PIOMBINO: OPERAI SUL RIVELLINO PER SALVARE LA LUCCHINI

Anselmi con i sindacati al Rivellino nel 2013

gli striscioni messi dagli operai Lucchini

 

Il sindaco con i sindacati al Rivellino

Il sindaco di Piombino con i sindacati al Rivellino

Piombino (LI) – Attesa per l’incontro di venerdì 18 ottobre a Roma tra il Ministro per lo Sviluppo Economico Zanonato e i sei segretari nazionali e locali di Fim, Fiom e Uilm, per fare chiarezza sul futuro della Lucchini.  Prosegue intanto il presidio al Rivellino iniziato mercoledì mattina, un’occupazione per avere una convocazione dal Ministero – che è arrivata puntuale – e per non far “spegnere” l’altoforno a fine novembre.

Mercoledì notte insieme ai sindacati è rimasto sul Rivellino anche il sindaco Anselmi, annunciandolo con un post su Facebook: «Sto qui. insieme ad alcuni lavoratori trascorrerò la notte nel Torrione. Certe battaglie si nutrono anche di gesti simbolici, si deve sapere che la città non arretra, ed è questo che voglio rappresentare». Sempre sul social network annuncia gli impegni per venerdì 18: «Domani (venerdì, n.d.r.) sarà una giornata lunga e vibrante, prima con gli studenti delle scuole superiori e poi al Ministero, fino al rientro al Rivellino per informare e discutere dell’esito della riunione. Io ci credo ancora, vorrei che lo facessimo in tanti per dare forza a questi ragazzi che sono qui da due giorni e ci mettono la faccia».

Dopo l’incontro al ministero i segretari di Fim, Fiom e Uilm – Fagioli, Gabrielli e Renda – spiegheranno cosa il sottosegretario De Vincenti avrà detto loro e a quel punto saranno prese tutte le decisioni in un consiglio di fabbrica convocato per le 22. Le richieste dei sindacati sono chiare: continuare con l’altoforno fino a fine campagna (dicembre 2015) e contemporaneamente sviluppare nuove tecnologie: forno elettrico e Corex che dovrebbero sostituire l’altoforno. Il tutto con la fabbrica in marcia.

Solidarietà ai lavoratori arriva anche dalla Regione, espressa dalle parole dell’assessore alle attività produttive lavoro e formazione, Simoncini: «Il riconoscimento di Piombino come area di crisi e l’attivazione del tavolo istituzionale – avverte – vanno nella giusta direzione. Ma occorre che, nel dar seguito a questi impegni, sia garantita la vita dell’altoforno per il periodo necessario e possibile ad individuare un nuovo investitore».

Concludiamo con le parole dell’onorevole PD Silvia Velo: «Riteniamo positivo – spiega – che il Governo abbia finalmente attivato un tavolo per attuare il decreto che individua Piombino come area di crisi industriale complessa. Tuttavia – precisa – non è possibile nessuna riconversione se non viene garantita la continuità lavorativa dell’azienda il cui stop significherebbe ben 1.500 esuberi: un dramma insopportabile per Piombino che conta 30 mila abitanti».

Andrea Fabbri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.10.2013. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

3 Commenti per “PIOMBINO: OPERAI SUL RIVELLINO PER SALVARE LA LUCCHINI”

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 20 giorni, 19 ore, 11 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it