AREA DEM: “BASTA PARLARE DI POLTRONE, DISCUTIAMO DI TEMI CONCRETI”

Piombino – Il responsabile di Area Dem, Marco Macchioni, commenta la situazione post-primarie del PD e spingere per la condivisione delle scelte con la cittadinanza.

marco macchioni“In questi giorni leggiamo sulla stampa locale commenti e considerazioni sugli assetti del partito democratico, dalla ritardata composizione delle segreterie, alle rivendicazioni di alcuni gruppi che vantano successi dopo le primarie. Non ci interessa la discussione sulla spartizione delle poltrone, tantomeno ci spinge la voglia di rappresentanza fine a se stessa; vogliamo invece che il partito si muova per discutere ed aprire il confronto su temi concreti, sulle proposte che in questo territorio andremo a fare per le prossime amministrative a partire dai programmi e dalla scelta dei candidati. Le primarie, al di là dell’analisi del voto, della proclamazione di vinti e vincitori, ci hanno consegnato un compito stimolante; i cittadini, gli elettori hanno espresso chiaramente la voglia di cambiamento, chiedono la  vicinanza di un partito che possa rappresentare i loro bisogni, la presenza della politica per difendere i loro diritti,  pretendendo, a ragione, che il partito democratico che governa questa città si assuma le responsabilità di avanzare proposte, sia presente attivamente e non da spettatore per risolvere o tamponare le criticità del momento. Mentre il PD  locale è chiuso ad occuparsi delle dinamiche post congressuali, Piombino sta lottando per guadagnarsi un futuro di speranza, una via d’uscita da questa congettura economica e sociale che ci sta attanagliando. Nelle rare volte in cui il partito si è mosso, non c’è e non c’è stata  ne discussione ne tantomeno la richiesta di una partecipazione interna, abbiamo appreso sulla stampa o sui social network informazioni che avrebbero meritato almeno la convocazione di assemblee (vedesi incontro con l’allora segretario nazionale Epifani). Non possiamo lasciare il peso di trovare una via d’uscita alle sole istituzioni o ai sindacati, dobbiamo dare risposte, rispetto ai bisogni che questa città ci impone. Il partito democratico, che governa questo territorio, deve essere soggetto attivo occuparsi delle politiche locali coinvolgere i propri iscritti nelle scelte, per questo serve un gruppo dirigente che coordini il lavoro, faccia sintesi, proponga le tematiche da sottoporre alla discussione. Serve cambiamento, c’è la necessità di uscire dagli automatismi, di esprimere le opinioni oltre le appartenenze,  noi pensiamo di poter esprimere questo ruolo, per questo ci impegneremo per rappresentare, nelle prossime discussioni, queste istanze. Come sempre saremo presenti per dire la nostra, per portare un contributo fattivo di idee e di programmi per costruire una Piombino diversa. Gli iscritti e gli elettori dovranno poter scegliere tra i candidati alle primarie chi maggiormente li rappresenta, senza etichettature preventive o investiture di apparato. Serve dinamicità e concretezza per affrontare le sfide in calendario, la scelta del candidato sindaco non potrà essere patrimonio di pochi, chiusi in una stanza, deve invece essere frutto di un confronto aperto,  dove ciascun candidato possa misurarsi. Non possiamo demandare a pochi questa discussione, dovrà essere patrimonio della più ampia platea possibile, in questo contesto noi vogliamo dire la nostra, convinti di rappresentare una parte di iscritti ed elettori che ancora scommettono nel partito democratico ma  che si aspettano proposte di cambiamento a partire dai metodi e dalle scelte che proporremmo loro”.

Marco Macchioni

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.12.2013. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “AREA DEM: “BASTA PARLARE DI POLTRONE, DISCUTIAMO DI TEMI CONCRETI””

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    40 mesi, 22 giorni, 21 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it