NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 16 OTTOBRE 2013

CNA: LA CCIAA CON NARDI TRACCIA UNA VIA DA INCENTIVARE E POTENZIARE.

Presto ci saranno le elezioni per il rinnovo della Camera di Commercio di Livorno, e la CNA indica i suoi consiglieri provinciali.

«La direzione provinciale dell’associazione riunitasi ieri sera ha scelto all’unanimità di intraprendere la strada della discontinuità e dell’apertura a candidature di valore da parte di altre associazioni di categoria». Così Diego Nocenti, presidente provinciale della Cna riassume l’esito della riunione cui ha partecipato anche Roberto Nardi in qualità di invitato permanente.

«Nardi – prosegue Nocenti – è e rimarrà uno dei dirigenti Cna di riferimento, essendo comunque membro dell’assemblea provinciale ed avendo preziose qualità da mettere al servizio dell’associazione e delle imprese in vari ambiti, ed a lui va un sentito ringraziamento ed apprezzamento per il lavoro svolto in questi 12 anni alla presidenza della Camera di Commercio di Livorno. Non abbiamo preclusioni nei confronti di nessuna associazione di categoria alle quali anzi facciamo appello per elaborare tutti insieme un programma di mandato aperto a tutte le istanze e progetti dei diversi settori dell’economia; nessuno di essi infatti può assolutamente pensare di essere indipendente o superiore agli altri, come testimoniano gli effetti di questa crisi che ha colpito tutte indistintamente le nostre aziende. Nel solco di quanto fatto in questi anni, la Camera di Commercio può ulteriormente aumentare la propria incisività nelle dinamiche economiche e politiche della nostra provincia e questo, per il bene di tutte le imprese, è l’interesse primario della Cna a beneficio di tutte le aziende che in questo territorio operano e vivono. Valuteremo quindi con attenzione – conclude Nocenti – ogni candidatura di propri dirigenti avanzata dalle altre associazioni che vada in questa direzione e senza personalismi, perché la Cciaa non è solo il presidente o la giunta, ma è tutto il consiglio».

La scelta della Cna per i designati a ricoprire gli incarichi di consiglieri camerali è andata tutta su imprenditori di esperienza da anni impegnati nell’associazionismo e provenienti da tutto il territorio provinciale. Artigianato: Angela Ghilli (orafa, Val di Cecina), Maurizio Serini (impiantista, Isola d’Elba), Diego Nocenti (impiantista, Val di Cornia); Industria: Loriano Salatti (industria ferroviaria, Livorno/Collesalvetti); Servizi alle Imprese: Andrea Macchia (edilizia e servizi, Livorno Collesalvetti).

___________________________________

LA STELLA D’ORO DEL CONI A FABIO QUILICI

Nel tardo pomeriggio di mercoledì è arrivata la notizia da Roma che a Fabio Quilici è stata conferita la stella d’oro al merito sportivo, massima onorificenza del Comitato Olimpico Nazionale Italiano.

Avremo modo di ritornare sull’argomento ma, per intanto, porgiamo al  Presidente Quilici le più vive felicitazioni per il riconoscimento che arriva alla vigilia dei 50° anniversario della fondazione del Centro Atletica UISP Piombino.

___________________________________

NASCE LA “FONDAZIONE ISOLA D’ELBA” ONLUS

La Fondazione Isola d’Elba Onlus è finalmente una realtà ed è stata presentata ai media martedì 15 ottobre, nel corso di una conferenza stampa a Portoferraio. Con l’iscrizione nel Registro Regionale delle Persone Giuridiche private (avvenuta in data 1 ottobre al n.899) si è concluso l’iter formale del riconoscimento da parte della Regione Toscana, ed è nato un nuovo e potente strumento operativo per il territorio.

Sei i soci Promotori: oltre ai tre ideatori del Progetto Elba (Vincenzo Gorgoglione, Marco Mantovani e Tiziano Nocentini) ci sono Luca Bartolini, presidente della Banca dell’Elba, Fabio Murzi, Presidente di Acqua dell’Elba, e l’Avv. Paolo Di Tursi.
Al loro fianco, con la loro adesione, ci sono già le associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, Associazione Albergatori, Confindustria, FAITA, e tutti i Comuni elbani che hanno già dichiarato il loro sostegno.
«La Fondazione, dicono i sei promotori, perseguirà esclusivamente finalità non di lucro, ma di solidarietà sociale, volte alla completa valorizzazione del territorio sotto tutti i suoi aspetti, nonchè a forme di sostegno per la sua popolazione.
Sanità, ambiente, istruzione, cultura, saranno i temi principali della sua attività, mentre il volontariato ed il coinvolgimento dei giovani saranno il suo motore propulsivo. La Fondazione infatti – ci tengono a precisare i promotori,  – è nata proprio per dare prospettive migliori all’Elba e alle sue generazioni future».

___________________________________

 HBC SUPER TRIO: SUCCESSO AL TEATRO METROPOLITAN

Grande successo di pubblico e molti apprezzamenti per il concerto del Super Trio HBC che si è svolto martedì 15 al Metropolitan. Scott Henderson, Jeff Berlin e Dennis Chambers hanno dato vita a un’imperdibile serata all’insegna del grande jazz. Oltre 400 le persone che hanno partecipato, con molte provenienti da fuori Piombino.

Organizzatori di questo ambito appuntamento, l’associazione musicale Woodstock con il patrocinio del Comune di Piombino e il sostegno di alcune aziende e operatori economici del territorio come Marvin, Carnevali, ristorante Da Luca, Tenuta Poggiorosso.

Tutti e tre i musicisti provengono dal mondo del jazz/rock e dalla fusion, ed avevano già condiviso il palco gli uni con gli altri, ma solo a partire dal 2009 si sono uniti sotto il nome HBC, in occasione di un tour in Asia nel 2009. Una band solida che ha alle spalle concerti in varie latitudini di tutto il mondo, da Tokyo a Quito, da Città del Messico a Manila.

___________________________

PROGETTO PILOTA PER LA RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE E IL CONTROLLO DELLE SPECIE ESOTICHE NELLE ANPIL “STERPAIA” E “BARATTI-POPULONIA”

Prenderà presto avvio il progetto pilota volto alla riqualificazione ambientale e al controllo delle specie esotiche nelle Aree naturali protette di Sterpaia e di Baratti-Populonia. I lavori interesseranno i tratti di costa compresi fra le località di Carbonifera e Torre Mozza e del Golfo di Baratti e coinvolgeranno anche il bosco planiziale della Sterpaia.

Il progetto si pone l’obiettivo di realizzare interventi diretti di eliminazione e controllo di specie di flora esotica nell’ambito delle aree protette costiere della Val di Cornia così come altre realtà di aree protette toscane hanno da poco avviato. La diffusione di specie di flora esotica e invasiva costituisce infatti una delle principali cause di minaccia alla conservazione della biodiversità nell’ambito della Ecoregione Mediterranea. Nelle aree protette in oggetto tali presenze hanno alterato preziosi habitat forestali planiziali, aree umide retrodunali e tratti di costa sabbiosa e rocciosa inibendo lo sviluppo di vegetazione autoctona la sola capace di mantenere nel tempo gli equilibri biologici e morfologici. Parte di queste specie esotiche risalgono alla vecchia gestione della zona antecedente alla della istituzione del parco. La riqualificazione ambientale di Sterpaia sotto l’aspetto delle specie aliene è contenuta anche del Piano provinciale di Sviluppo socio economico delle aree protette della Provincia di Livorno e nel Piano Regionale sulla biodiversità.

Per presentare l’iniziativa alla cittadinanza, alle associazioni e a tutte le forze politiche e sociali, è prevista per martedì 29 ottobre alle ore 15.00 una tavola rotonda al Museo del Castello e delle Ceramiche Medievali (Piombino) alla quale interverranno, tra gli altri, esponenti della Regione Toscana (principale cofinanziatore del progetto), dell’Università di Firenze, del Corpo Forestale dello Stato e rappresentanti di esperienze similari già attuate in altre realtà di parco della Toscana.

___________________________

PARODI (UPS): «DOPO IL NO ALLA FUSIONE, RILANCIARE LA COLLABORAZIONE TRA I COMUNI»

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Uniti per Suvereto commenta positivamente il risultato del referendum e lancia la proposta di riprendere il cammino delle politiche sovracomunali. Dal referendum sono usciti due risultati positivi, utili per il futuro non solo di Suvereto ma di tutta la Val di Cornia. Il primo è quello della straordinaria partecipazione popolare ad un voto consapevole, che ha fatto scendere in campo tanta gente comprese persone che non si erano mai impegnate direttamente. Il secondo è stato quello di avere respinto il progetto di fusione che avrebbe cancellato per sempre l’autonomia comunale di Suvereto con inevitabili danni per l’economia e la società locale.

Ora si apre uno scenario in cui è necessario riprendere la strada perduta. I sindaci di Campiglia e Suvereto hanno reagito diversamente: Pioli ha giustamente preso atto del referendum e allargato lo sguardo anche sugli altri comuni per le funzioni associate; Soffritti, dimenticando che anche a Campiglia i si sono stati solo il 20 per cento dell’elettorato considerando il forte astensionismo, indispettita ha negato la sua disponibilità a collaborare con Suvereto.

Secondo noi ha fatto quindi bene il sindaco Pioli ad invitare tutti gli altri comuni a riaprire il confronto sulle politiche di area per associare le funzioni dove necessario, ma soprattutto per trovare una effettiva collaborazione sui servizi e il governo del territorio. Per noi la strada maestra deve essere proprio questa: che Suvereto prenda l’iniziativa per riaprire un tavolo comprensoriale, non necessariamente schiacciato sull’asse Campiglia- Piombino, ma aperto prima di tutto a chi già sta facendo qualcosa, come Sassetta-San Vincenzo-Castagneto. Stipulare subito alcune convenzioni per le funzioni associate e pensare al progetto di una possibile Unione con questi tre Comuni, anche in accordo co la Regione che potrebbe rivedere gli ambiti territoriali. Un progetto che avrebbe il merito di far lavorare insieme i Comuni di una zona con caratteri turistico-rurali, alla quale potrebbe aggregarsi anche Campiglia se volesse, magari nel dopo-Soffritti vista la sua attuale indisponibilità, e che potrebbe dialogare con Piombino come entità urbana di riferimento.

Giuliano Parodi

capogruppo Uniti per Suvereto

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.10.2013. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    54 mesi, 18 giorni, 7 ore, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it