LA CGIL TOSCANA INVITA ALLA MOBILITAZIONE. SCIOPERI E PRESIDI IN TUTTA LA REGIONE

cgilFirenze 07.10.2014.- “A fronte dell’apposizione della fiducia da parte del Governo sul Jobs Act, è necessaria un’immediata, forte risposta dai luoghi di lavoro, attraverso ordini del giorno, fermate e scioperi aziendali con assemblee”, ha indicato la segreteria della Cgil nazionale dopo l’incontro di Susanna Camusso col premier Renzi. E la Toscana risponde: scioperi, presìdi, iniziative in preparazione in decine luoghi di lavoro, da domani, in tutta la regione, in ogni provincia.

Alcuni esempi: la segreteria Cgil di Massa Carrara invita tutte le categorie a proclamare tramite le Rsu nella mattina di domani fermate con scioperi, assemblee e tutte le iniziative che permettano il dissenso all’interno e all’interno dei luoghi di lavoro (in Provincia si riuniranno i lavoratori del pubblico dalle 11 alle 13). Dalle 11 alle 13 sciopero alla sede della Cgil provinciale, alle ore 10 c’è un presidio fuori dal Nuovo Pignone.

La CGIL dell’Empolese-Val d’Elsa, a seguito della decisione del Governo di porre la fiducia sulla Legge delega in materia di riforma del lavoro, proclama per domani mercoledì 8 ottobre 2014 quattro ore di sciopero generale di tutte le categorie, con le seguenti modalità: giornalieri intera mattinata; turnisti ultime 4 ore di ogni turno. Modalità diverse potranno essere decise dalle RSU. Durante lo sciopero i lavoratori sono invitati a partecipare al presidio che si terrà in Piazza della Vittoria dalle ore 11.

La Segreteria della Fiom Cgil di Firenze, a seguito della decisione del Governo di porre la fiducia sulla Legge delega in materia di riforma del lavoro (Jobs Act), dichiara per la giornata di domani, mercoledì 8 ottobre 2014, due ore di sciopero generale di tutti i metalmeccanici della provincia di Firenze (la Fiom di Lucca invece ha indetto lo sciopero per il 10 ottobre al grido di “no all’abolizione dell’articolo 18, no al Jobs Act, no alla desertificazione industriale del territorio”; convocazione alle 7 di mattina, davanti a tutti i luoghi di lavoro tra cui alla KME, alle 9 poi è previsto un concentramento al cantiere navale Benetti di Viareggio). A discrezione delle RSU, le due ore potranno essere impiegate per svolgere assemblee informative oppure con presidi davanti ai cancelli. Dice la Fiom fiorentina: “Non accettiamo che il Governo abbia scelto di porre la fiducia su questioni così rilevanti che riguardano migliaia di lavoratrici e lavoratori, precari, giovani e meno giovani. Sui diritti sociali di persone in carne ed ossa non si può decidere con un atto di imperio”.

Domani al Pignone di Firenze è prevista un’assemblea generale con sciopero in sala mensa dalle 9,30 alle 10,30. Al parco industriale Solvay a Rosignano è in programma per domani una iniziativa che coinvolgerà Ineos e le ditte di manutenzione. La Filcams CGIL di Firenze dichiara due ore di sciopero a fine turno di lavoro per domani mercoledì 8 ottobre.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.10.2014. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 22 giorni, 1 ora, 21 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it