SUVERETO: «UN “MODELLO PIOMBINO” PER LA TOSCANA? NON SCHERZIAMO»

l'arancione è il colore vincitore a Suvereto

Il simbolo della lista Assemblea Popolare

Suvereto (LI) – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato della lista “Assemblea Popolare” di Suvereto, in relazione agli incontri del percorso programmatico del PD che si è tenuto la scorsa settimana a Suvereto.

Ci vuole un bel coraggio a proporre un “modello Piombino”, quando la nostra zona è una delle più critiche della Regione per disoccupazione, declino industriale, opportunità per i giovani, infrastrutture e problematiche ambientali.

Il partito democratico ha concluso proprio a Suvereto, nel luogo della sua prima debacle politica in Val di Cornia, il percorso programmatico per le prossime elezioni regionali. Dalla stampa leggiamo che il segretario della federazione Fabiani ha usato toni enfatici, dicendo che loro sono “la storia e il futuro” (non è poco, in effetti), che il nostro è “un territorio ricco di ambizioni e che guarda alla Toscana anche come una regione d’Europa, poiché questa è la nostra storia”. Ma cosa vuol dire? Non si sapeva già che la Toscana è una regione d’Europa? sarebbe forse più utile domandarsi chi l’ha ridotta così, visto che il suo partito ha governato ininterrottamente tutti i Comuni e ancora oggi li guida tutti, tranne Suvereto, appunto.

Parlano di successi e di sviluppo territoriale, ma quanto sono credibili essendo loro i primi responsabili dei problemi della Val di Cornia? Discutono di Acciaierie senza che Cevital abbia presentato un vero piano industriale per Piombino ed anzi qualche sindacalista della stessa area prefigura il ritorno all’altoforno senza preoccuparsi dell’ambiente e della salute dei cittadini; non indicano a cosa realmente possa servire la produzione di acciaio a Piombino (per tornare a fare le rotaie occorrerebbe anche un nuovo impianto di laminatoi visto che quelli esistenti sono obsoleti) visto che la produzione europea è già oltre le necessità. Parlano di sovracomunalità e non riescono neppure a risolvere i problemi di Asiu, né a portare avanti l’Unione dei comuni, come avevano stabilito i consigli comunali.

Con tutto il rispetto per chi si impegna, le novità non possono venire da chi porta la responsabilità politica dei problemi del territorio, da chi ha l’abitudine o il vizio del potere o da chi sta perdendo rapidamente iscritti e rappresentatività senza fare un minimo di autocritica, pensando sempre di essere sempre dalla parte del giusto. I contributi veri, di riflessione e di proposta, possono venire solo dalla partecipazione dei cittadini, dalle associazioni, da istituzioni aperte al cambiamento e da nuovi soggetti organizzati che cercano di farsi realmente carico dei problemi e delle aspettative dei lavoratori e dei giovani.

 

Assemblea Popolare Suvereto

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.2.2015. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “SUVERETO: «UN “MODELLO PIOMBINO” PER LA TOSCANA? NON SCHERZIAMO»”

  1. Luca Zerini

    Il “Modello Piombino” sopportato dai vari Manciulli, Velo, Tortolini, Anselmi,Giuliani, Lami,Gabrielli,Fagioli, Fabiani ha prodotto solo macerie ed ora da CAUSA vogliono diventare RIMEDIO, come dice Assemblea popolare hanno proprio un bel coraggio.
    Gestione delle società pubbliche partecipate (asiu in primis) e della crisi industriale da Nobel dell’Incompetenza.
    Piombino e la val di Cornia si possono salvare solo con un completo ricambio della classe politica, come è avvenuto nel tanto bistrattato (dal P.D.) Comune di Suvereto.
    I danni che hanno causato sono negli occhi di tutti e la sfrontataggine in cui decantano le loro inesistenti lodi e si aggrappano all’ennesimo “Babbo Natale” è la riprova della pochezza di idee che si ritrovano.
    Mi auguro un futuro senza di loro, se vogliamo averlo un futuro.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 19 giorni, 20 ore, 7 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it