FORUM SAN VINCENZO: «MANCANO LE RISPOSTE SUL FUTURO DEI LAVORATORI»

forum_san_vincenzo-Riceviamo e pubblichiamo le dichiarazioni di Nicola Bertini e Massimo Viliani (Forum del Centro Sinistra per San Vincenzo) a proposito dell’attuale condizione lavorativa degli abitanti della Val Di Cornia.

«Ovunque si afferma che l’emergenza è il lavoro. Ma non bastano i buoni propositi. Il lavoro di cui abbiamo bisogno non è solo quello stagionale né quello dei contratti a 3 mesi. Una vita è più lunga di tre mesi e le Amministrazioni devono sentire il peso della responsabilità di offrire le condizioni migliori perché si creino o difendano le possibilità d’un territorio di offrire lavoro.

Dunque l’Amministrazione, anche se a fine mandato, si attivi immediatamente, coinvolgendo i Comuni limitrofi, per impedire che il polo siderurgico collassi lasciando un’intera area geografica in ginocchio. Questo territorio, unito, dovrebbe richiedere che il Governo garantisca l’intervento diretto dello Stato nel capitale della società traghettandola fuori dall’attuale, drammatica situazione. Un investimento che inneschi un rilancio dell’area a partire dalle bonifiche e dall’ammodernamento degli impianti. Questi obiettivi, fondamentali anche per il nostro Comune, sono usciti dall’attenzione di quest’amministrazione o non vi sono mai entrati, a seconda dei punti di vista.

L’Amministrazione ha il dovere di intervenire circa il futuro occupazionale degli addetti della Lazzi. Non è un mistero che gli strumenti urbanistici abbiano garantito al villaggio turistico di crescere e realizzare nuovi servizi. A fronte di questo è grave e pericoloso che l’Amministrazione non abbia previsto delle garanzie sul fronte occupazionale. Il Sindaco ha il dovere di aprire subito un confronto con la Società a tutela dei posti di lavoro.
Altrettanto urgente è diventata la questione delle cave. Il PRAER provinciale stima in 25 unità il livello occupazionale della cava di San Carlo. Livello di molto inferiore a quello previsto al momento della convenzione del 2006. Speriamo si tratti di un errore della Provincia. Tuttavia è fuori discussione che il destino del lavoro legato all’attività estrattiva di San Carlo merita una discussione approfondita e, soprattutto, risposte.

Risposte che non sono mai arrivate neppure per quanto riguarda gli altri settori, da quello edile che subisce i colpi di una crisi durissima ma non è aiutato a riconvertirsi nelle ristrutturazioni, a quello delle nuove opportunità di lavoro legate alla rete su cui non si è mai pensato ad investire nel nostro territorio, dal mondo agricolo a quello dei piccoli commercianti o delle piccole attività turistiche. Negli ultimi cinque anni fatichiamo a ricordarci un intervento dell’Amministrazione degno di nota.

Risposte che mancano da parte di un’Amministrazione che, da cinque anni a questa parte, pare sentirsi in una piacevole vacanza, in attesa di passare il testimone».

Per il Forum del Centrosinistra per San Vincenzo 

Nicola Bertini 

Maurizio Viliani

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.4.2014. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    63 mesi, 1 giorno, 9 ore, 53 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it