PORTO: I FANGHI DI VIAREGGIO CONFERITI A PIOMBINO

il porto di Piombino al termine dei lavori

il porto di Piombino al termine dei lavori

Viareggio – Sono iniziati nei giorni scorsi i lavori di escavo dell’avamporto di Viareggio. Sabato 7 febbraio la draga autocaricante e autopropulsa della capacità di circa 1.400 metri cubi ha iniziato il suo primo viaggio verso il porto di Piombino per il conferimento in cassa di colmata. Le operazioni di scarico sono state regolarmente effettuate nel pomeriggio di sabato e il lavoro è proseguito e proseguirà anche la domenica, senza interruzioni, condizioni meteorologiche permettendo. Il personale regionale sarà impegnato infatti anche nei giorni festivi per il controllo dei quantitativi di escavo.

“Una notizia importante, quella dell’avvio dei lavori di escavo a Viareggio”, afferma l’assessore regionale a trasporti e infrastrutture Vincenzo Ceccarelli. “E’ un intervento atteso da tempo, sul quale si è impegnato costantemente il personale dell’Autorità portuale e dell’ufficio opere marittime della Regione Toscana. Punto di partenza è stata la stipula dell’importante accordo nel giugno 2013 tra l’Autorità portuale regionale e l’Autorità portuale di Piombino, con un percorso che dimostra i risultati ottenibili grazie al lavoro sinergico delle istituzioni”.

“Un intervento complesso – spiega Fabrizio Morelli, segretario dell’Autorità portuale regionale – che ha visto il coinvolgimento e una collaborazione stretta con la Capitaneria di porto di Viareggio e con il Chimico del Porto per le analisi sul materiale ai fini della sicurezza della navigazione da Viareggio a Piombino per un tragitto di circa 80 miglia. L’intervento di escavo si svolge infatti interamente via mare con impatto sull’ambiente pressoché nullo. L’utilizzo delle panne galleggianti per evitare dispersione di inquinanti verso l’esterno del porto, le caratteristiche della draga (stiva compartimentata in modo stagno e benna ecologica) e il monitoraggio in corso d’opera delle acque da parte del CIBM (Centro Interuniversitario di Biologia Marina) consentono di operare in condizioni di piena sicurezza”.

Come è noto la qualità dei fanghi, come rilevato in fase di progetto, non consentiva l’utilizzo per il ripascimento dell’arenile. Sono previsti il dragaggio di circa 20.000 metri cubi che metteranno in condizioni di sicurezza le navi nelle evoluzioni all’interno del bacino portuale. L’ultimazione dei lavori è prevista entro la fine del mese di marzo.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.2.2015. Registrato sotto Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 22 giorni, 5 ore, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it