NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 21 FEBBRAIO 2014

SAN VINCENZO: LE LISTE CIVICHE VERSO LE ELEZIONI

Mentre i tre candidati PD si avviano verso le primarie del 9 marzo, le liste civiche SiAmo San Vincenzo e Assemblea Sanvincenzina presentono i loro.

Per AS il 20 febbraio è stato eletto (tramite votazione aperta ai simpatizzanti) con 55 voti su 79 totali Paolo Riccucci, commerciante trentaduenne, vicepresidente dell’Associazione Operatori Turistici e impegnato nel volontariato. Nel frattempo il candidato per SiAmo San Vincenzo, il ventiseienne Luca Cosimi, si prepara alla presentazione ufficiale di venerdì 28 (ore 21, Saletta delle Esposizioni). In quest’occasione Cosimi esporrà il programma della sua lista. Non ancora ufficiale invece la notizia che circola insistentemente da tempo della presentazione di una lista targata 5 Stelle.

__________________

BERTINI: «LA MARINA È L’UNICA “CRISI” CHE INTERESSA AL MIO COMUNE»

San Vincenzo (LI) – Nicola Bertini del Forum del Centrosinistra per San Vincenzo commenta la richiesta della Marina della sua città per allungare la durata della concessione relativa alla gestione del porto.

«La crisi c’è ma non può essere uguale per tutti ‒ inizia Nicola Bertini ‒. Per alcuni si tratta di uno sfratto in silenzio, dell’impresa costruita in una vita che sta chiudendo, di un posto di lavoro perso e dell’impossibilità di trovarne un altro per mesi e mesi. Per costoro il Comune non ha affidato uno studio per capire come garantire un letto nel quale dormire, non ha studiato come sospendere il pagamento delle imposte o come incrementare gli ammortizzatori sociali, non ha studiato come creare alternative occupazionali né promuovere il rilancio dei settori in maggiore sofferenza.

Questa crisi non è la crisi che interessa al Comune di San Vincenzo. Alla maggioranza che ci amministra interessa invece la crisi ai tempi della Marina San Vincenzo. La crisi che si misura su un’azienda che gestisce il porto avendo vinto una gara d’appalto. La gara d’appalto prevedeva una flotta tipo, un tempo di realizzazione e penali in caso di ritardo.

La flotta tipo è stata stravolta per garantire maggiori introiti all’azienda, si è persino allargato di un ettaro lo specchio acqueo rispetto alla gara d’appalto. Il tempo di realizzazione non è stato rispettato e delle celeberrime pause estive durante i cantieri non abbiamo visto neppure l’ombra; abbiamo invece dovuto assistere tristemente allo spettacolo di turisti che si immergevano nella fanghiglia sollevata dalle benne. Infine le penali per i ritardi nella realizzazione sono disperse, forse sono rimaste sommerse da quel nuvolo di fanghiglia.

La crisi ai tempi della Marina di San Vincenzo ‒ continua Bertini ‒ è quel fenomeno che ha fatto vincere l’appalto per la realizzazione delle opere antierosione alla stessa società che ha costruito l’opera responsabile dell’erosione. L’autorizzazione paesaggistica per realizzare il pennello è probabilmente rimasta schiacciata da uno di quei massi in sostituzione dei salami di geotessuto.

La crisi ai tempi della Marina di San Vincenzo interessa: non è come il povero sfrattato o il disoccupato. Questa ci interessa al punto da spendere 19.500€ per una consulenza che ci chiarisca come si fa ad allungare da 30 a 70 anni la durata della concessione ad una società che ci dovrebbe milioni di euro di penali.

Di tutto questo ovviamente il Consiglio comunale non sapeva nulla. Non c’è s’è trovato da ottobre ad oggi né il tempo, né la cortesia di farvi cenno né nello spazio delle comunicazioni del Sindaco e della Giunta, né nella competente commissione consiliare (che è andata deserta anche ieri mattina), né in altro modo. Evidentemente che quel chilometro di territorio possa passare da una concessione trentennale ad una concessione di settanta anni, non pare essere questione di interesse pubblico per i nostri Amministratori.

La crisi ai tempi della Marina di San Vincenzo è questa. Sarebbe il caso che i cittadini ci pensassero bene prima di allungare la concessione alle amministrazioni a guida PD ‒ conclude Bertini».

Nicola Bertini

_________________

GIOCAGIN A PIOMBINO CON UISP

Piombino (LI) – Sabato 22 febbraio nuovo appuntamento con il Giocagin organizzato dalla Uisp con il patrocinio del Comune di Piombino, che si terrà presso la palestra del  Perticale, a partire dalle 15,30.

Il Giocagin si sviluppa in una serie di giochi e esibizioni, con intermezzi musicali a cura del gruppo “The innovation” e di varie associazioni locali sul tema del rispetto dell’ambiente. Le associazioni coinvolte sono le seguenti: Centro atletica Piombino, Centro coreografico Soul of Dance, ginnastica piombinese artistica e ritmica, ginnastica dolce Uisp, palestra pugilistica, I Falchi, Jeet Kun Do, Pattinatori piombinesi, scuola di ballo Simona e Samanta.

_________________

WEEK END AL CINEMA TEATRO COMUNALE VERDI

San Vincenzo (LI) – Fine settimana ricco di appuntamenti al Cinema Verdi. Sabato 22  alle ore 21.30 e domenica 23 alle ore 17.30 e 21.30 andrà in scena “Tutta colpa di Freud” di Paolo Genovese. Domenica in programma alle ore 15.30 e 19.30 “Belle & Sebastien” di Nicolas Vanier

TUTTA COLPA DI FREUD di Paolo Genovese con Marco Giallini, Vittoria Puccini, Anna Foglietta, Laura Adriani, Alessandro Gassman, Edoardo Leo, 2013, 120′, commedia

Il barbuto psicoanalista Marco Giallini si trova alle prese con tre figlie adorate e i loro problemi di cuore: Vittoria Puccini che si invaghisce sempre dell’uomo sbagliato, l’omosessuale Anna Foglietta che decide di riciclarsi con i maschi e la diciottenne Laura Adriani innamorata del cinquantenne Alessandro Gassman, marito della bella Claudia Gerini sui cui, guarda caso, Giallini ha messo gli occhi.

BELLE & SEBASTIEN di Nicolas Vanier con Felix Bossuet Tcheki Karyo, Margaux Chatelier, 2013, 98′, avventura
L’intensa amicizia fra l’orfano Sebastian e il suo cane Belle, sullo sfondo la Seconda Guerra Mondiale.

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.2.2014. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 29 giorni, 9 ore, 7 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it