RISORSE ESAURITE PER LA CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA

Gianfranco Simoncini

Gianfranco Simoncini

FIRENZE – La Regione ha terminato le risorse assegnate dal ministero per la gestione degli ammortizzatori sociali in deroga per il 2013 ed è quindi costretta a bloccare le autorizzazioni, dopo aver coperto le richieste pervenute per la cassa integrazione al 30 gennaio scorso e per la mobilità al 28 febbraio.

Lo ha annunciato oggi l’assessore alle attività produttive lavoro e
formazione Gianfranco Simoncini informando che nell’incontro previsto per questo pomeriggio a Roma col Ministro del lavoro Elsa Fornero solleciterà lo sblocco dei fondi a livello nazionale.

«Le risorse assegnate o comunque certe – spiega l’assessore –
ammontavano per la nostra regione a 49 milioni e 600 mila euro. Con
queste riusciamo a coprire al massimo le richieste pervenute entro
gennaio per quanto riguarda la Cassa integrazione ed entro febbraio per la mobilità. Ciò significa che abbiamo autorizzato quelle relative a 12
mila lavoratori su 24 mila per la cassa in deroga e 1583 su 1795 per la mobilità».

I numeri nel dettaglio Nel dettaglio, le domande di Cig in deroga pervenute agli uffici regionali sono 6808 e riguardano, come si è detto, 24.462 lavoratori,
per un impegno di spesa di circa 83 milioni di euro, alle quali si
aggiungono le 1.795 domande di mobilità in deroga per altrettanti
lavoratori.

Le risorse ammontano a 49.613.564 euro, di cui la prima tranche di 33.332.743 euro è oggetto di un accordo siglato tra Stato e Regione Toscana. La seconda tranche, di 16.280.821 euro, è allo stato attuale una proposta di ripartizione concordata a livello di Coordinamento delle Regioni ed inviata al Ministero, una proposta che la Regione Toscana, al contrario di altre regioni, in accordo con l’Inps regionale ha deciso di tenere comunque presente in modo da poter autorizzare più domande possibile.

«A partire da oggi le autorizzazioni sono bloccate – continua Simoncini – per questo faremo presente al ministro Fornero la nostra forte preoccupazione per una situazione che, nella totale incertezza sulle risorse, rischia di ripercuotersi pesantemente sul piano sociale, privando i lavoratori di un reddito cui hanno diritto. Al ministro chiederemo lo sblocco immediato delle risorse già previste dalla legge di stabilità, provenienti dalla L. 845/78,, che ammontano in circa 200 milioni a livello nazionale di cui circa 10 milioni dovrebbbero essere assegnati alla Toscana. Questo potrebbe permettere di avere ancora una quota di risorse che, se sommate all’effettivo tiraggio della spesa, potrebbero consentire una parziale ripresa delle autorizzazioni, comunque insufficiente a far fronte alle richieste pervenute ad oggi. Abbiamo bisogno, dal governo, di risposte urgenti e definitive che ci permettano di contare su risorse certe per l’intero fabbisogno del 2013».

L’assessore aggiunge che, in questa fase, l’unica indicazione che la Regione può dare alle imprese per fare fronte a queste difficoltà è quella di utilizzare strumenti diversi previsti dall’ordinamento come ad esempio i contratti di solidarietà, rispetto ai quali è prevista anche un’integrazione regionale del reddito perso.

«Il prossimo 16 aprile – annuncia infine l’assessore – anche se non è cosa usuale, sarò presente a Roma per portare la testimonianza della Regione Toscana alla manifestazione unitaria indetta da Cgil, Cisl e Uil per rivendicare adeguati finanziamenti per gli ammortizzatori in deroga. Mi sembra un dovere rispetto alla condizione di gravissimo disagio che vivono decine di migliaia di lavoratori in Toscana e nel nostro paese ».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.4.2013. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 18 giorni, 16 ore, 36 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it