NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 12 AGOSTO 2013

SUVERETO: “NO FUSIONE”, PROTESTA PER CALICI DI STELLE

Suvereto (LI) – In occasione di Calici di Stelle, sabato 10 agosto Suvereto è stato “vestito a festa” con striscioni e magliette con la scritta “No fusione”.

Un messaggio esplicito rivolto agli amministratori locali, favorevoli alla creazione di un comune unico con Campiglia. E’ stato quindi scelto dal comitato un modo per rivendicare le proprie orgini, le proprie tradizioni e, perché no, anche le proprie rivalità. Nella giornata sono state posizionate bandiere alle finestre e anche sui tetti, alte fino a 6 metri. Dopo gli striscioni e le lenzuolate, i cittadini suveretani hanno organizzato anche questa forma di protesta a suon di bandiere e magliette arancioni.

_______________________

A SALIVOLI SI PRESENTA “LA CODA SOTTO IL BANCO”

Piombino (LI) – Mercoledì 14 agosto alle 18.30 presso Balestra Mare – Marina di Salivoli (Piombino) si terrà la presentazione (aperitivo con autore) del libro «La coda sotto il banco» di Melisanda Massei Autunnali (edizioni Il Foglio): location quanto mai adeguata, visto che proprio presso il porticciolo di Salivoli si svolge una parte delle surreali vicende feline raccontate in questo primo romanzo dell’autrice piombinese.

Saranno presenti Melisanda Massei Autunnali, l’editore Gordiano Lupi e il critico letterario Fabio Canessa.

Uscito in tutta la Toscana nel giugno scorso, «La coda sotto il banco – Scuola di gatti a Piombino» ha ottenuto un notevole successo a livello locale, conquistando centinaia di lettori con la simpatia e l’ironia intelligente dei suoi protagonisti, i gatti di un immaginario (ma fino a un certo punto) liceo classico vicino al mare. «Davanti alla surreale scuola per gatti di questo libro – scrive il filosofo Franco Bolelli nella prefazione – è impossibile non pensare alle grandi favole greche dell’antichità: questo filone metaforico è qui rilanciato proiettando alcuni temi al di là del tempo, le relazioni personali e generazionali, le dinamiche dell’educazione, la crescita e la formazione dell’adolescenza, sull’orizzonte contemporaneo, mettendo in scena tutti i riferimenti della contemporaneità. E’ il qui&ora moltiplicato per l’aldilà del qui&ora. E’ per questo che il suo tono paradossale riesce a essere tanto spiazzante quanto centratissimo, e che la sua scelta di giocarsi su un tono da commedia divertente alcune questioni tutt’altro che superficiali funziona così alla grande».

_______________________

CENA ALLE LAVORIERE PER DIFENDERE LA VAL DI CORNIA

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Ancora una volta, come ogni anno a mezzo agosto, agricoltori e turisti insieme per denunciare i danni al territorio e per salvare il paesaggio della Val di Cornia. “In difesa della Val di Cornia”:all’insegna di questo slogan, che campeggiava a caratteri cubitali all’ingresso del piazzale, si è svolta la festa-mobilitazione promossa come ogni anno dagli abitanti delle Lavoriere,località del Comune di Campiglia situata nella piana tra la stazione ferroviaria, Campo all’Olmo e Poggio all’Agnello.Gli abitanti della zona delle Lavoriere iniziarono la loro mobilitazione cinque anni fa quando, appoggiati dal Comitato per Campiglia, si organizzarono contro la lottizzazione autorizzata dal comune in aperta campagna, dove è stato realizzato l’impianto cementiero ex Betonval e dove il Comune di Campiglia aveva previsto altri impianti industriali. Ormai è diventato un appuntamento fisso per chi vuole salvare il territorio.

Anche quest’anno si sono riuniti nell’ampio cortile delle Lavoriere, attorno ad una lunga tavola di prodotti tipici locali e della cucina regionale italiana, e stavolta anche con il tocco spagnolo di una grande paella. Tra una pappa al pomodoro e un’anguria dei campi circostanti, è stato fatto il punto sulle numerose situazioni critiche. L’agricoltura, il paesaggio e i parchi stanno pagando le conseguenze di politiche che hanno favorito le lottizzazioni, le cave, gli impianti industriali e energetici nelle campagne. Se la crisi ha rallentato le costruzioni, non bisogna abbassare la guardia perché il consumo di suolo continua, quasi sempre sotto la spinta non di reali necessità, ma di obiettivi speculativi, mentre i regolamenti urbanistici dei comuni non sono in grado di tutelare l’ambiente e il paesaggio, ma anzi continuano a consumare risorse essenziali come il suolo, l’acqua e il paesaggio. Le fattorie storiche sono distrutte, riconvertite a usi non agricoli o cementificate, come è avvenuto a Poggio all’Agnello e come sta per avvenire a Rimigliano. Anche i parchi, che erano stati concepiti come uno strumento di tutela e valorizzazione dei beni ambientali e culturali stanno segnando il passo e hanno perso qualsiasi progettualità positiva. In questo modo anziché favorire il turismo si diminuisce l’attrattività della Val di Cornia, hanno detto i numerosi turisti presenti.
Ai danni materiali ora rischiano di aggiungersi anche quelli istituzionali, ad esempio con il progetto di fusione tra Suvereto e Campiglia, che cancellerebbe uno dei comuni più virtuosi della zona.

Durante la serata è arrivata per fortuna anche una notizia positiva: la definitiva bocciatura da parte della Regione Toscana del progetto della WKN di un mega parco eolico che avrebbe deturpato la pianura tra Piombino e Venturina».

Gruppo delle Lavoriere
Comitato per Campiglia

___________________________

CECINA: ANCORA IN MOSTRA IL FASCINO DEI SAMURAI

Grande interesse a Cecina per le armature, i kimono e le arti della tradizione e della filosofia zen giapponese. Fino al 15 settembre ad ingresso libero.

Il fascino dell’antico Giappone, con i suoi riti e le sue tradizioni, sta ottenendo un grande successo di pubblico a Cecina (Li) grazie alla mostra “Kimono e Samurai. Il gesto. L’eleganza. Lo spirito” organizzata dalla Fondazione Culturale Hermann Geiger nella Sala Esposizioni in piazza Guerrazzi 32 aperta fino al 15 settembre 2013. Curata dal direttore artistico della Fondazione Alessandro Schiavetti, il percorso espositivo presenta le suggestive armature dei samurai del periodo Edo provenienti dalla galleria dell’antiquario milanese Giuseppe Piva e gli splendidi kimono di fine Ottocento e inizio Novecento dell’atelier Antichi Kimono di Gloria Gobbi, le lame della collezione Paolo Cammelli e vari tipi di accessori. Completano la mostra una serie di preziose stampe ukiyo-e sul tema della donna e del guerriero, gentile prestito del collezionista Giancarlo Mariani. Ogni pezzo esposto è poi inserito nel contesto di suggestive ricostruzioni scenografiche di case e giardini tradizionali giapponesi. “Abbiamo voluto proporre una mostra – ha spiegato Alessandro Schiavetti – che racconta nello stesso tempo l’eleganza e la perizia tecnica dell’arte giapponese dove predominano la libertà e il valore del gesto. Il tutto attraverso una ricca collezione di capolavori che fanno capo ad armature, kabuto, mempò, lame, paraventi, tsuba e netsuke, stampe e kimono”. La mostra è aperta al pubblico tutti giorni dal 13 luglio al 15 settembre ad ingresso libero dalle 18 alle 23. Info: Fondazione Culturale Hermann Geiger, tel. 0586.635011, www.fondazionegeiger.org
____________________________

APRITIBORGO: REGOLE E CONSIGLI PER TRAFFICO E PARCHEGGI

Si alza domenica il sipario su Apritiborgo, il festival del teatro e delle arti di strada che trasforma il centro storico di Campiglia in palcoscenico dall’11 al 15 agosto.

Domenica il traffico nel centro storico chiude alle ore 12.00 per permettere l’allestimento di tutto quanto è necessario per la realizzazione degli spettacoli e dei percorsi del gusto e dell’artigianato, l’amministrazione comunale raccomanda il rispetto di questo termine per non intralciare l’organizzazione del festival e per non incorrere nelle sanzioni previste dall’ordinanza emessa dalla Polizia municipale che prevede quanto segue: dalle ore 12:00 di domenica 11 e dalle ore 16:00 di lunedì 12, martedì 13, mercoledì 14 e giovedì 15 agosto 2013 fino alle ore 01:00 del giorno successivo a ciascuna delle date sopra indicate sono  vietati il transito e la sosta veicolare, con rimozione coatta, nell’intero centro storico del capoluogo, fatta eccezione che per le seguenti categorie di veicoli: i veicoli di soccorso, di polizia e in servizio tecnico di emergenza; i veicoli e le attrezzature funzionali all’effettuazione del “mercatino” e all’organizzazione della manifestazione che, in ogni caso, non potranno più circolare né sostare dopo le ore 17:30.

I visitatori del festival che provengono da nord di Campiglia possono utilizzare gli ampi parcheggi sulla sinistra dopo il santuario di madonna di Fucinaia, da dove è attivo il servizio bus navetta gratuito. I visitatori provenienti da sud possono parcheggiare ai parcheggi del cimitero comunale.

Il servizio navetta gratuito garantirà i collegamenti anche da Venturina e Cafaggio dai parcheggi segnalati in loco. Fermate e orari. Navetta 1: Via della Fiera ore 20.00, via Indipendenza “Scuola Marconi” ore 20.03, Calidario  “Via dei Molini” ore 20.07, Cafaggio ore 20.15. Navetta 2: Via della Fiera ore 21.00, via Indipendenza “Scuola Marconi” ore 21.03, Calidario  “Via dei Molini” ore 21.07.

L’amministrazione comunale chiede a tutti la massima collaborazione e comprensione affinché il festival possa essere anche quest’anno un evento sereno e pienamente godibile, un momento di festa per grandi e piccini, per scoprire il borgo bellissimo di Campiglia sotto una luce diversa da quella di tutti i giorni.

La segreteria del festival in via Roma 5 è aperta domenica 11 dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 23.30. Nei giorni successivi la segreteria sarà aperta dalle 17.00 alle 23.30. Tel. 0565839202-204-252; 3338760991.

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.8.2013. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    62 mesi, 23 giorni, 22 ore, 46 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it