PORTO DI PIOMBINO, DALLA REGIONE VIA LIBERA AI LAVORI DI POTENZIAMENTO

una proiezione del futuro porto di Piombino

una proiezione del futuro porto di Piombino

FIRENZE – Via libera dalla Giunta regionale al potenziamento del Porto di Piombino, ritenuto in linea con quanto previsto dal Piano regolatore portuale.

Nella seduta di oggi la Giunta toscana ha approvato una proposta di delibera del Consiglio regionale che, una volta adottata, aprirà la strada alla realizzazione delle opere previste per il potenziamento del Porto ed in particolare alla modifica della banchina del molo sottoflutto e allo scavo dei fondali fino a -20 metri dal livello del mare. Altri interventi previsti nell’area portuale dall’accordo di Programma Quadro sottoscritto tra la Regione ed i Ministeri interessati sono il potenziamento delle darsene e  la realizzazione di nuove banchine, la bonifica delle aree ‘Città Futura’ e  ‘Fintecna’, il progetto di bonifica delle aree relative al 1° lotto della SS 398 di accesso al porto, la messa in sicurezza permanente delle ex discariche di Poggio ai Venti.

L’atto approvato oggi dalla Giunta regionale prende atto di quanto già espresso dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici lo scorso 24 ottobre (proposta 87/2013), che ha riconosciuto come gli interventi proposti non comportino ‘modifiche sostanziali’ a quanto stabilito dal Piano Regolatore Portuale di Piombino.

“Il provvedimento che abbiamo approvato oggi – spiega l’assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli – consente di dare il via ai lavori di riqualificazione del Porto di Piombino, lavori di grande importanza per dare nuove opportunità al porto ed all’intera area industriale di Piombino. Il potenziamento del porto renderà possibile l’accesso anche alle grandi navi e rafforzerà la candidatura di Piombino per ospitare il cantiere per lo smaltimento del relitto della Costa Concordia. E’ importante ricordare come la vicinanza tra il porto e l’area siderurgica rappresenti un punto di forza per Piombino, una grande opportunità per uno smaltimento ‘a km 0’ delle navi da rottamare, soprattutto alla luce delle nuove direttive europee”.

Si ricorda, infatti, che una direttiva del Parlamento europeo obbliga il Consiglio EU ad individuare entro il 2015 i porti in cui sarà possibile la rottamazione delle navi in disuso, che oggi sono circa 1.000 in tutta Europa.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.11.2013. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

6 Commenti per “PORTO DI PIOMBINO, DALLA REGIONE VIA LIBERA AI LAVORI DI POTENZIAMENTO”

  1. lino

    Guardo la proiezione del futuro porto di Piombino e mi domando quanti anni ci vorranno per realizzarlo. La mia risposta è 115 anni, la vostra ?.
    Sembra la storia dei fanghi di Bagnoli, della piscina megaolimpionica, di città futura,della provincia di Grosseto,dell’Ospedale a Riotorto,del porto per vip di Poggio Batteria, dello smaltimento delle vecchie navi, del Corex, dell’Asia che fa le bonifiche e il sottofondo stradale. Vi ricordate la Milano da bere ? Ecco qui siamo nella Piombino che non mangia nonostante la svolta epocale degli Anselmi,Manciulli,Velo,Tortolini,Guerrieri,Murzi e compagnia cantando.
    Questi ultimi cinque però mangiano, mangiano bene e sono insaziabili.
    Buon appetito.

  2. Astuto Cacciatore

    Tranquillo Lino, continueranno a votare PD.

  3. zeno

    va bene a Piombino hanno il vizietto radicato di votare pd…ma di grazia se non votassero più pd quali sono le alternative valide oltre al non votare????

  4. Astuto Cacciatore

    Se non ci sono alternative, c’è la scheda bianca, un atto di consapevolezza nei confronti di questo regime. Una valanga di schede bianche metterebbe in crisi i mistificatori che si arrogano il diritto di governarci.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    25 mesi, 18 giorni, 3 ore, 26 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it