PROVINCIA DI LIVORNO: FRANCHI VINCE GRAZIE AL CENTRO DESTRA

Il palazzo provinciale di Livorno

Il palazzo provinciale di Livorno

LIVORNO – Alessandro Franchi è il nuovo Presidente della Provincia di Livorno. Lo ha proclamato il 13 ottobre, l’Ufficio provinciale elettorale per la prima tornata di queste elezioni amministrative per la prima volta di secondo grado, ovvero con una platea di aventi diritti al voto limitata agli amministratore locali e con un voto ponderato (ovvero un voto espresso da un consigliere comunale di una città più grande “pesa” più di quello di un piccolo paese). Sistema di voto che ha subito suscita perplessità e proteste in tutta Italia circa la sua reale democraticità.

Ad ogni modo Franchi ha ottenuto una vittoria di misura, il 51,95% dei voti ponderati (48.767) contro il 48,05% del sorprendente sindaco di Suvereto Giuliano Parodi (45.104 voti ponderati). Ma la prima lista è stata, invece, Assemblea Democratica con il 44,39% che appoggiava Parodi con il consenso, anche, di molti esponenti del Movimento 5 Stelle oltre che dei partiti di sinistra che l’hanno costituita. Al Partito Democratico il 43,57% dei voti e a Forza Italia il 12,04% il che dimostra che senza i voti degli amministratori del partito guidato da Silvio Berlusconi il PD non sarebbe riuscito ad eleggere il suo candidato. Ad Alessandro Franchi spetta ora un difficile lavoro di ricomposizione di compromesso visto che il PD ha solo sei seggi su quattordici (lo stesso Franchi, Lorenzo Bacci, Federico Mirabelli, il sindaco di Piombino Massimo Giuliani, Sandra Scarpellini e Lorenzo Lambardi) mentre Assemblea Democratica ne ha sette (oltre a Parodi anche Marco Cannito, Marco Bruciati, il consigliere piombinese del PRC Fabrizio Callaioli, Alessandro Masoni, Silvia Gesess e Simone Donnoli) e solo uno a Forza Italia (Adalberto Bertucci).

Nonostante questo esito, mentre il PD livornese tace, il segretario regionale Dario Parrini esprime «Soddisfazione per il risultato delle elezioni di presidenti e consigli provinciali della Toscana con la conferma del Pd e del centrosinistra in tutte le province. A Livorno, dove il risultato non era affatto scontato, Alessandro Franchi diventa presidente della Provincia. Questa volta, la strategia del sindaco grillino del capoluogo, Filippo Nogarin, di coalizzare un gruppo di forze contro il PD ‘a prescindere’, senza elementi programmatici né idee, è stato un autogol. Per noi, dopo la sconfitta alle comunali, la vittoria di ieri è un punto di svolta a Livorno. Confermare tutte le province significa anche omogeneità politica e collaborazione tra questi livelli territoriali, in particolare verso politiche di area vasta di cui il Pd toscano da sempre è sostenitore» conclude Parrini mentre l’Assessore regionale agli enti locali Vittorio Bugli afferma che questo «era un passaggio fondamentale.

Le elezioni per scegliere presidenti e consiglieri delle rinnovate province rappresentano la necessaria investitura per chi deve guidare i nuovi enti di secondo grado. Adesso il compito è quello di far procedere speditamente la riforma Delrio. Da subito – prosegue – lavoreremo con i nuovi amministratori per pensare e realizzare le politiche di area vasta che la Toscana richiede. La Giunta ha deliberato lunedì scorso la costituzione dell’Osservatorio Regionale previsto dall’accordo tra Stato e Regioni e sottoscritto anche da Comuni e Province. Ne fanno parte il presidente della Regione, l’assessore regionale competente, il sindaco metropolitano, i presidenti delle Province, Anci e Upi. La prima riunione viene convocata in queste ore per il 31 ottobre.

Ed entro la fine dell’anno – conferma – dovranno essere pronte le proposte di legge per definire il riordino delle funzioni che fino ad oggi sono state esercitate dalle vecchie Province. Sono convinto che il quadro istituzionale del nostro territorio ne uscirà rafforzato».

Andrea Panerini

____________________________

Candidati alla Presidenza della Provincia

Alessandro Franchi, risulta eletto con il 51,95% (pari a 48.767 voti ponderati);

Giuliano Parodi, 48,05% (pari a 45.104 voti ponderati).

 

Risultati liste

Forza Italia 12,04% (11.427 voti)

Partito Democratico 43,57 (41.362 voti)

Assemblea Democratica 44,39 (42.137 voti)

 

Composizione del Consiglio Provinciale:

Lista Candidato Preferenze
AssembleaDemocratica Cannito Marco 18442
AssembleaDemocratica Bruciati Marco 7130
AssembleaDemocratica Callaioli Fabrizio 5721
AssembleaDemocratica Masoni Alessandro 3542
AssembleaDemocratica Gesess Silvia 2362
AssembleaDemocratica Donnoli Simone 1251
PD Bacci Lorenzo 8490
PD Mirabelli federico 8178
PD Giuliani Massimo 8049
PD Scarpellini Sandra 6840
PD Lambardi Lorenzo 6491
ForzaItalia Bertucci Adalberto 3784
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.10.2014. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 14 giorni, 23 ore, 48 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it