Piombino e 130 in centro). Un numero elevato che comporta notevoli spese e un costo per la collettività piuttosto alto, sia per la manutenzione e pulizia ordinaria, sia per la loro sostituzione (un cestino non di ghisa ha costo di 450 euro in media). C’è la necessità quindi, come già ribadito nella precedente riunione, di trovare una collaborazione con i cittadini perchè il decoro urbano è un problema che riguarda tutti in un’ottica di cittadinanza attiva.

Tra luglio e agosto, partirà una campagna di informazione specifica alla quale farà seguito un programma di controlli stringenti. Nei prossimi giorni partirà anche il corso per ispettori ambientali che consentirà di accrescere le operazioni di controllo sul territorio.

Il prossimo incontro è previsto mercoledì 17 e riguarderà i commercianti e gli esercenti dei Portici.

________________________

PIOMBINO: ORARIO ESTIVO ALL’INFORMAGIOVANI

L’Informagiovani di Piombino ed il PAAS 319 (punto di accesso assistito ai servizi e ad Internet) cambiano l’orario di apertura di sportello, che dal 15 Giugno p.v. e fino al 13 Settembre p.v. varierà nel modo seguente: lunedì, martedì, mercoledì dalle 17 alle 20 e il giovedì dalle 10 alle 13. Orario invariato invece per l’Informagiovani di Riotorto: martedì e venerdì dalle 17.30 alle 19.30 e sabato dalle 10.30 alle 12.30.

Da quest’anno inoltre l’Informagiovani è diventato “Antenna Eurodesk” (Piombino risulta essere l’unico punto di servizio Eurodesk a sud di Rosignano fino a Roma) e garantisce l’informazione e l’orientamento dei giovani (e di tutti coloro che operano con/per loro) sui programmi europei rivolti alla gioventù (lavoro stagionale all’estero, scambi giovanili, tirocini presso le istituzioni dell’Unione Europea, campi di volontariato internazionale, lavoro alla pari “Au pair”, servizio volontario europeo, etc. etc.).

Lo sportello di Piombino si trova presso il Centro Giovani “F. De Andrè” in Viale della Resistenza 4, uno spazio in cui i giovani possono avere l’opportunità di attivare esperienze

di progettazione e di sviluppo della creatività.

__________________

PIOMBINO: CORSE ESTIVE DEGLI AUTOBUS TIEMME

Piombino (LI) – Sono entrati in vigore gli orari estivi per tutti i servizi urbani ed extraurbani curati da Tiemme. Il nuovo orario resterà in vigore fino a settembre, in coincidenza con la riapertura delle scuole.

Inoltre entrerà in funzione da oggi un nuovo collegamento bus tra San Vincenzo e la zona industriale: saranno attivate sei nuove corse feriali in partenza dal cavalcaferrovia di San Vincenzo alle 8.12, 10.15, 11.15; 12.17, 18 e 19. I bus raggiungeranno la zona industriale di San Vincenzo alla nuova fermata introdotta in via Pitagora, all’altezza del civico numero 24.

Tra le novità la fermata Tiemme al porto di Piombino sarà spostata dalla posizione attuale alla Darsena Lanini, di fronte all’Ufficio Circondariale Marittimo, a circa 80 metri di distanza. Di conseguenza i bus di tutte le linee in transito effettueranno le operazioni di salita e discesa dei passeggeri nel nuovo punto fermata. Per informazioni è possibile consultare il sito internet www.tiemmespa.it.

____________________

PARODI: ACCOGLIAMO I MIGRANTI SE FANNO LAVORI SOCIALMENTE UTILI

Suvereto (LI) – Cinquanta migranti potrebbero arrivare a giorni a Suvereto. Il sindaco Parodi: «Ok, ma devono svolgere lavori socialmente utili».

«La gestione fallimentare dell’emergenza messa in campo dallo Stato Italiano, palesa tutti i suoi limiti – incalza Giuliano Parodi – le cooperative più o meno organizzate e qualificate molto spesso nate ad hoc, scendono in campo per spartirsi una ricca torta farcita di denaro pubblico. In quanto uomo dello Stato mi sono messo a disposizione per fare la mia parte ed sono in costante contatto con la Prefettura di Livorno per monitorare una situazione in continua evoluzione.

L’integrazione – continua Parodi – è impensabile che si possa realizzare «parcheggiando» i profughi in qualche struttura ricettiva – magari in periferia per non disturbare troppo – a tempo indeterminato dove qualche associazione provvede a dargli vitto ed alloggio. Stiamo parlando di uomini e donne giovani, che fuggono dalla disperazione e da violenze inenarrabili. E’ necessario un progetto reale, che dia speranza e un futuro a queste persone.

Come sindaco mi sto muovendo in questa direzione. C’è un fiume di soldi pubblici che non può e non deve essere sprecato. Abbiamo enti locali al tracollo per il mancato trasferimento da parte dello Stato e la mia proposta è quella di dare integrazione e dignità ai nostri ospiti attraverso il lavoro». «In questi giorni sta prendendo corpo – evidenzia il sindaco – la possibilità che 50 migranti possano essere inviati dalla prefettura nel Comune di Suvereto, ed è necessario che la popolazione sia messa a conoscenza della situazione e della posizione di un’Amministrazione pronta ad aprire le porte e tendere la mano con tutta la solidarietà possibile, ma con le idee chiare e con un patto preciso legato alla possibilità di far svolgere a questi uomini lavori socialmente utili per la comunità. Un dare-avere che trasforma l’ospite in vicino di casa, che aiuta i migranti a sentirsi di nuovo vivi ed utili per la società».
____________________

PIOMBINO LA FEDERAZIONE PD CHIEDE A ROSSI IL RICONOSCIMENTO DEL CONSENSO

Gianni Anselmi in giunta regionale. La richiesta arriva dalla Federazione Pd. Un riconoscimento politico per l’ex sindaco (che ha avuto quasi dodicimila preferenze) e per il risultato schiacciante a livello regionale del Pd della Val di Cornia. Una richiesta scritta in un documento formulato dalla Segreteria e approvato all’unanimità (quindi anche dall’anima renziana) durante la riunione della direzione. «L’esperienza che abbiamo maturato in questa porzione di Toscana costiera ha tracciato un segno indelebile con la vittoria di Rossi e del Pd.

Per questo pensiamo che essa debba avere il giusto peso anche nelle scelte che riguarderanno gli assetti futuri del governo regionale: sia perché si tratta di un simbolo positivo di cui – siamo certi – potrebbe beneficiare ulteriormente tutta la Toscana qualora venisse ulteriormente valorizzato attraverso le scelte che il presidente della Regione intenderà liberamente e autonomamente compiere, sia perché il Pd in provincia di Livorno, anche dopo la bruciante sconfitta delle amministrative scorse nella città capoluogo, ha dimostrato in queste regionali di avere i numeri per preparare la riscossa e, stando insieme, da Collesalvetti all’Elba, ha anche una classe dirigente forte e capace, che è un patrimonio di tutta la Toscana. In particolare Gianni Anselmi – si legge nel documento – per il numero di preferenze raccolte non solo nel nostro territorio ma in tutta la provincia, per profilo politico e istituzionale e per le competenze maturate sul campo in materia di rilevanza strategica, può ben rappresentare questa classe dirigente, oltre a essere uno dei più importanti testimoni di questa nostra esperienza.

Per noi non si può parlare di rappresentanza della costa toscana senza la costa livornese. Così come sarebbe difficile parlarne senza utilizzare le energie migliori che, come Anselmi, potrebbero assicurare una rappresentanza politicamente forte, proprio perché riconosciuta dai cittadini. In questo quadro la valorizzazione e il riconoscimento del ruolo di Gianni Anselmi sarebbero percepiti come una scelta coerente con la prospettiva di un rilancio della costa, con la continuità di un lavoro collettivo di cui Rossi e Anselmi sono stati protagonisti e, quindi, come un decisivo rafforzamento della Regione che sarà alle prese di nuove e grandi sfide. Questa richiesta parte da un’ambizione che attraversa tutto il corpo elettorale».

______________________

PIOMBINO: FILIERA CORTA AL MERCATO DI PIAZZA DANTE ALIGHIERI

Piombino (LI) – Un nuovo mercato settimanale per la vendita di prodotti provenienti dal nostro territorio. L’iniziativa, promossa dalla Cooperativa Agrimercato PI-LI, riferimento territoriale di Coldiretti in collaborazione con l’assessorato all’ambiente e dall’assessorato alle attività produttive del Comune.

Il mercato a filiera corta ha come obiettivi principali quelli di offrire al mondo agricolo locale la possibilità di realizzare una vendita diretta in proprio, e allo stesso tempo di garantire ai consumatori un’offerta di prodotti genuini e freschi che abbiano un legame diretto con il territorio di origine, secondo il principio della filiera corta. Il regolamento stringente infatti non permette ai produttori di vendere alimenti che non siano propri.

I banchi saranno da un minimo di 6 a un massimo di otto. L’inaugurazione ufficiale è prevista per venerdì 19 giugno alle ore 9, anche se già da domani alcuni banchi saranno presenti in piazza Dante per la vendita. Al taglio del nastro parteciperanno l’assessore all’ambiente Marco Chiarei, il direttore Coldiretti Pisa-Livorno, Aniello Ascolese, il presidente di Coldiretti Livorno, già presidente della Cooperativa Agrimercato Pisa Livorno, Simone Ferri Graziani e il segretario di zona di Venturina Claudio Nobili.

Il mercato si svolgerà ogni venerdì mattina dalle ore 8 alle 12,30, in via sperimentale fino al 31 ottobre. Nell’occasione, Coldiretti proporrà l’iniziativa «pasta gratis se fai la spesa amica»: con una spesa superiore ai 5 euro si avrà diritto ad un pacco omaggio di pasta prodotta dal Consorzio agrario di Pisa con grano duro delle colline pisane.

______________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.6.2015. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 18 giorni, 7 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it