PAPILLOMA VIRUS: «PREVENZIONE O INTIMIDAZIONE?»

La locandina della campagna di prevenzione

La locandina della campagna di prevenzione

Abbiamo ricevuto un’interessante segnalazione su una campagna di prevenzione primaria a cura di Regione Toscana e Servizio Sanitario della Toscana per la vaccinazione contro il Papilloma Virus. Ne riportiamo integralmente il testo.

«Gentilissima Redazione, ho ricevuto due giorni fa una lettera dalla Regione Toscana-Azienda USL 6 Centro Vaccinale di Cecina la quale mi invita a vaccinare mia figlia Marta contro il Papilloma Virus (HPV) per la prevenzione dal carcinoma della cervicale uterina. A questa lettera è allegato una broschure che vi allego e nella quale viene riportato quanto vi scrivo.

Non avrei mai pensato che un azienda che dovrebbe educare la gente alla prevenzione dalle malattie si preoccupasse invece di seminare il panico per costringere addirittura le bambine a vaccinarsi.

Non è la “solita accusa” gratuita della quale potrei essere additato. E’ invece quello che il Centro Vaccinale di Cecina sta facendo “intimando” le giovani bimbe a vaccinarsi dicendo questo: “Tanto prima o poi lo incontrerò” (il virus che può trasformarsi in forma tumorale del collo dell’utero, HPV).

Ma “prima o poi lo incontrerò” significa che proprio non lo eviterò, che mi ammalerò, che avrò il virus che poi può trasformarsi…

Altro che prevenzione! Questo è terrorismo psicologico per costringere i genitori a portare le loro figlie  a vaccinarsi.

Quale interesse c’è per aver “elaborato” uno slogan così “terroristico” ?

Ho telefonato al numero verde per chiedere spiegazioni e chi mi ha risposto mi ha riferito al telefono che questa campagna è il frutto di studi e che ci hanno lavorato importanti studiosi (?!) Importanti per cosa? Per chi?

Spero che le bambine proprio non lo incontrino questo virus. Spero che chi ha “studiato tanto” nel concepire questo assurdo depliant ci ripensi e ritiri questa ignobile campagna sanitaria e che dicano alle nostre figlie (di qualsiasi età) che non è vero che devono prima o poi ammalarsi di tumore all’utero! Da parte mia mi consulterò con qualche medico che in maniera responsabile mi dia una sua opinione sulla opportunità o meno di vaccinare mia figlia. Di questo ne parlerò con tutti i genitori che conosco (e quelli che non conosco) spiegandogli l’atto assurdo al quale l’ASL 6 si sta prestando».

Lino Parra

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.7.2013. Registrato sotto Foto, Lettere, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “PAPILLOMA VIRUS: «PREVENZIONE O INTIMIDAZIONE?»”

  1. Onestamente il termine usato di “terrorismo” mi pare un poco forzato, credo che faccia bene ad informarsi tenendo presente però, che il problema è importante e che prevenire, senza terrorizzare, è meglio che poi dover curare .

  2. Francesco

    Bravo papà’ , finalmente qualcuno che non si imbranca come una pecora ma vuol saperne di più ….. A pensar male si fa peccato ma qualche volta ci si indovina…. Forse gli è’ balenato nella mente l’enorme giro di affare che c’è’ dietro questo che per le aziende produttrici e’ veramente una manna dal cielo…. Aoh riuscire a rifilare tre dosi di vaccino a tutte dicesi tutte le bimbe nessuna esclusa e’ veramente una pacchia…..è poi a spese di tutti i contribuenti. …..con la complicità’ della ASL…..terrorizzando adeguatamente i genitori visto che la bimba di nove dieci anni non si può’ difendere……mamma snaturata vuoi far morire la tua amata figlioletta di cancro all’utero???. Una prospettiva veramente rosea per molti anni a venire fino a quando come già avviene qualcuno diffidente come il nostro papà vorrà ficcare il naso in questo affarone per scoprire che …..staremo a vedere…..!!

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    63 mesi, 1 giorno, 8 ore, 58 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it