NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 1 AGOSTO 2014

M5S PIOMBINO: «SERVE LA BONIFICA DELL’AREA A CALDO»

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente il commento del Movimento 5 Stelle piombinese in merito al crollo del capannone all’interno della Lucchini, avvenuto mercoledì 30 luglio. Dato che l’area a caldo è morta, i pentastellati ne chiedono la bonifica per evitare tragedie future.

«Apprendiamo con sgomento che nella giornata di mercoledì il capannone  industriale adibito alla manutenzione dei Tundish e sito in prossimità  della portineria centrale Lucchini è collassato, pare sotto il peso della incessante pioggia ‒ inizia il Movimento ‒. Al netto della prima reazione di estremo sollievo nel constatare che  non ci sono state vittime, tutto ciò non può che lasciarci con una  sensazione di ansia e preoccupazione per le sorti dei lavoratori  ancora presenti impegnati in compiti di salvaguardia e dei numerosi  cittadini che abitano in aree adiacenti lo stabilimento.

Questo è ciò che ci aspetta se non sarà messo in campo immediatamente  un piano di bonifica dell’attuale area a caldo, proprio ciò che non è  contemplato nell’accordo di programma ‒ ammoniscono i pentastellati ‒. Crolli, incendi spontanei, dispersione nell’ambiente di sostanze  pericolose per la salute. Quanto accaduto avalla ciò che stiamo ripetendo da tempo, non c’è solo  la questione occupazionale da tenere presente, ma anche la salute dei  cittadini che convivono con un’area industriale contigua al cuore  della città e che se abbandonata a se stessa costituirà un sicuro  pericolo per la salute. Dando per scontato che una considerevole parte  dei lavoratori in esubero può e deve essere reimpiegata nelle opere di  bonifica.

La vertenza ormai è definita. Non c’è un imprenditore interessato all’area a caldo, quindi non c’è  più una scusa valida per non affrontare il problema. Un governo degno di questo nome non può rimanere sordo davanti al  rischio per l’incolumità dei cittadini e crediamo che le risorse per  emergenze come questa debbano ad ogni costo essere reperite. Corre voce che nel mese di agosto il Presidente del Consiglio Renzi  farà tappa a Piombino. Cogliamo l’occasione per invitarlo a fare una visita dello  stabilimento, almeno potrà rendersi conto personalmente del rischio al  quale è sottoposta questa città e dell’urgenza con la quale occorre  iniziare questo percorso ‒ concludono i 5 Stelle ‒. Non possiamo più aspettare.

Movimento 5 Stelle Piombino

________________________

SPETTACOLO “IO LA TRIPPA LA MANGIO SOLO IN CASA”

San Carlo, frazione di San Vincenzo (LI) – Domenica 3 agosto alle ore 21.30, in Piazza Solvay a San Carlo, va in scena lo spettacolo “Io la trippa la mangio solo in casa” del cantautore Michele Bedini. Lo spettacolo, che unisce teatro e canzone, è scritto dallo stesso cantautore per la regia di Enrico Casale, regista della Compagnia degli Scarti.

Sono detti e storielle raccolti da personaggi di un piccolo mondo contemporaneo triviale e piegato, un microcosmo nel quale si può rispecchiare tutto il paese e che si rivela in tutta la sua saggezza popolare, nei suoi pregiudizi e nella sua innata e inconsapevole comicità. Un “piccolo mondo antico” che si scontra con il “grande mondo moderno” generando un tragicomico circuito. Ad accompagnare le parole la musica dello stesso Bedini, di Giovanni Franceschini, di Enrico Casale e di Michele Vannucci.

__________________________

AL VIA LA CAMPAGNA #IOSEMPLIFICO LANCIATA DALL’ASSESSORE PIETRELLI

Piombino (LI) – Semplificazione delle regole e delle norme, riuso del patrimonio edilizio esistente. Con questi due obiettivi l’assessore all’urbanistica Martina Pietrelli lancia una campagna di ascolto per la revisione del regolamento edilizio, aperta a professionisti e tecnici. I contributi potranno essere inviati, a partire dal 1° agosto, all’indirizzo di posta elettronica iosemplifico@comune.piombino.li.it oppure potranno essere consegnati o spediti in formato cartaceo all’ufficio edilizia del Comune.

La campagna ha l’obiettivo di rivedere il regolamento edilizio attualmente scaduto alla luce degli indirizzi che la Regione ha dato con la delibera dell’ottobre 2013.

«L’idea è quella di lanciare un messaggio di chiarezza e semplificazione delle norme in modo da agevolare davvero il riuso del patrimonio edilizio esistente con qualità e innovazione anche delle tecniche di intervento »  afferma Pietrelli. In occasione dell’avvio della campagna, è stata convocata per venerdì 1  agosto una riunione con i professionisti e i tecnici della zona per illustrare le caratteristiche dell’iniziativa. La campagna durerà tre mesi, dal 1 agosto fino al 30 ottobre, con l’obiettivo di produrre una bozza di nuovo regolamento edilizio all’inizio del nuovo anno.

________________________

GASPERINI: «COMUNI, SE CI SIETE BATTETE UN COLPO»

Suvereto (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato di Walter Gasperini, ex sindaco di Suvereto.

«Durante la campagna elettorale delle amministrative abbiamo sentito parlare molto di sviluppo, di sostenibilità ambientale di collaborazione sovra comunale, Val di Cornia, Colline Metallifere e dulcis in fundo Alta Maremma ‒ inizia Gasperini ‒. Qualcuno ha anche azzardato “Parco di Montioni”, per il quale siamo anche allibiti (sic!) a fronte del notevole sforzo compiuto nel mettere cartelli di accesso al parco che possiamo definire invisibili, tanto sono mini per i quali non sappiamo come comprendere il decantato sforzo presentato dall’allora Presidente che li preannunciava.

Le Province non ci sono più ‒ continua Gasperini ‒, quindi il concetto di interprovincialità deve essere superato velocemente ed i Comuni debbono riappropriarsi del ruolo di governo di questa parte di territorio che anche la stessa Regione ha definito area da salvaguardare e valorizzare, riconoscendo nell’ente di gestione del parco tutta la responsabilità oggettiva. Non vi è più tempo da aspettare o rimandare, già troppo ne abbiamo perso nei mandati precedenti, di fatto i Comuni dovevano chiedere alla Regione il trasferimento delle competenze gestionali del territorio a parco, circa 8000 ettari, nelle esclusive mani del medesimo Consorzio. Ad oggi niente è stato fatto. Dobbiamo recuperare con urgenza il terreno e le occasioni perdute, ridisegnamo subito il nuovo Consorzio con responsabilità esclusiva dei Comuni titolari dei terreni del parco, affidandosi a persone che hanno davvero voglia di portare sviluppo sostenibile nelle nostre valli, dimostrando che anche dalle bellezze ambientali, dalla storia più o meno antica possiamo trarre linfa vitale per dare non solo cartelli ridicoli, ma progettualità e interventi.

Possibile che nessuno si renda conto delle gravi dimenticanze che danneggiano una visione d’area e non portano novità, anzi isolano. Basta pensare alle iniziative per festeggiare l’anniversario della presenza di Napoleone a Piombino e all’Elba, peccato che qualcuno si sia dimenticato che Elisa Bonaparte Baciocchi ha portato tanto di nuovo anche a Montioni e allora perché non fare un progetto adeguato sulla vera e totale presenza nel territorio. Miopia, colpevole miopia che deve immediatamente essere recuperata ‒ conclude Gasperini ‒.  In politica e soprattutto nel governo del territorio, non vale il vecchio detto: “chi fa da se fa per tre”. In politica chi fa da sé rimane solo».

Walter Gasperini

___________________________

CENA ITINERANTE “UN CALICE, UN VIOLINO”

Sassetta (LI) – Anche quest’anno, il 3 agosto, Sassetta attenderà visitatori e turisti con la serata enogastronomica più suggestiva dell’estate sassetana: “Un Calice, un Violino”.

“Un Calice, un Violino” è una serata dedicata alla buona cucina di una volta e alla riscoperta degli incanti del piccolo borgo, sotto la luce calda delle fiaccole e al suono della musica dal vivo che invaderà tutto il centro storico del paese, con la dislocazione di musicisti e orchestrine in diversi punti strategici; una cena itinerante, lungo gli angoli più caratteristici, gustando i sapori tradizionali di Sassetta e sorseggiando gli ottimi vini delle Doc Val di Cornia e Bolgheri, serviti e consigliati dagli esperti sommelier FISAR, tra note, sapori e artigiani al lavoro (scalpellini, fabbri, corbellai, ecc. che dimostreranno al pubblico gli antichi mestieri di Sassetta, in molti casi ancora praticati).

I commensali potranno passeggiare tra le viuzze del borgo storico, arricchite dalle sculture in marmo di Sassetta (create negli anni dagli artisti delle diverse edizioni del Simposio di Scultura) e dalle statue e dai trampolieri installati in occasione del grande evento “Quartiere d’Autore” (che si è svolto dal 17 al 19 luglio scorso) che ancora punteggiano i vicoli come una mostra itinerante, oppure sostare ai tavoli e gustare la cena avvolti dalla suggestione dell’atmosfera.

Il giro nell’anello del centro storico partirà dalla Piazza del Plebiscito, nel centro di Sassetta, e proseguirà lungo via Marconi, con gli antipasti, le polente e i primi, via Buia e via del Borghetto con i secondi piatti e le grigliate di carne, prima di giungere in via Borgo di Mezzo, in cui saranno predisposti gli assaggi di formaggi con marmellate e mostarde, e, infine, nella Piazzetta della Chiesa, in cui sono previsti i dolci  finali con i vini da dessert.

Un piccolo viaggio di una notte, alla riscoperta dei sapori tradizionali e degli ottimi vini locali, cullati dalla musica che pervade le minuscole strade in pietra e artigiani all’opera, coi mestieri di una volta; “Un Calice, un Violino” è un’immersione nel cuore pulsante di Sassetta, nelle sue tradizioni più radicate, nelle sue atmosfere riservate e seducenti. Gli ospiti sono i benvenuti a qualsiasi ora (dalle 20.30 in poi) ed è senza prenotazione.

______________________________

BICENTENARIO NAPOLEONICO: CONFERENZA SU MEDAGLIE E MONETE

Piombino (LI) – Dopo l’inaugurazione della mostra documentaria “I segni di Elisa” in programma fino al 7 settembre al Castello di Piombino, continuano le iniziative per la celebrazione del bicentenario napoleonico, con la conferenza di Luciano Giannoni sabato 3 agosto alle 21.30 al museo archeologico di Cittadella su medaglie e monete del Principato di Elisa.

Sul continente, di fronte all’isola d’Elba, il Principato di Piombino, dal 1805 al 1814, veniva trasformato in uno stato satellite dell’Impero napoleonico, dove la piccola capitale francesizzata subiva trasformazioni profonde per espletare il nuovo ruolo amministrativo. La principessa Elisa Bonaparte, con una personalità speculare a quella del fratello Napoleone, dotata di intelligenza acuta e di una cultura eclettica, impose le riforme che trasformarono Piombino e il suo territorio in soli nove anni di governo. Affermò con altrettanto vigore il suo gusto esasperato per il bello, con il mecenatismo nei confronti di raffinati intellettuali, artisti, musicisti, attori di teatro, cultori di antichità, collezionista ella stessa, architetti, grandi sarti francesi, in generale verso tutti coloro fossero in grado di circondarla di bellezza.

Nella sua conferenza di sabato, Luciano Giannoni farà luce su alcuni aspetti dell’attività monetaria del Principato di Piombino nel periodo napoleonico.

Luciano Giannoni si occupa da anni di numismatica e ha pubblicato di recente un volume sulla Zecca piombinese, in funzione dal 1494 al 1699, pubblicato nella collana dei “Nuovi Quaderni dell’Archivio Storico della Città di Piombino” per i tipi delle Edizioni Archivinform di Venturina. Come responsabile dell’ufficio beni culturali e archeologici del Comune di Piombino è stato curatore della raccolta numismatica comunale, incentrata sulla monetazione del Principato di Piombino. Del 2013 la pubblicazione “Le monete del Principato di Piombino e del Principato di Lucca e Piombino. Appunti per un aggiornamento del Corpus Nummorum Italicorum”, nella rivista Panorama Numismatico.

Le iniziative per il bicentenario napoleonico, che proseguiranno nel mese di agosto con altri appuntamenti, sono state organizzate dall’assessorato alla cultura del Comune di Piombino e dall’archivio storico della città, nel quadro delle attività concordate per il bicentenario dell’arrivo di Napoleone all’Elba ed elaborato in collaborazione con Regione Toscana, Fondazione Livorno, Autorità Portuale Piombino-Elba, Soprintendenza Archivistica per la Toscana, Fondazione Teatro La Pergola Firenze.

_________________________

RADDOPPIA LA NAVETTA CALDANELLE-BARATTI

Piombino (LI) – Potenziamento del servizio di navetta dal parcheggio delle Caldanelle fino alla spiaggia di Baratti tutti i week-end di agosto e nel giorno di Ferragosto.  La cosiddetta “navetta verde”, già attiva nei mesi estivi sullo stesso percorso, aumenterà la frequenza del servizio effettuando corse ogni mezz’ora, già da sabato 2 agosto.

Turisti e cittadini potranno quindi lasciare l’auto al parcheggio delle Caldanelle senza disagi o attese, evitando code e inutili ricerche di parcheggio. L’iniziativa, promossa dagli assessorati al turismo e alla viabilità del Comune di Piombino, avrà un costo di circa 3.000 euro. «Baratti è infatti un’area di indiscutibile pregio ambientale e culturale – afferma l’assessore al turismo Stefano Ferrini – per questo ha bisogno di essere tutelata anche dal punto di vista del traffico cercando di evitare le criticità che si riscontrano soprattutto nei fine settimana e nei giorni festivi. Da qui la scelta di potenziare le corse del bus navetta. Oggi più che mai nel turismo si compete con la qualità dei servizi che vengono messi a disposizione».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 1.8.2014. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 13 giorni, 4 ore, 26 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it