SEL: QUALCHE NOVITA’ CHE FA BEN SPERARE PER LA VAL DI CORNIA

sel-roma-lucchini-2Riceviamo e pubblichiamo integralmente dal Cordinamento SEL piombino-Val di Cornia sulla crisi economica in atto nel nostro territorio.

«Piombino e la Val Di Cornia stanno attraversando una profonda crisi economica. A livello sociale – commenta Sel – questo determina nuove sofferenze e soprattutto una sfiducia nel futuro. I giovani sono spinti ad emigrare, le donne riempiono le liste di disoccupazione e chi oggi continua ad avere un lavoro ha il timore di perderlo. Verso la politica c’è un risentimento che, vedi anche le ultime elezioni locali e Regionali, spinge al disimpegno e all’astensione. La miscela che si sta determinando, molto preoccupante, è di una crisi economica e democratica .

E’ uno scenario già in essere e che allo stato attuale non sembra trovare nella politica dei maggiori partiti , nelle Istituzioni valide novità per una risalita.
Forse allora conviene ripartire dal locale e cercare di cogliere tutte le novità positive.
Ci avviciniamo ad un importante scadenza elettorale: il rinnovo delle Amministrazioni locali.

Questo appuntamento, nel quadro descritto, riveste una importanza che oggi va oltre la ritualità di una scadenza.  I Comuni sono le Istituzioni più a contatto con i Cittadini, dove le politiche per i servizi, lo stato sociale, l’educazione, l’inclusione, ecc. determinano effetti concreti. Eppure negli anni si è fatto di tutto per comprimere l’azione dei Comuni con tagli indiscriminati, incertezza legislativa, un uso del patto di stabilità criminale. Tanti Comuni sono governati dai soliti partiti che oggi governano il Paese, qui si lamentano e al governo fanno di tutto per non invertire la tendenza all’impoverimento delle risorse che stanno causando nuove sofferenze . SEL guarda con interesse e favore a quello che si muove nella società civile. Nella Val Di Cornia c’è un fermento in vista delle elezioni Amministrative che fa ben sperare.

Anche qui si sente un gran bisogno di aria nuova. Il voto stesso a Suvereto sulla fusione con Campiglia , le novità scaturite, l’esperienza positiva del Comune dei Cittadini  a Campiglia e quello che   sta avvenendo a San Vincenzo denotano  un sentire che esprime una nuova partecipazione. A Piombino  SEL auspica che vi sia un ugual sentire per  una partecipazione diretta di cittadini alla vita della  Città, i programmi le idee vengano, in modo del tutto trasparente, resi pubblici in modo aperto dando la possibilità ai cittadini di determinare le scelte e non di subirle già confezionate.

Legalità, partecipazione democratica, lavoro, diritti civili, devono essere la cornice dove costruire un programma che con novità guarda alla VAL DI CORNIA come una comunità unita, aperta all’innovazione, alla valorizzazione di un patrimonio culturale e ambientale ancora unico.

La crisi mette in discussione tante cose – conclude Sel – ma anche sistemi di potere politico ed economico che oggi più di ieri bloccano, alla lunga, espressioni di iniziativa privata . Così come un consociativismo più o meno palese, esistente anche localmente, non fanno bene alla democrazia e alla partecipazione».

 

Per IL Cordinamento SEL piombino-Val di Cornia

Benifei Ilio, Vaccai Emi , Fausto Bertagna.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.12.2013. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 8 ore, 30 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it