NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 5 GENNAIO 2015

SUVERETO: IL PD CRITICA PARODI SUI GIARDINI

Suvereto (LI) – Il Circolo Pd di Suvereto “Norma Parenti” non ci sta ad essere additato dal sindaco Parodi come responsabile del degrato Suveretano e reagisce con una nota in cui «prende atto con piacere della comunicazione fatta sulla stampa del sindaco Parodi relativa all’imminente avvio dei lavori per la ristrutturazione dei giardini di Suvereto. Ristrutturazione che potrà essere realizzata grazie solo al contributo volontario di alcuni concittadini, senza il quale non sarebbe stato possibile questo intervento da parte dell’amministrazione.

Ci rammarica però il fatto che anche in questa occasione il sindaco Parodi ne abbia approfittato in maniera subdola per denigrare l’operato svolto dalla passata amministrazione usando termini come “abbandono” e “degrado” che mal si adattano a tutto ciò che la stessa amministrazione ha manifestamente fatto nel corso delle scorse legislature. Il recupero della Rocca, il restauro del Chiostro di San Francesco e delle piazze e l’arricchimento del centro storico ne sono solo un esempio. Con questo non vogliamo certamente fare opera di pavoneggiamento – specifica il Partito Democratico suveretano – ma neppure possiamo restare passivi alle accuse di immobilismo che ci vengono mosse pur sapendo che la realtà è completamente diversa. Il sindaco farebbe bene a fare il suo lavoro e chi fa bene il suo lavoro non ha bisogno di denigrare scorrettamente l’operato altrui.»

______________________________________________

GASPERINI: PROVINCE, SIAMO AL GIOCO DELLE TRE CARTE

Riceviamo e con piacere pubblichiamo questo intervento di Walter Gasperini: «Mentre il governo Renzi, che in attesa di cancellare dalla Costituzione le province, prevede esuberi già nel 2015 e stanzia per le province, nella legge di stabilità, risorse che coprono il fabbisogno degli stipendi per poco più di metà anno, assistiamo ad un enorme contraddizione. Infatti la Regione Toscana, con la giusta motivazione della semplificazione, ha presentato una proposta di legge che sostituendo almeno sette dispositivi legislativi, principio lodevole, fa riapparire le province alle quali verrebbero affidate tutte le competenze di gestione delle aree protette.

Si tratta della proposta di legge n° 352 “Norme per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturalistico ambientale regionale”. Disposto che non trova di meglio che proporre che le aree protette siano gestite dalle province. Con questa operazione si riporta la gestione in angusti e vecchi confini amministrativi (quelli provinciali) che molte volte hanno reso impossibile una corretta gestione del territorio anche in barba a quelle micro-regioni, concretamente vissute, che nessun confine amministrativo potrà mai spezzare. Viene alla mente il nostro parco di Montioni, ora interprovinciale, che, con la nuova legge, non potrà più esistere come ente unitario e che quindi sarà gestito in maniera differenziata contraddicendo la propria omogeneità storico ambientale e paesaggistica. Ma la meraviglia non si ferma qui; infatti lo stesso comune di Suvereto, per affermazione di un suo assessore, ha dichiarato che si scioglierà il Consorzio di gestione del parco con la conseguenza che ogni comune dovrà pensare all’area protetta per proprio conto. L’assessore e vice sindaco di Follonica sembra non abbia la stessa intenzione, ma nel frattempo i membri del consorzio hanno deciso che alcune risorse residue siano spese senza nessun disegno generale, ma che ogni membro le spenda nel modo che ritiene più opportuno. Ci sono da spendere circa 165mila euro che non andranno quindi a rendere operativo, in parte se pur piccola, dell’esistente Progetto del Parco, approvato da tutti i soggetti interessati, ma si faranno altri progetti, fra loro scoordinati, sempre tutto in nome della semplificazione e del necessario risparmio. Insomma si è data attuazione alla stessa proposta della Regione, non più visione interprovinciale ma ognuno chiuso nel proprio orticello a disperdere i pochi spiccioli in rivoli che non potranno quindi produrre quella visione di insieme da tempo auspicata, proprio perché non frutto di uno studio unitario ma di visioni sempre (e sempre più) separate.

Credo che dobbiamo fare appello al buon senso, alla tanta gente che negli anni si è impegnata nella richiesta di valorizzazione di quella stupenda area, piena di grandi patrimoni storici e culturali, con enormi potenziali di sviluppo turistico plurimo oltre che raccordo tra le due valli. Dobbiamo mettere sotto critica questo processo di spezzettamento di un soggetto territoriale che da sempre chiede di essere gestito in modo unitario. Dobbiamo rifiutare quelle proposte che continuano ad impedire, aggravando di fatto la situazione, la valorizzazione del Parco di Montioni, sapendo che proprio queste divisioni hanno portato al degrado quel complesso territoriale. Questo scenario di frantumazione rischia di amplificare, inoltre, la distanza fra due realtà (Val di Cornia e Colline Metallifere), che solo in un proficuo dialogo possono trovare percorsi nuovi di sviluppo territoriale. Dobbiamo dimostrare, una volta per tutte, che gli sciocchi confini provinciali sono una iattura per il nostro territorio e che siamo stanchi di vederli propinati, appunto come fosse un timido gioco delle tre carte. Montioni dovrà essere la nostra battaglia di avanguardia, non più sguardi girati indietro, non più prese di posizione partigiane di chi intende stare chiuso.»

Walter Gasperini

________________________

SAN VINCENZO: DA QUATTRO A DUE DIRIGENTI IN COMUNE

San Vincenzo (LI) – Il comune riorganizza i propri uffici per ridurre le spese: la riorganizzazione prevede l’articolazione della struttura su due settori principali, Servizi per il territorio e attività produttive, affidato ad Andrea Filippi, e Servizi finanziari e alla persona, diretto da Roberto Guazzelli.

Nel primo viene prevista un’unità organizzativa autonoma (urbanistica) cui è correlata una posizione organizzativa, un’unità organizzativa Suap turismo, un’altra a cui è demandata la gestione di lavori pubblici, manutenzione del patrimonio comunale, gestione dei beni demaniali e disponibili del Comune, tutela ambientale, protezione civile.

Nel secondo settore vi sono le funzioni e le attività volte alla gestione economico-finanziaria dell’ente, dalla programmazione ai tributi, e quelle inerenti i servizi alla persona, istruzione, cultura, sociale, compresa la gestione della farmacia comunale. Rientrano in tale settore anche le funzioni e le attività relative alla gestione economico­-giuridica del personale, sport, caccia.

Inoltre, sono previste due unità organizzative autonome cui sono correlate posizioni organizzative negli ambiti economico-finanziario, istruzione, sociale, cultura. A fianco dei due settori è prevista un’area funzionale, posta sotto la direzione del segretario generale, volta a perseguire l’attuazione di una struttura “in grado – si legge nel delibera di giunta – di dare migliore risposta all’esigenza di legalità e trasparenza che viene sentita sempre di più dalla cittadinanza”.

Sotto il coordinamento del segretario vanno l’ufficio di supporto degli organi di governo e l’Urp. A supporto delle finalità di legalità e trasparenza viene prevista una struttura cui assegnare una o due unità di personale. Sotto la direzione funzionale del segretario generale va anche il servizio di polizia municipale, comunque sotto la diretta dipendenza del sindaco.

________________________

PIOMBINO: CONTRIBUTI DI FINE ANNO PER LE ASSOCIAZIONI

Piombino (LI) – L’amministrazioe comunale ha erogato 23.000 euro ad alcune associazioni che hanno realizzato progetti di pubblico interesse. Alcune associazioni nel corso del 2014 hanno infatti realizzato progetti, attività ed eventi, condivisi con il comune di Piombino e per questi hanno richiesto un sostegno economico.

Questo l’elenco di chi ha ricevuto i contributi: Università della Terza Età, gestione dell’anno accademico e premio letterario Casalini, 500; Smsa Guardi, sostegno all’avvio del nuovo indirizzo scolastico musicale, 1000; Teatro dell’Aglio, realizzazione operetta “La Mascotte” e Cittadella del Cinema, 3450; Banda Galantara, partecipazione alle celebrazioni e attività istituzionali, 2000; Corale Mascagni, centenario delle corali e iniziative comunali, 1000; Auser Verde Argento, progetto “nonni vigili”, 2500; Associazione Toffolutti, premio “Leoncini” e attività convegnistica sulla sicurezza sul lavoro, 1000; Associazione Samarcanda, rimborso spesa negato gratuito patrocinio a profughi progetto Ena, 2000; Uc Piombino, realizzazione eventi comunali di promozione del promontorio, 750; Atp Piombino, realizzazione evento (plurigiornaliero) Torneo internazionale tennis, 1500; Associazione Schermistica, realizzazione evento (plurigiornaliero) nazionale “Coppa Perone”, 750; Lega Navale Italiana, realizzazione evento comunale “Mare da amare”, 750; Associazione Porta a terra, realizzazione eventi storici e del quartiere Porta a terra, 3000; Associazione Gruppo 2000, doposcuola tavolo di quartiere e eventi Cotone Poggetto, 1000; Associazione Falcone, eventi del quartiere Salivoli, 1000; Associazione Secondi figli, iniziativa di beneficenza partecipata dal Comune, 200; Associazione Marinai d’Italia, gestione celebrazioni istituzionali, 200; Amici di Populonia, eventi del quartiere Populonia, 200; Comitato Portici, eventi del quartiere Porta a terra, 200.

___________________________

SILVIA VELO SI È ATTIVATA CON IL MINISTERO SUI CDS

«Il governo è già al lavoro per evitare tagli – ha commentato il sottosegretario Silvia Velo. Condivido la preoccupazione dei sindacati e dei lavoratori per il taglio del 10% per i contratti di solidarietà contenuto nel decreto Milleproroghe. Proprio per questo mi sono già attivata presso il Ministero del Lavoro per segnalare le mie preoccupazioni a riguardo».

«Lavoreremo in Parlamento in sede di conversione, così come già avvenuto lo scorso anno, per cercare di reperire le risorse necessarie a garantire la copertura finanziaria nel decreto Milleproroghe per ripristinare l’integrazione del 10% dei contratti di solidarietà».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.1.2015. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 21 giorni, 8 ore, 9 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it