NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 29 NOVEMBRE 2013

BROGIONI: «COMUNE DEI CITTADINI MISTIFICA LA REALTA»

Riceviamo e pubblichiamo da Matteo Brogioni, Capogruppo di Campiglia Democratica.

«L’articolo comparso oggi sulla stampa firmato dal comune dei cittadini non è altro che una mistificazione della realtà. Dire che l’amministrazione di Campiglia applica una ritorsione nei confronti dei cittadini di Suvereto a seguito del risultato referendario che ha bocciato il referendum non è altro che una forma di propaganda applicata per fini utilitaristici di consenso.
Nell’odg approvato in consiglio comunale lunedi scorso viene espresso un reale disagio da parte dell’amministrazione del comune di Campiglia  riguardo alla situazione di Suvereto.

Disagio e preoccupazione che però non permettono al nostro comune di farsi carico da solo di tutte le funzioni del comune di Suvereto. Per questo nell’odg approvato, viene richiesto il rilancio delle politiche sovra comunali e l’apporto attivo degli altri comuni della Val di Cornia nella ridistribuzione delle funzioni amministrative di Suvereto. E questo perché, così come avevamo sostenuto durante il dibattito referendario, e i cittadini campigliesi questo lo hanno capito votando compatti a favore della fusione, un comune delle dimensioni di Campiglia non può permettersi di associare tutte le funzioni, a causa dei gravi disagi che ciò comporterebbe ai propri cittadini, verso i quali ha il dovere di fornire i migliori servizi possibili.

La domanda che pongo a chi ora cerca di rigirare la frittata è questa: perché quando noi ci eravamo preoccupati di dare una risposta a Suvereto, dichiarando da subito la nostra indisponibilità ad associare tutte le funzioni in caso di esito negativo) del referendum ( e questo lo dissi personalmente ad un’assemblea pubblica del cdc a Venturina ) ci avete dato alle gambe ed ora che il dado è tratto, ci chiedete quello che da subito avevamo detto che non avremmo potuto fare? Credo che la risposta sia questa, creare inefficienze nei servizi ai nostri cittadini e poi rinfacciare queste nella prossima campagna elettorale. Noi a questo gioco non ci stiamo, ci assumiamo le nostre responsabilità ma anche gli altri devono fare la propria parte, altrimenti non facciamo un servizio ai cittadini, ma semplicemente li prendiamo in giro. E questo è quello che mi sembra stia accadendo da parte di chi in questo momento non fa proposte concrete, ma chiede la luna.

Matteo Brogioni
Capogruppo Campiglia Democratica

______________________

PER PIOMBINO 5 MILIONI DI EURO DAL MINISTERO DELL’AMBIENTE

Questa volta la promessa fatta a Piombino sembra mantenuta: il ministero dell’Ambiente ha annunciato di aver assegnato 5 milioni di euro «per interventi infrastrutturali anche a  carattere ambientale, in attuazione del nuovo Piano regolatore portuale, per il rilancio della competitività industriale e portuale del porto di Piombino».

Il ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, ha insistito sottolineando che «con lo stanziamento di questi fondi manteniamo un impegno preso e avviamo concretamente la riqualificazione del porto di Piombino con l’obiettivo di uno sviluppo all’insegna della sostenibilità che superi le criticità ambientali dell’area favorendo il rilancio economico e occupazionale del territorio».

La somma sarà ora a disposizione di Enrico Rossi, il presidente della Regione Toscana nominato Commissario straordinario a giugno, «per la riqualificazione ambientale funzionale alla realizzazione degli interventi di implementazione infrastrutturale del Porto di Piombino» e il ministero ricorda che «il finanziamento era previsto nell’Accordo di programma quadro “Interventi di infrastrutturazione, riqualificazione ambientale e reindustrializzazione dell’area portuale di Piombino” sottoscritto in agosto dai ministeri dell’Ambiente, dello Sviluppo economico,  dell’Economia, delle Infrastrutture e dei Trasporti, Regione Toscana, Provincia di Livorno, Comune di Piombino e Autorità Portuale di Piombino».

Dopo l’ottimismo sparso a piene mani nei giorni scorsi dal presidente Rossi sul futuro del polo siderurgico piombinese, arrivato in coda a un lunghissimo periodo di cattive nuove per la città della provincia labronica – una fase che, purtroppo, non si è certo ancora esaurita – la ruota della fortuna, o meglio della programmazione industriale, continua a dare timidi segnali d’inversione di rotta. Positivi sia per le ricadute occupazionali sul territorio che per le promesse ambientali che in questo caso si portano dietro. Gli impegni presi dalla politica, se mantenuti, cominciano così a promettere frutti concreti: speriamo non rimangano appesi all’albero dei vorrei (ma non posso).

__________________________________

SAN VINCENZO: PAZZAGLI ILLUSTRA LA STORIA DI SAN VINCENZO

San Vincenzo è l’esempio di come si venne formando una località balneare italiana nel periodo del miracolo economico, tra gli anni ’50 e ’60. Lo dimostra il libro di Rossano Pazzagli (nella foto) dal titolo “Mare di gente. L’età del turismo di massa a San Vincenzo” (Nexmedia Edizioni), che sarà presentato domani alle 16,30 alla Torre, all’interno del ciclo dedicato alla Festa della Toscana.

Alla presentazione interverranno, oltre all’autore, l’assessore alla cultura Fabio Camerini, l’editore Guido Cionini e l’architetto Francesco Govi. La ricerca di Pazzagli illustra lo sviluppo di San Vincenzo come meta turistica dopo la metà del ‘900, con l’affermarsi del turismo di massa sia come elemento centrale della vita economica locale, che come specchio fedele dell’evoluzione della società italiana. Partendo dall’autonomia comunale (1949), gli anni del boom vedono il moltiplicarsi di stabilimenti balneari, villaggi, campeggi e altri servizi turistici. Lo sviluppo, concentrato in particolare sul modello dell’appartamento in affitto, proseguirà anche nei decenni successivi. Ne scaturisce un quadro dinamico, una società locale sempre più agganciata ai ritmi stagionali delle vacanze e un ambiente ricco di risorse, ma anche insidiato dagli effetti negativi della massificazione del turismo e dall’aumento abnorme delle seconde case. Scaturito da un progetto di ricerca sostenuto dal Comune e portato avanti dall’Istituto “Leonardo” di Pisa, il volume di Pazzagli segue un altro libro, uscito nel 2011 (“Terra di mare”) relativo alle origini delle vacanze al mare. Paolo Federighi

_______________________________

COMUNE DEI CITTADINI: “QUESTA CRISI NON PERMETTE PIU’ PIGRIZIA E INERZIA”

Campiglia M.ma – Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato di presentazione dell’incontro pubblico di venerdì 29 novembre organizzato dalla lista civica “Comune dei Cittadini”. 

E se iniziassimo davvero a pensare al futuro partendo dalla realtà? Questo il senso dell’iniziativa promossa dalla lista Comune dei Cittadini per venerdì 29 novembre, ore 21, alla saletta comunale di Venturina alla quale tutti sono invitati. Il quadro economico e sociale della Val di Cornia è drammatico.

Cala e invecchia la popolazione. Gli abitanti sono passati dai 63.000 degli anni 80 ai 58.000 nel 2011,  nonostante il continuo aumento della popolazione straniera che dal 2005 al 2010 è aumentata di circa 2.500 unità raggiungendo un totale di 4.500 persone.

Cresce il numero delle persone iscritte nelle liste di disoccupazione. Al 30/06/2013 (CpI Piombino) gli iscritti erano 9035 con un aumento del 10,6% rispetto al 2012. Equivalgono all’intera popolazione di San Vincenzo e Suvereto! I giovani sono la componente maggiore: 33% se si considera la fascia tra 19 e 34 anni; 61% se si aggiunge la fascia compresa tra 35 e 44 anni. I dati sulla disoccupazione non considerano però il fenomeno dei giovani che decidono di partire per cercare lavoro altrove e di coloro che non lo cercano più perché sfiduciati. La disoccupazione giovanile è dunque ben più alta. Il calo dei nuovi avviamenti (assunzioni) rispetto allo scorso anno riguarda tutti i settori con punte del 23% nell’edilizia.

Il quadro, già molto pesante, è destinato ad aggravarsi con la crisi della Lucchini dove nessuno degli scenari di salvataggio sembra consentire il mantenimento dei livelli attuali d’occupazione.  Di fronte ad una situazione come questa è necessario dire la verità senza tatticismi politici, ascoltando e favorendo il confronto delle idee per costruire il futuro di questi territori. Troppo spesso sono state bollate come “proteste” posizioni  che esprimevano profondi disagi, altre visioni del futuro e bisogni di cambiamento nelle politiche di governo. Si è preferito cercare rifugio in sicurezze che non esistono più, mantenendo sprechi e sacche di privilegio nella gestione pubblica.

La nostra opinione è che la gravità della situazione non consenta più pigrizie e inerzie e che ci sia bisogno di maggiore trasparenza e democrazia.  Esattamente ciò che è mancato in questi anni e sta tutt’oggi mancando.

Comune dei Cittadini

 _________________

INSEDIATO IL NUOVO CONSIGLIO DELLA FIDAPA-DISTRETTO CENTRO
TRA LE CONSIGLIERE, LA DOTT.SSA ANNA PARRINI 

San Vincenzo – Si è insediato il nuovo Consiglio di presidenza ed il nuovo Consiglio distrettuale della Fidapa BPW Italy Distretto Centro. A costituire il Consiglio del Distretto, presieduto da Maria Donatella Aiello, le socie delle quattro regioni facenti parte del Distretto (Toscana, Marche, Lazio, Umbria): Anna Parrini di San Vincenzo, Wanda Tramezzo di Pesaro, Annunziata Forte di Empoli ed Aurora Colladon di Roma, oltre alla Vice Presidente Fiorella Annibali di Civitavecchia, alla Tesoriera Maria Antonietta Federici di Roma e alla Segretaria Patrizia Bonciani di Livorno.

Il primo atto del Consiglio ha riguardato la composizione delle Commissioni nei vari settori, dalla Formazione alle Pari Opportunità, all’Igiene e Sanità. Il tema nazionale da sviluppare nel biennio in corso riguarda il fenomeno dell’associazionismo, anche se la Presidente nazionale Fidapa con una circolare ha indicato un progetto specifico che ogni Distretto dovrà cercare di realizzare dal titolo: “Start up: da dove comincio?”. L’obiettivo è creare uno strumento per promuovere l’accrescimento delle attitudini imprenditoriali femminili e permettere alle donne che parteciperanno di assumere le competenze manageriali di base necessarie per l’avvio e la gestione di un’ attività imprenditoriale. Il 7 dicembre, inoltre, le sezioni del Distretto incontreranno la Presidente Nazionale Anna Di Domenico Lamarca.

_________________

PIOMBINO: UN GAZEBO “PRO CIVATI” IN PIAZZA VERDI

Domani a partire dalle 17 in piazza Verdi a Piombino il gruppo PdCivatinprogress Val di Cornia Elba organizza un gazebo informativo nell’ambito della campagna congressuale “Dalla delusione alla speranza” a sostegno dell’onorevole Giuseppe Civati alla segreteria nazionale del PD. Sarà presente l’onorevole Maria Grazia Rocchi, deputata del Partito Democratico, che fa parte dal 9 maggio 2013 della VII Commissione.

____________________________

PIOMBINO: MURZI PRESENTA IMPIANTO BIO-E

È stato messo a regime il nuovo impianto per il trattamento della frazione organica con tecnologia denominata Bio-E. A presentarlo è stato presentato il presidente dell’Asiu Fulvio Murzi. Si tratta di un impianto messo in esercizio in via sperimentale durante la scorsa estate e che è stato reso definitivamente operativo all’interno dell’area impiantistica di Asiu.

Le finalità sono in sintesi: la riduzione della massa volumetrica dei rifiuti trattati del 25%, l’abbattimento delle emissioni odorose ed, allo stesso tempo, la riduzione dei costi.
Il ciclo di produzione prevede che vengano avviati all’impianto Bio-E, su piattaforme ben distinte, sia i rifiuti della frazione organica che quelli della raccolta indifferenziata. Operativamente sono stati realizzati 7 cumuli, 4 di dimensione 12m x 20m e 3 di dimensioni 7m x 10m. I cumuli avranno un’altezza di circa 2,5 m.

Questi ultimi vengono peraltro prima sottoposti ad un processo di vagliatura per separare ed allontanare la parte leggera e secca. Sulle piattaforme i rifiuti, coperti da teli in goratex, che è il vero cuore del sistema, generano temperature elevate, ma monitorando il sistema, si fa in modo che non superino mai i 60-70 gradi. La copertura risulta impermeabile all’acqua e dotata di un’alta permeabilità all’aria, permettendo lo scambio tra ossigeno ed anidride carbonica tra la biomassa interna e l’ambiente esterno. La struttura dei pori, 0,2 micron, crea inoltre il giusto effetto condensa per contenere gli odori.

Il processo dura 20-24 giorni quando le temperature si aggireranno sui 24 gradi, si saranno eliminati gli odori e si sarà arrivati a ridurre la massa volumetrica dal 30 al 50%. Basti pensare che negli anni Novanta ne andava in discarica l’80% essendo materiale molto più umido. Se quindi a questo punto dovesse andare a smaltimento in discarica avremmo comunque sia ottenuto un ottimo risultato, andando quasi a dimezzare gli spazi necessari e di conseguenza i costi. Il prodotto che ne esce, ad ogni modo, ha un ottima qualità. Ciò significa che per le sue caratteristiche potrebbe avere anche sbocchi di riutilizzo quali ad esempio come copertura nel ripristino. Inoltre, la frazione organica così stabilizzata non produce emissioni di odori, che in passato hanno rappresentato una delle maggiori criticità delle tecniche di compostaggio.

Da rilevare che tutti i manufatti di tipo edile (come le piattaforme ed altri manufatti minori) sono stati realizzati in conglomix di produzione aziendale. Inoltre gli operatori impiegati sono tutti dipendenti di Asiu.
______________________________

PIOMBINO PROVASCRITTAPER UN POSTO DI ASSISTENTE SOCIALE

Il 20 dicembre alle ore 10 nella sala consiliare del palazzo comunale di Piombino si svolgerà la prova scritta teorico-pratica della selezione pubblica per assunzioni a tempo determinato di assistente sociale Categoria D1 Servizi Sociali del Comune di Piombino.

I candidati ammessi dovranno presentarsi muniti di un valido documento di identità. Durante la prova non è consentita la consultazione di testi né l’uso di telefoni cellulari o altri strumenti informatici, che pertanto dovranno essere consegnati alla commissione prima dell’ingresso in sala consiliare, qualora il candidato ne fosse in possesso. L’elenco degli ammessi, in tutto 36, è consultabile sul sito internet del comune di Piombino www.comune.piombino.li.it alla voce concorsi attivi.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.11.2013. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 22 giorni, 5 ore, 23 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it