PIOMBINO: TROTTA ELETTO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Il presidente del consiglio comunale Trotta

Susy Ninci del M5S

Il presidente del consiglio comunale Trotta

Il presidente del consiglio comunale Trotta

Piombino (LI) – Dal secondo Consiglio comunale esce vincitore Angelo Trotta, esponente Pd. Durante la prima votazione si erano opposti a Trotta, proponendo Susy Ninci del M5S, il Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Un’Altra Piombino e Rifondazione Comunista mentre Ascolta Piombino si era astenuta. Durante la seconda votazione Riccardo Gelichi di Ascolta Piombino ha cambiato idea schierandosi dalla parte di Pd, Sinistra per Piombino e Spirito Libero, decretando così l’elezione di Trotta. Riceviamo e pubblichiamo integralmente il resoconto dell’amministrazione comunale.

«È Angelo Trotta (Pd) il nuovo presidente del Consiglio comunale di Piombino ‒ comunica l’amministrazione comunale ‒. Trotta, ex consigliere della precedente legislatura Anselmi e campione di preferenze alle elezioni del 25 maggio, è stato eletto nel corso della seconda seduta dell’ assemblea. Per lui hanno votato 17 componenti del Consiglio su 24 (a favore Pd, Ascolta Piombino, Sinistra per Piombino, Spirito Libero. Contrari Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Un’Altra Piombino, Rifondazione Comunista). I  consiglieri delle minoranze, ad eccezione di Riccardo Gelichi di Ascolta Piombino, hanno proposto per la seconda volta la candidatura di Susy Ninci del M5S, come importante segno politico di apertura da parte della maggioranza.

Susy Ninci del M5S

Susy Ninci del M5S

“Le minoranze non sono state coinvolte in un dibattito per la scelta del presidente – ha affermato infatti Marina Riccucci prima delle operazioni di votazione a nome dei gruppi politici che hanno espresso contrarietà alla nomina di Trotta – Inoltre non è scritto da nessuna parte che il Presidente del consiglio debba essere un candidato della maggioranza e lo spessore della candidata che proponiamo merita una giusta valutazione da parte di tutti i gruppi politici”.

All’intervento di Marina Riccucci si sono associati Fabrizio Callaioli di Rifondazione Comunista che si è espresso sulla figura di Ninci come figura di garanzia professionalmente qualificata, di Pasquinelli del M5S che ha invitato a riflettere sull’opportunità che rappresenta la candidatura di Ninci per una collaborazione fattiva e di Francesco Ferrari che ha evidenziato esempi di altri Comuni, come Livorno e Portoferraio, in cui per scelta politica la presidenza del consiglio comunale è stata assegnata a partiti di minoranza.

In risposta a questa proposta, Ettore Rosalba del Pd ha confermato invece la volontà di proporre Angelo Trotta come consigliere d’esperienza e valido “Siamo aperti al dialogo – ha detto Rosalba – ma in questo momento è importante concludere in fretta per lavorare sui problemi del territorio”. Argomento ripreso anche da Riccardo Gelichi della lista “Ascolta Piombino” e dalle liste Sinistra per Piombino e Spirito Libero. Il neo presidente Trotta, al termine dell’elezione ha colto l’occasione per ringraziare tutti e per sottolineare come il suo ruolo sarà quello di rappresentare in maniera equanime e corretta tutto il consiglio comunale.

Per l’elezione del vicepresidente del consiglio, invece, tradizionalmente assegnato all’opposizione, le forze di minoranza hanno dichiarato di non voler presentare nessuna proposta, proprio in virtù della mancanza di apertura dimostrata con nella precedente elezione. Il Pd e gli altri partiti che lo sostengono hanno pertanto proposto il nome di Eleonora Cremisi, anche in questo caso, sostenuta anche da Riccardo Gelichi di “Ascolta Piombino” che ha definito incomprensibile la posizione delle minoranze in questo frangente. Anche per il vicepresidente dunque, hanno votato contro (in realtà si sono astenute, ndr.) Movimento 5 Stelle, Ferrari Sindaco Forza Italia, Rifondazione Comunista, Un’altra Piombino.

A conclusione del consiglio sono stati formalizzati poi i consiglieri che rivestiranno la carica di capigruppo e che, in una delle prossime riunioni, avranno il compito di formare le commissioni consiliari. Questi i nominativi: Ilvio Camberini per il Pd; Marco Mosci per la lista “Sinistra per Piombino”, Sergio Filacanapa per “Spirito Libero”, Daniele Pasquinelli “Movimento 5 Stelle”, Francesco Ferrari “Francesco Ferrari sindaco Forza Italia”, Riccardo Gelichi “Ascolta Piombino”, Marina Riccucci “Un’altra Piombino”, Fabrizio Callaioli “Rifondazione Comunista”».

Amministrazione comunale Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.7.2014. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

6 Commenti per “PIOMBINO: TROTTA ELETTO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE”

  1. lino

    Ci mancava anche questa, a presidente del consiglio Comunale di Piombino il PD ha nominato uno che si fa credere “medico” pur non essendolo. Dico questo perché me lo ha riferito una cugina raccontandomi un episodio che meriterebbe essere conosciuto e non è detto che non lo divulgherò. Roba da pazzi. Fanno votare i neri per vincere le primarie poi mettono dei personaggi così a rappresentare la comunità. Piombino ha chiuso, ma veramente.

  2. Si prega i lettori di usare termini ed espressioni adeguate al giornale. Questo non è un social network.

  3. Astuto Cacciatore

    “Durante la seconda votazione Riccardo Gelichi di Ascolta Piombino ha cambiato idea schierandosi dalla parte di Pd, Sinistra per Piombino e Spirito Libero, decretando così l’elezione di Trotta”… ll buon Gelichi, pur di farsi appoggiare la sua politica filo-cementificatrice della Fabbricciane, è tornato all’ovile. Sic et simpliciter. Ragazzi questa è la politica.

  4. Amerini Giampiero

    Anche in questa occasione la maggioranza ha dimostrato un attaccamento alle poltrone veramente sbalorditivo. In un momento particolare come quello che stiamo attraversando un segnale di apertura alle minoranze era il minimo che i cittadini si aspettavano. Non è sulla persona, che sicuramente svolgerà il suo ruolo in modo democratico e imparziale, ma sul merito che l’atto è da definire inopportuno e settario. Altri comuni, amministrati da partiti diversi, hanno aperto alle minoranze concedendogli la presidenza del consiglio. A Piombino il PD, in fatto di poltrone, non molla. Se in passato avessero dimostrato una capacità amministrativa sufficiente, questa scelta poteva anche essere capita, ma, visto i precedenti, non possono certo dire: “non abbiamo bisogno di alcuna collaborazione”. O forse sì, possono dirlo: Non hanno bisogno di nessuno per continuare a commettere gli stessi errori. In tutto questo a guadagnarci sono sicuramente le minoranze (quelle che hanno votato contro il presidente), che non rischiano di essere coinvolte. Lascia perplessi il comportamento di Gelichi che si è presentato in contrapposizione al PD. Ma le vie del Signore sono infinite…….

  5. lino

    Gelichi è affetto dalla sindrome di Stoccolma e da sequestrato diventa amico dei suoi sequestratori. Qualcuno gli ricordi che voleva fare l’opposizione a meno che non ci abbia ripensato, non sarebbe il primo. A soggeti come il Gelichi andrebbe consigliata la lettura del ” Piccolo Politico ” una specie del ” Piccolo Chimico ” , qualcuno se lo ricorderà.

  6. fabio

    faccio presente a coloro che parlano di fare aperture alle minoranze prendendo ad esempio Livorno che a Livorno l apertura che è stata fatta era assolutamente interessata da parte dei grillini perchè è proprio grazie al partitino di colei che è stata eletta presidente del consiglio comunale che i grillini ora governano la città quindi non scriviamo fischi per fiaschi e non fingiamo di cadere dalle nuvole visto che in quel caso il partitino che esprime la presidente in realtà è una finta opposizione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 25 giorni, 0 ore, 25 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it