NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 21 GENNAIO 2014

PAOLO MIGONE MATTATORE AL VERDI DI SAN VINCENZO

Terzo appuntamento con la stagione teatrale del Teatro Verdi. Giovedì 23 gennaio alle ore 21.15 il comico livornese Paolo Migone, volto televisivo della trasmissione Zelig, porterà in scena lo spettacolo dal titolo “Completamente spettinato” nel quale descrive, in chiave autobiografica e attraverso il filtro della sua comicità, l’eterno gioco fra uomini e donne cardine del suo repertorio artistico.

Il comico racconta al pubblico la sua vita alla ricerca di quelli che sono stati i momenti salienti della sua esistenza, alla scoperta di risposte che riemergano dal passato per spiegare il presente. Sul palco si affollano vari personaggi, alcuni appartenenti alla vita personale dell’artista altri provenienti dalla storia, il tutto presentato all’interno di una scenografia essenziale.

Protagonista sono la parola e la musica che accompagna e scandisce i tempi scenici e di narrazione e alla risata spontanea si alternano momenti di riflessione sul teatro e sulla sua finzione, sulla vita e sulle esperienze che la segnano e la condizionano.

______________

SIMONCINI A CNA: “DAI FONDI UE 2014-20 RISORSE PER OLTRE 150 MILIONI PER LE PMI”

FIRENZE – Le piccole e medie imprese sono da sempre al centro delle politiche della Regione Toscana che, per contrastare la lunga e pesante crisi che le ha investite, ha messo e continuerà a mettere in campo strumenti, interventi e risorse. Lo ha ricordato l’assessore alle attività produttive lavoro e formazione Gianfranco Simoncini, intervenuto al convegno organizzato da Cna Firenze, a Palazzo Strozzi Sacrati, sul tema dello Statuto delle imprese.

“Se per rilanciare lo sviluppo – ha detto Simoncini – è irrinunciabile un intervento da parte del governo che, grazie alla risuzione della rpessione fiscale faccia ripartire la domanda interna, la Regione Toscana ha fatto e continueràa a fare la sua parte per sostenere le piccole e medie imprese che costituiscono la trama principale del suo tessuto economico. Per questo stiamo mettendo a punto strumenti sempre nuovi per favorire l’accesso al credito di imprese piccole e piccolissime come quelle che costitutiscono, appunto, il sistema toscano. Penso ad esempio al microcredito, alle agevolazioni fiscali che vanno a ridurre l’imponibile Irap di alcune tipologie di imprese, ai minibond grazie ai quali è possibile una capitalizzazione delle società bisognose di consolidamento”.

E ancora, proprio per rendere più robuste e competitive anche realtà molto piccole e quindi più fragili, l’assessore ha ricordato gli incentivi per l’aggregazione di impresa e quelli per l’internazionalizzazione che vedono, in queste settimane, due bandi aperti che mettono a disposizione complessivamente circa 7 milioni di euro. Questa centralità, già sancita dal Prs, resta il pilastro della nuova programmazione dei fondi europei 2014-2020.

“Il 16 per cento degli interventi previsti dal Programma operativo toscano del Fesr saranno diretti alle pmi – spiega l’assessore – ciò significa circa oltre 150 milioni di euro di risorse, cui si dovrà aggiungere buona parte di quelle destinate al 39% di interventi per l’innovazione del sistema produttivo che ovviamente coinvolge ancora una volta le imprese piccole e medie. Ma non è tutto, perchè grazie alle risorse del Fse contiamo anche di fare interventi sulla formazione degli imprenditori”.

Quanto al tema dello small business act di cui si sta discutendo a livello nazionale, l’assessore Simoncini ha ricordato come la Toscana sia stata fra le prime regioni a darsi una propria legge a sostegno della competitività delle imprese. La nuova legge regionale fissa alcuni punti chiave dell’esercizio dell’attività imprenditoriale, con un particolare riguardo alla semplificazione e alla sburocratizzazione delle procedure, cui le piccole e medie imprese toscane devono sottostare per accedere ai finanziamenti. La legge riconduce ad una disciplina unitaria incentivi e sovvenzioni a favore delle imprese e riunisce le fonti di finanziamento in un Fondo unico e prevede agevolazioni fiscali per le imprese innovative. Ma su questo fronte si sta ancora lavorando per semplificare concretamente la vita delle imprese e dei cittadini che vogliono fare impresa.

“Quella che serve – afferma Simoncini – è una riforma che non aggiunga nuove norme senza togliere le vecchie, ma snellisca davvero il sistema, aiutando a rimettere in moto lo sviluppo ed eliminando gli ostacoli. Oltre ad avviare il lavoro per una nuova legge per lo start up d’impresa al posto delle diverse norme esistenti, la giunta ha apena approvato un bando standard che servirà, anche in questo caso, a rendere più facile e trasparente l’accesso alle opportunità messe in campo, un bando che verrà presentato ufficialmente il prossimo 28 gennaio”.

________________

COMUNE DEI CITTADINI: «LA STORIA INFINITA DEL SOTTOPASSO DI VIA CERRINI»

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«E’ fuori discussione che nel nostro Comune ci siano problemi ben più rilevanti della mancata segnalazione del sottopasso che collega via Cerrini a via della stazione. Ma la sua tormentata storia è uno degli emblemi dell’impasse di questa amministrazione. Era il lontano 2009, quando Comune dei Cittadini e Uniti per Suvereto organizzarono un’ assemblea per discutere della scelta di Trenitalia di cancellare le fermate degli Eurostar City alla stazione di Campiglia; a tale incontro era presente anche il Sindaco, a cui, per la prima volta, accennai la mancanza di segnalazione del sottopasso.

Ringraziandomi per averle fatto notare l’assenza della segnaletica la sua risposta fu breve e affermò che fosse una piccolezza che si sarebbe potuta risolvere con poco tempo e con pochi sforzi. Entusiasta, pensai che finalmente non avrei più dovuto vedere persone che, al buio, percorrono di corsa il cavalcavia per paura di essere  investite da qualche auto. Ma era solo un’illusione e la prima di tante promesse non mantenute. Sono passati anni e vari articoli di giornale, culminati nell’Aprile del 2012 in un Ordine del Giorno presentato al Consiglio Comunale, dove si impegnava la giunta ad apporre la necessaria segnalazione entro l’inizio della stagione estiva, quando molte più persone avrebbero ricominciato a spostarsi a piedi o in bicicletta.

Due mesi di tempo che il gruppo di maggioranza considerò troppo pochi. Avrebbero votato l’ordine del giorno presentato da CDC solo se la data entro cui adempiere fosse stata posticipata a dicembre 2013.  Sarebbe passata un’altra estate ma poco male, almeno avremmo chiuso questo capitolo senza fine. Tutti d’accordo, giunta impegnata dal Consiglio che si espresse con voto unanime. Dicembre è passato e l’ormai nota incuranza della giunta per gli impegni che gli vengono assegnati dal Consiglio è stata riconfermata. Nessun intervento è stato fatto e il sottopasso versa ancora in stato di totale abbandono, dove l’unico segnale è quello di un Consiglio Comunale svuotato completamente della sua funzione di indirizzo politico.   La mia, a 21 anni,  è stata la prima esperienza da consigliere comunale. Avevo riposto fiducia nell’impegno politico come mezzo per dare soluzione ai problemi della gente, a prescindere se si è maggioranza o opposizione.  Episodi come quello che ho descritto (non è l’unico e neppure il più grave) non possono che far crescere la sfiducia e allontanare i cittadini dalla politica. Non è questione di bilanci, ma solo di volontà e di rispetto verso il Consiglio  Comunale e i cittadini che lo hanno eletto. Cosa che manca del tutto in chi amministra Campiglia».

Daniele Scafaro
Consigliere CDC

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.1.2014. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 1 ora, 46 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it