CIA: DAGLI AGRICOLTORI NO AL MEGA EOLICO IN VAL DI CORNIA

Una riproduzione di come sarebbe stato il Campo eolico

Una riproduzione del Campo eolico

«La Confederazione Italiana Agricoltori di Livorno dice con forza no alla realizzazione del mega impianto eolico in Val di Cornia . Con questo progetto , già bocciato dai Comuni di Piombino e Campiglia M.Ma , siamo  ancora una volta di fronte ad un attacco pesante  al territorio agricolo con il pretesto dello sviluppo delle energie rinnovabili . A nostro avviso  dietro al progetto non ci sembra   di vedere  “anime verdi” , ma probabilmente  solo interessi legati al  business dell’energia e volontà speculative che è necessario contrastare con decisione» .

«Come già  sostenuto da tempo  – precisa la nota della Presidenza Cia di Livorno – la nostra visione di sviluppo locale , che si fonda   sulla centralità dell’agricoltura e nella  valorizzazione dello spazio  rurale ,non si concilia con la realizzazione di strutture come i grandi impianti eolici che segnerebbero negativamente l’immagine del territorio locale indebolendone il percorso di diversificazione economica che faticosamente da tempo si cerca di perseguire.

Il nostro territorio per guardare oltre  la crisi che   colpisce  il suo sistema produttivo e ne indebolisce il tessuto sociale , ha bisogno di investire sul valore delle risorse locali , ed è per questa ragione, che anche sotto l’aspetto legato alla diffusione degli impianti eolici , occorre prestare grande attenzione  alla tipologia produttiva  che si vuole  incentivare.

Favorire sulle superfici agricole la realizzazione di strutture di grandi dimensioni, porterebbe da una parte  ad un consumo ulteriore di suolo agricolo , dall’altra  stravolgerebbe l’immagine della Val di Cornia che nel suo insieme conserva ancora i tratti di  un sistema paesaggistico   la cui componente  agricola , in un sistema  territoriale di grande pregio ambientale a cui concorrono  boschi ,spiagge ,beni artistici e archeologici raccolti e organizzati nel sistema dei parchi, è un elemento fondamentale su cui puntare per ridisegnare il futuro economico di questo territorio .

Il tema delle energie rinnovabili – sostiene ancora la Presidenza CIA  – se si guarda alle superfici  agricole, va affrontato promuovendo  la produzione di energia rinnovabile secondo criteri di localizzazione e diffusione sul territorio di piccoli impianti legati al fabbisogno energetico familiare ,per autoconsumo ed integrazione di reddito aziendale.

La nostra visione da sempre è quella  di legare alla sostenibilità ambientale e territoriale, gli impianti energetici.

Con questa convinzione sosterremo ogni iniziativa che possa contrastare la realizzazione di questo nuovo  progetto di mega impianto eolico , dannoso ed invasivo per la  Val Di Cornia».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.4.2013. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

3 Commenti per “CIA: DAGLI AGRICOLTORI NO AL MEGA EOLICO IN VAL DI CORNIA”

  1. zeno

    perchè…esistono ancora gli agricoltori?

  2. Astuto Cacciatore

    “dietro al progetto non ci sembra di vedere “anime verdi” , ma probabilmente solo interessi legati al business dell’energia e volontà speculative”
    Il business delle energie cosiddette “rinnovabili”, occasione di propinare al popolo “ecomostri” in nome dell’ecologia, con l’appoggio del partito degli affari targato PD, sembra cominci a vacillare. Sintomo ne è anche il trasferimento a Livorno di quella piccola fiera, a scopo “imbonitorio” per il popolo, denominata saccentemente dalle illuminate menti piddine: “Quanto basta”. (Quel che basta a volte guasta).

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 23 giorni, 8 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it