NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 23 MARZO 2013

PIOMBINO PUNTA ALLA TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEGLI AMMINISTRATORI

Il Consiglio comunale ha approvato la delibera di Giunta relativa all’adozione del regolamento per la pubblicità e la trasparenza dello stato patrimoniale degli amministratori (titolari di cariche pubbliche elettive e di governo).

Pertanto Consiglieri, Assessori e Sindaco dovranno dichiarare, nei modi e nei tempi dovuti, i loro dati di reddito ed il patrimonio con particolare riferimento ai redditi annualmente dichiarati, i beni immobili e mobili, la partecipazione in società, la consistenza degli investimenti in titoli obbligazionari, titoli di stato o in altre utilità finanziarie tramite fondi di investimento. Una volta in possesso dell’amministrazione comunale, i dati verranno pubblicati sul sito web del Comune.

A favore della delibera, presentata dall’assessore Elisa Murzi, hanno votato Partito democratico, Italia dei Valori Unione di Centro  e Gruppo Misto. Contrario invece  Popolo della Libertà, astensione di Futuro e Libertà.

La delibera recepisce la legge sulla trasparenza approvata dal Governo Monti nel dicembre 2012 e dispone che già dalla prossima presentazione della dichiarazione dei redditi gli amministratori locali rendano pubblica la loro situazione finanziaria. Il termine ultimo non deve essere superiore a 30 giorni dalla data di scadenza della presentazione al fisco. La dichiarazione deve essere redatta ogni anno, negli stessi termini.

La legge prevede che gli Enti locali individuino sanzioni da un minimo di 2 mila a un massimo di 20 mila euro, per gli amministratori che non rendano pubblica la loro dichiarazione dei redditi e lo stato patrimoniale.

______________________

AREA DEM VAL DI CORNIA SI CHIEDE: «LA ROTTA E’ VERSO SUD?»

Riportiamo integralmente l’intervento di “Area Dem Val di Cornia” che si inserisce nel dibattito del passaggio di Piombino sotto la provincia di Grosseto.

«Come Area Dem val di Cornia vorremmo esprimere le nostre opinioni sul dibattito relativo al passaggio del Comune di Piombino alla Provincia di Grosseto.

Lo facciamo senza personalismi, per una necessità politica di pluralismo di interventi, consapevoli che le decisioni devono derivare dopo riflessione e approfondimento di visioni e idee.

Premettiamo che siamo certi che se gli Italiani si dovessero esprimere in maniera referendaria sul mantenimento delle Province, quest’ ultime avrebbero scarse possibilità di successo, pertanto, riteniamo che questa sarebbe la discussione da intraprendere…ma andiamo avanti.

La nostra idea è quella di Piombino facente parte della Val di Cornia, in rete con gli altri Comuni, con una visione di territorio allargata e un concetto di sviluppo legato a valorizzazioni e incrementi di tipicità e eccellenze già presenti.

Non siamo del tutto convinti, ma possiamo diventarlo se le altre idee ne avranno la forza e si vorranno confrontare, che il passaggio da una Provincia a nord per una a sud sia così fondamentale per il rilancio della nostra città.

Piombino può svilupparsi di più, può contrastare più  efficacemente i venti minacciosi di tempesta che sembrano addensarsi sulle nostre case con un cambio di Provincia e uscendo da una progettualità comune alla Val di Cornia o sono necessari anche altri ragionamenti?

Il peso politico che avrebbe la città di Piombino nella nuova ipotetica Provincia sarebbe equivalente se convergesse interamente o una parte consistente dei Comuni della Val di Cornia?

Come s’inserirebbero con la nuova realtà i pani strutturali integrati fra i Comuni della Val di Cornia, qualora fosse un solo Comune a migrare?

Crediamo prioritario definire la partita in merito al Comune unico, o come noi prediligiamo definirla, una “Governance Allargata” che si occupi in maniera continua e non a spot di gestire il nostro Territorio, ed una volta definito tale aspetto, risulterebbe molto più semplice e veloce incamminarci verso la Provincia di Grosseto.

Ribadiamo una esigenza impellente di dibattito politico, una necessità di approfondimenti, di capire bene le ragioni profonde e, come ultima cosa, ma la più importante, di aprire il dibattito all’intera cittadinanza, di coinvolgere i cittadini in una scelta fondamentale, fino all’indizione di una qualsivoglia consultazione popolare».

Area Dem Val di Cornia

_____________________

IN VENDITA LA PARKING PASS PER I RESIDENTI DELLA VAL DI CORNIA

Inizierà lunedì 25 marzo la vendita della “TOSAP Parking Pass”, tessera prepagata per i residenti dei cinque comuni della Val di Cornia proprietari o comproprietari di auto, che consente, al costo di € 35,00, soste illimitate nelle aree di parcheggio del Golfo di Baratti e del Parco della Sterpaia, senza limiti di orario, per tutta la stagione 2013.

Per l’acquisto è necessario presentare la carta di circolazione del veicolo da registrare e un documento di identità. Nel caso di veicoli intestati a società, dovrà essere presentata una dichiarazione del titolare in cui si specifica che il mezzo è dato in uso al dipendente, che deve essere residente nei comuni della Val di Cornia. Le tessere dovranno riportare il numero di targa del veicolo.

Questi i punti vendita attivati:

– Sede Parchi Val di Cornia SpA, Via Lerario, 90 Piombino: dal lunedì al venerdì ore 14.00- 18.00
– Venturina, presso il Centro Commerciale Coop: lunedì 25 marzo ore 10.00-12.00; a partire da Lunedì 8 aprile ore 9.30-12.30
– Venturina, presso l’Ufficio del Messo Comunale: tutti i Venerdì ore 10.00-12.00
– Piombino, presso il Centro Commerciale Coop Salivoli: tutti i sabato ore 9.30-12.30
– Riotorto, presso l’ufficio Informagiovani: martedì e venerdì ore 17.30-19.30, sabato ore 10.3-12.30
– presso le biglietterie dei parchi e musei gestiti dalla Parchi Val di Cornia SpA: nei giorni di apertura (la vendita ha luogo da un’ora dopo l’apertura a un’ora prima della chiusura del sito).
_______________________

A SAN VINCENZO SI PARLA DI SVANTAGGIO LAVORATIVO CON L’ASSOCIAZIONE “IN VIAGGIO CON NOI”

Giovedi 28 Marzo alle 16.30 si terrà a San Vincenzo un’iniziativa dal titolo “Svantaggio lavorativo, Oltre l’immaginario la nostra determinazione, Un lavoro per TUTTI!”, patrocinata dal comune di San Vincenzo organizzata dall’Associazione In Viaggio con noi.

Emblematico questo titolo che l’”Associazione In Viaggio Con noi”  ha dato al Convegno organizzato presso Sala Consiliare “La Torre” a San Vincenzo. Emblematico perché sposta l’attenzione dai cosiddetti “soggetti disabili”, all’”oggetto” e cioè allo svantaggio lavorativo e quindi al lavoro negato.

Ecco perché bisogna andare oltre l’immaginario come sottolinea Ilio Musi, il Presidente dell’Associazione e quindi verso la determinazione per trovare soluzioni. Pino Guarna, responsabile dell’Associazione a San Vincenzo, in adempimento all’impegno preso con l’Amministrazione nella Convenzione stipulata il 9 Agosto 2012, ha fortemente voluto questo Convegno per trovare soluzioni concrete agli inserimenti lavorativi.

______________________

GLI ACQUERELLI DI ENZA VICECONTE ALLA GRAN GUARDIA

La pittrice-acquerellista Enza Viceconte sarà la prossima ospite della Gran Guardia a Portoferraio con la presentazione di alcuni dei suoi nuovi acquerelli. La mostra, patrocinata dal Comune di Portoferraio e organizzata in collaborazione con la storica dell’arte Alice Betti e Klaus Ilmer, sarà inaugurata domenica 24 marzo alle ore 18.00 e si potrà visitare fino a venerdì 29 marzo.

L’esposizione si propone di far conoscere al pubblico un nuovo volto dell’artista, conosciuta su tutto il territorio soprattutto per le sue opere aventi come tema il paesaggio marino, con i suoi colori e la sua luce. “Astrazione del concreto” lascia spazio a composizioni che ad un primo sguardo possono apparire come opere astratte ma in realtà rappresentano elementi concreti e riconoscibili a seguito di una più attenta osservazione.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.3.2013. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

3 Commenti per “NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 23 MARZO 2013”

  1. Astuto Cacciatore

    A PROPOSITO DELLA “TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEGLI AMMINISTRATORI”, SERVIRA’ FORSE AD ALIMENTARE LE SOLITE CHIACCHERE DA BAR PAESANO, IN CUI IL POPOLO SI CROGIOLA, DEL TIPO TIZIO HA TRE CASE ,CAIO UN SACCO DI OBBLIGAZIONI, SEMPRONIO UN FURGONE SCASSATO, MA NON SCALFISCE NIENTE DELL’INTRECCIO CLIENTELARE, FAMILIARE, AMICALE, DI INTERESSI, FAVORI, INCARICHI, CONSULENZE, POSTICINI, PIANI REGOLATORI AD HOC, PROGETTI DI SVILUPPO “MIRATI” PARTECIPAZIONI, APPOGGI, DI CUI GLI AMMINISTRATORI SONO SOLO UNA COMPONENTE, ANCHE SE DETERMINANTE, INSOMMA SERVE A NIENTE NEI CONFRONTI DELL’APPARATO PARTITOCRATICO CHE SOFFOCA, STRANGOLA, UMILIA, SUCCHIA RISORSE FINANZIARIE A QUESTA NOSTRA POVERA ITALIA.

  2. Amerini Giam,piero

    In merito alla trasparenza dello stato patrimoniale degli amministratori concordo con “astuto cacciatore”. Per prima cosa desidero precisare che il voto di FLI è stato contrario e non di astenzione. Il motivo principale del voto contrario deriva dal fatto che , a mio modesto parere, il regolamento approvato dal consiglio comunale è in contrasto con lo statuto del comune in quanto nello stesso sono stabilite norme diverse. Quale regole vanno rispettate quelle dettate dallo statuto o quelle del regolamento? Inoltre a mio parere quelle norme approvate sono inutili perchè il dirigente incaricato non ha poteri per controllare titoli, azioni e altre attività finanziarie depositate nelle banche, senza contare che chi non vuole rendere pubblico il proprio patrimonio può trasferirlo in un qualunque stato estero (compreso S. Marino o Città del Vaticano) dove vige il segreto bancario. Quel regolamento serve solo a “dare immagine di trasparenza”, in realtà non cambia nulla e non serve a nulla. Lo ritengo invece offensivo perchè considera i consiglieri comunali come potenziali delinquenti. Io sono stato il consigliere comunale di Piombino che nel 2011 ha percepito il compenso maggiore (per avere avuto il maggiore numero di presenze) la strabiliante cifra di 1.114 (milleecentoquattordici) euro lordi, per oltre sessanta riunioni e, per quella cifra, dovrei portare denunce dei redditi, documenti, dichiarazioni e quanto altro necessario a dimostrare il mio patrimonio….. Dimenticavo: non è richiesto di dichiarare i depositi nei conti correnti, libretti ecc. (?) ……. Come ho detto in consiglio comunale è semplicemente ridicolo ……..

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 20 giorni, 15 ore, 26 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it