TOSCANA: IL TUO ANIMALE IN OSPEDALE, ECCO LE REGOLE

sanita_medicoFIRENZE – Poter ricevere la visita del proprio animale da compagnia – cane, gatto o altro – quando si è ricoverati in ospedale, e quindi in condizioni di fragilità fisica ed emotiva, è sicuramente motivo di conforto. Chiaro che queste visite devono avvenire nel rispetto delle esigenze sanitarie e ambientali, delle condizioni degli altri pazienti ricoverati e del benessere degli animali. Per questo la Regione ha varato apposite “Linee di indirizzo per l’accesso degli animali d’affezione in visita a degenti presso strutture sanitarie e ospedaliere pubbliche e private accreditate”, approvate stamani con una delibera di giunta.

Le linee guida fanno riferimento a varie leggi, sia nazionali che regionali, in cui si riconosce il valore assistenziale del rapporto affettivo tra il paziente e il proprio animale, si sollecitano attività di sostegno come la pet therapy, si invitano le strutture sanitarie ad agevolare il contatto dei pazienti, anziani e bambini in particolare, con il proprio animale da compagnia.

Nella delibera si stabiliscono le finalità. Assicurare la continuità della relazione empatico-affettiva tra i pazienti e i loro animali. Far sì che la presenza dell’animale aiuti il paziente a superare le difficoltà dovute alla propria condizione. Tutelare il benessere pscio-fisico degli animali in visita. Individuare procedure idonee a garantire la tutela della salute delle persone e dell’ambiente circostante, nel rispetto delle diverse sensibilità individuali.

Queste le regole dettate dalla Toscana. Gli animali dovranno essere quelli che vivono nelle famiglie dei pazienti ricoverati nelle strutture sanitarie. E dovranno essere iscritti all’Anagrafe animali d’affezione. Il loro accesso in ospedale sarà consentito secondo le procedure indicate dalla direzione sanitaria, che dovrà disciplinarlo con uno specifico regolamento interno. I sanitari dovranno valutare la compatibilità dello stato di salute dei pazienti, e quindi i benefici derivanti dalla presenza dell’animale d’affezione. La richiesta di accesso dovrà essere presentata all’Unità operativa dal paziente stesso o da un suo familiare. In ciascuna Unità operativa sarà ammesso un animale per volta, con tutti i supporti adeguati (collari, pettorine, guinzaglio, disponiiblità di una museruola, ecc.). Un incaricato mostrerà il percorso da seguire e la saletta dove l’incontro potrà avvenire. In ogni azienda sanitaria dovrà essere creato un pool multidisciplinare di operatori adeguatamente formati.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.12.2014. Registrato sotto Foto, Toscana-Italia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “TOSCANA: IL TUO ANIMALE IN OSPEDALE, ECCO LE REGOLE”

  1. lino

    Per quattro voti venderebbero anche la loro madre. Rossi, non c’è mai fine al peggio. Ecco, i cani in ospedale e Rossi in un canile, dentro la gabbia beninteso.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 18 giorni, 21 ore, 52 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it