PIOMBINO: BOTTA E RISPOSTA RENZIANI-RIFONDAZIONE SUL JOB ACT

Un momento di un'assemblea Lucchini

Un momento di un’assemblea Lucchini

Piombino (LI) – I renziani non ci stanno alle recenti critiche del consigliere comunale Fabrizio Callaioli di Rifondazione Comunista dopo la riduzione del 10% ai contratti di solidarietà. A stretto giro la replica di Rifondazione Comunista.

______________________

PIOMBINO#CAMBIAVERSO: «RIFONDAZIONE SI SCORDA CHE QUESTO GOVERNO HA SALVATO 40.000 LAVORATORI»

Riceviamo dall’associazione «Piombino#Cambiaverso».

«Dimenticarsi che proprio questo governo ha lavorato per la stipula dell’accordo di programma e che, fino ad oggi, ha garantito continuità di reddito alla stragrande maggioranza dei lavoratori del nostro territorio è scorretto».

Così Piombino#cambiaverso replica al capogruppo di Rifondazione Comunista Fabrizio Callaioli che ha attaccato il governo per la questione dei contratti di solidarietà. «Definire nemico dei lavoratori quel governo che ha risolto, in nove mesi, le delicatissime questioni occupazionali relative a circa quaranta situazioni di crisi tra cui Piombino, salvando circa 40.000 posti di lavoro ci pare veramente fuori luogo oltre che ingeneroso incalza Piombino#cambiaverso – Stupore perchè il mancato rinnovo della copertura per mantenere la maxi integrazione sperimentale introdotta nei contratti di solidarietà di tipo A pari al 20% e la sua riduzione al 10%, pur essendo un problema che non sottovalutiamo affatto, è comunque in via di risoluzione e noi siamo fiduciosi che il governo troverà anche questa volta le risorse per coprire il contributo».

«Dimenticarsi che proprio questo governo ha lavorato per la stipula dell’accordo di programma riguardante Piombino e che, fino ad oggi, ha garantito continuità di reddito alla stragrande maggioranza dei lavoratori del nostro territorio è scorretto perchè significa non considerare che gli stipendi dei dipendenti degli enti pubblici e delle loro partecipate, i contratti di solidarietà, la cassa integrazione e le pensioni fanno tutte carico alla fiscalità generale e, quindi, che ad oggi la nostra città economicamente dipende in maniera quasi esclusiva dalla fiscalità generale e quindi proprio dal governo che Callaioli critica. Detto questo anche noi avremmo voluto maggiori risorse ma non solo per i contratti di solidarietà».

________________________

RIFONDAZIONE: I LAVORATORI PIOMBINESI NON HANNO CERTEZZE SUL FUTURO

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Ci sarebbe da scrivere un libro per commentare gli errori del governo Renzi e quindi mi limito agli argomenti toccati dalla risposta di Cambiaverso. Dicono di aver risolto in pochi mesi tante situazioni problematiche tra cui quella di Piombino. Per ora su Piombino si parla tanto, ma di progetti materialmente intesi ne abbiamo visti pochi. Anzi, per restare in argomento “accordo di programma”, si attendono ancora i progetti per le bonifiche, in più, atteso che Cevital non pare interessata al Corex, almeno che non dimostri di essere capace di produrre rotaie lunghe con i forni elettrici, andranno persi svariati milioni di euro di finanziamenti europei. Per il resto: chiacchiere.

I lavoratori Piombinesi non hanno ancora certezze sul proprio futuro. Alcuni di questi (ad esempio diversi dipendenti della SOL) hanno già dovuto trasferirsi per conservare l’occupazione. Quelli dell’indotto anche peggio. Speriamo di non dover attendere il giorno dopo le elezioni regionali per conoscere la verità, perché per adesso tutte le promesse, da Cevital in giù, fanno temere di essere di fronte ancora una volta ad una campagna elettorale. Io, a differenza vostra, darò per risolta la situazione quando l’ultimo dei lavoratori Piombinesi avrà riottenuto il posto di lavoro. I militanti del PD si dicono fiduciosi che il governo troverà le risorse per risolvere il problema della mancata integrazione salariale fino all’80%. I cittadini possono limitarsi ad essere fiduciosi, ma quelli del PD sono al governo, devono spiegare cosa e come lo faranno. Intanto siamo al gennaio 2015 e le manovre di fine anno non hanno fruttato alcunché. I Cambiaverso dicono che avrebbero voluto maggiori risorse per cassa integrazione, pensioni etc. ma essendo tutto a carico della fiscalità generale, così come stipendi dei dipendenti pubblici etc., è un problema. Ebbene, nel mio intervento ho spiegato proprio che la mancanza di risorse è dovuta (oltre che agli sprechi) soprattutto ad una errata, per non dire inesistente, politica industriale.

I milioni di posti di lavoro persi in questi anni hanno determinato una perdita di PIL e di gettito fiscale che hanno tolto le risorse necessarie a fornire le sacrosante risposte in termini di servizi e di previdenza. E’ su questo che Renzi deve accettare di confrontarsi, ossia sulla difesa del tessuto industriale del paese. Una nazione seria lo difende facendo programmazione industriale e impedendo che con le delocalizzazioni si perdano posti di lavoro in continuazione. Fino a prova contraria, in questi anni l’assistenzialismo si è visto a favore delle grandi imprese. Quella di cui sto parlando io si chiama programmazione industriale. E i governi di questi ultimi anni non stanno neanche provando a farla».

Partito della Rifondazione Comunista Circolo di Piombino
Fabrizio Callaioli

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.1.2015. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “PIOMBINO: BOTTA E RISPOSTA RENZIANI-RIFONDAZIONE SUL JOB ACT”

  1. Sergio Tognarelli

    “I lavoratori Piombinesi non hanno ancora certezze sul proprio futuro.” Questa è l’unica cosa certa. Non basta il trionfalismo “renziano” per smentirla.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 16 giorni, 18 ore, 56 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it