NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 20 MARZO 2013

LA CARCASSA DI UNA BALENA SI SPIAGGIA A ROSIGNANO

Una balenottera comune di oltre 17 metri di lunghezza e circa 2,5 tonnellate di peso si è spiaggiata nel primo pomeriggio di ieri 19 marzo in una piccola ansa del litorale di Rosignano all’altezza del bagno “ Lo Scoglietto”. Già due giorni fa l’esemplare era stato avvistato lungo le coste di San Vincenzo e oggi il mare in tempesta ha reso definitivamente la carcassa.

Si pone ora il problema di verificare le cause della morte e per questo la squadra di veterinari dell’Università di Padova, su incarico Ministeriale, sono già in viaggio per raggiungere entro stamani mattina la spiaggia di Rosignano ed eseguire un prelievo di tessuto idoneo per poi procedere alle analisi di routine, compreso la necroscopia dell’animale.

L’Osservatorio Toscano dei Cetacei della Regione Toscana ha, infatti, informato prontamente il Ministero dell’Ambiente e del Mare in ottemperanza a quella che è la rete di recupero nazionale e ARPAT, a supporto dell’OTC, sta coordinando l’intervento di recupero, collaborando con la Guardia Costiera e l’Assessore del Comune di Rosignano al fine di valutare il da farsi.

Sono previste anche altri tipi di analisi da parte dell’Università di Siena e dell’Istituto Zooprofilattico di Pisa. Non è da escludere infine che lo scheletro della balena possa essere un giorno esposto presso il Museo di Storia Naturale di Rosignano.

_____________________________

COL TUSCANY WALKING FESTIVAL SI PASSEGGIA NEL PARCO DI MONTIONI IN CERCA DI ERBE SELVATICHE

Anche quest’anno i Parchi della Val di Cornia, propongono un ricco calendario di eventi inseriti nella manifestazione Tuscany Walking Festival, che invitano a scoprire i parchi e la Val di Cornia “fuori stagione”. Un calendario di eventi che non solo valorizza la bellezza naturalistica e storica dei parchi, ma ne moltiplica le opportunità di incontro e svago in una vera e propria festa del camminare, sotto il segno della convivialità e del relax. Un’esperienza che unisce terra, mare, profumi, luoghi magnifici e sapori autentici che si presenta come una vera e propria vetrina per il territorio con tutte le sue eccellenze e per gli operatori che vi operano, sullo sfondo dei parchi.

A rafforzare il rapporto con il territorio la collaborazione con aziende, operatori e associazioni per la realizzazione di molti degli eventi proposti. I prossimi due appuntamenti avranno luogo nel Parco di Montioni e avranno come tema centrale quello della riscoperta delle erbe selvatiche.

Domenica 24 marzo, alle ore 10, nel Parco naturale di Montioni sarà possibile partecipare a “Una passeggiata tra i profumi delle erbe selvatiche” organizzata dalla Parchi Val di Cornia SpA in collaborazione con l’azienda di Suvereto “Il Giardino del Semplici”.
La passeggiata guidata nel Parco alla ricerca delle erbe spontanee, sarà seguita da una visita all’azienda agricola “Il Giardino dei Semplici” per scoprire in particolar modo le proprietà officinali di queste piante e degustare prodotti, sciroppi e liquori a base di erbe aromatiche.  Per partecipare all’evento, il cui costo è di € 6,00 per la passeggiata e € 8,00 per la visita all’azienda con degustazione, è obbligatoria la prenotazione entro venerdì 22 marzo alle 14.30.

L’altro appuntamento sul tema delle erbe selvatiche, organizzato dall’Ostello La Baciocca, è previsto sempre nel Parco di Montioni per sabato 13 aprile. “Che buone le erbe selvatiche! Ritorno alla cucina povera”, propone una passeggiata nel parco alla ricerca di erbe selvatiche con un piccolo corso per riconoscere e cucinare con le erbe selvatiche e con le infestanti degli orti. In questo caso per le informazioni è necessario contattare l’Ostello La Baciocca tel 0566 51537 – 345 4441169- info@labaciocca.it

E’ possibile scegliere di partecipare a entrambe le giornate che prevedono itinerari diversi e temi diversi: il primo appuntamento sarà incentrato prevalentemente sulle erbe officinali e sui liquori, il secondo sull’impiego delle erbe in cucina. La partecipazione ad entrambe le date consentirà di usufruire di uno sconto sul prezzo del biglietto.

_________________________

 IL COMUNE DEI CITTADINI SULL’UNIONE DEI COMUNI: «SCELTE IMPROVVISATE»

Riceviamo e pubblichiamo integralmente dal Comune dei Cittadini.

«Nelle elezioni del 2009 il PD si era impegnato a superare il Circondario e a costituire l’Unione dei Comuni della Val di Cornia che, se ben amministrata, avrebbe  consentito di ridurre le spese, di rinsaldare la programmazione unitaria e di  salvaguardare  l’autonomia e l’identità dei singoli Comuni.

Nel 2010 il Circondario fu sciolto per decreto governativo. I Sindaci annunciarono l’imminente costituzione dell’Unione, ma intanto ciascun Comune stava riprendendosi le funzioni associate già trasferite da decenni al Circondario, con spreco di denaro e di esperienze amministrative.

Le leggi che obbligano i Comuni sotto 5.000 abitanti ad associare le funzioni c’erano già almeno dal 2010, ma sono state colpevolmente ignorate. Il PD ha aperto una discussione confusa e inconcludente dalla quale si è capito chiaramente che è profondamente diviso, non ha una proposta e sta trascinando le amministrazioni nel caos.  San Vincenzo associa il corpo dei vigili urbani con Sassetta, Castagneto e Bibbona.  I Comuni di Suvereto e Campiglia hanno già associato vigili urbani e viabilità e ora puntano al Comune unico alle elezioni del 2014.  Lo avrebbero deciso i direttivi del PD di Campiglia e Suvereto con il segretario della federazione Fabiani: gli stessi che nel 2009 hanno scritto nei programmi elettorali che avrebbero costituito l’Unione di tutti i Comuni della Val di Cornia. Con quale faccia, a pochi mesi dalle elezioni, propongono lo scioglimento dei due Comuni? Dov’è il rispetto per i cittadini? Quanto tempo pensano di dedicare, e come, per discutere seriamente di una soluzione tanto radicale quanto improvvisata?

Piombino, che non è obbligato ad associare nulla,  discute per conto proprio se chiedere di far parte della provincia di Grosseto, nonostante sia ben presente a tutti che le province non avranno lunga vita.  In ogni caso, mentre il Consiglio Comunale di Piombino ha discusso l’argomento, negli altri Consigli Comunali la proposta non è stata neppure ricordata dai Sindaci.

Un quadro disastroso che certifica la fine della Val di Cornia come esperienza politico amministrativa. Gli effetti sono gravi e incidono direttamente sulla capacità di reagire alla crisi. Pianificazione unitaria del territorio, agricoltura, turismo, sistema delle piccole e medie imprese, trasporti pubblici, servizi sanitari e sociali, uso delle acque, gestione dei rifiuti, gestione dei parchi, sono temi sui quali sono indispensabili politiche sovracomunali e sui quali da tempo questa zona non elabora più nessuna proposta credibile e praticabile. Spesso si perde anche la conoscenza dei problemi e si delega ad altri livelli istituzionali il governo di servizi essenziali come la sanità, l’acqua e i rifiuti, sempre meno efficienti e sempre più costosi per i cittadini. Gli scenari che si prefigurano aggraveranno ancora di più la situazione.

Di fronte a questo sfascio ribadiamo la  nostra proposta. Si associno subito le funzioni amministrative tra i cinque Comuni della Val di Cornia, evitando che i Comuni di Suvereto e Sassetta vengano commissariati nel 2013 per responsabilità di chi li ha amministrati. Si costituisca l’Unione mantenendo l’autonomia e l’identità dei singoli Comuni. Si lavori insieme, da subito, per mettere in campo progetti per l’economia e i servizi che vedano coinvolta l’intera Val di Cornia nella reazione alla drammatica crisi economica e sociale. Solo da qui si può partire per ulteriori future discussioni sulla riforma istituzionale. Altre strade, come dimostrano i fatti, portano allo sfaldamento di questo territorio.

Non è giusto che i cittadini della Val di Cornia paghino le colpe di politici che hanno mentito e di amministratori che non hanno saputo riorganizzare i propri Comuni. Il prezzo è alto: un ulteriore scivolone di questa zona verso il declino».

Comune dei Cittadini

_________________________________

LA PARCHI VAL DI CORNIA INTERVIENE SULLA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE

Domani, 21 marzo, si terrà nel Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli il “Corso di sostenibilità ambientale per operatori balneari” organizzato dall’Ente Parco all’interno del Progetto Co.R.E.M.

In tale contesto la Parchi Val di Cornia è stata chiamata a presentare la propria esperienza con un intervento del presidente, Luca Sbrilli, dal titolo “Una buona pratica di governance tra parco e operatori balneari”. All’incontro avrebbe dovuto essere presente anche Fabrizio Lotti, in qualità di presidente dell’Associazione Balneari Costa Est, a dimostrazione del positivo rapporto di reciproca collaborazione, ma proprio in questi giorni Lotti è stato nominato presidente della Fiba (Federazione italiana imprese balneari) Toscana e nello stesso giorno sarà all’assemblea elettiva nazionale dei balneari.

L’esperienza della Parchi è stata presa come esempio dal Parco regionale (che intende mutuare) proprio per il rapporto di collaborazione sviluppato in questi anni con i soggetti portatori d’interesse all’interno dei Parchi costieri. Nello specifico un interessante progetto ha portato a realizzare giornate di formazione con tema principale la gestione integrata all’interno di un’area naturale. Questa attività di formazione ha avuto come prioritario scopo quello di far incontrare le diverse realtà che, a vario titolo e con interessi diversi, hanno a cuore il Parco della Sterpaia e più in particolare l’ambiente dunale considerando che questo per alcuni, rappresenta il patrimonio naturale che sono chiamati istituzionalmente a proteggere e conservare, mentre per altri rappresenta il valore aggiunto dell’offerta commerciale che rivolgono ai turisti. Proprio partendo da questo comune presupposto sono stati coinvolti soggetti che con varie modalità sono portatori di interesse all’interno dei parchi costieri, in modo da poter avere un confronto diretto ma soprattutto per illustrare le strategie migliori che possono essere messe in campo, al fine di una vera conservazione e tutela. Per la prima volta nel territorio della Val di Cornia, si è così arrivati ad un confronto condiviso sul piano tecnico – gestionale, fra coloro i quali nutrono maggior interesse affinché nel patrimonio naturale sottoposto a vincolo a fini della protezione si possa parlare di uno sviluppo sostenibile. Il percorso è stato articolato su diversi piani, alternando seminari ad uscite in loco; gli argomenti trattati sono stati improntati sull’analisi delle criticità esistenti e possibili interventi risolutivi, a basso impatto paesaggistico e naturale in modo illustrare quelle che sono le “buone pratiche” che ogni soggetto può mettere in atto, come primo passo verso una reale tutela e conservazione dell’ambiente dunale. Sicuramente un momento formativo e di confronto importante che ha portato alla creazione di una maggiore sintonia di intenti e sensibilità sulle tematiche relative alla gestione eco sostenibile di un territorio tra tutti gli operatori che operano su questa area costiera.

Questo progetto e non solo sarà il fulcro dell’intervento della Parchi Val di Cornia nel Corso organizzato dall’Ente Parco San Rossore.

_______________________________

CAMPIGLIA: RINNOVATA LA PROLOCO, ECCO I NUOVI MEMBRI

Si sono svolte domenica le lezioni per il rinnovo del Consiglio direttivo dell’EVC Pro Loco che ha visto l’ingresso in massa di tante giovani promesse.

Apprezzamento per il lavoro della commissione elettorale composta da Angiolo Fedeli, Jacopo Bertocchi e Antonietta Nannini, che ha saputo coinvolgere tanti ragazzi e ragazze  che tra di loro hanno dato il via a un passaparola che ha portato ad altre nuove candidature. Assicurata dal voto anche la continuità con il passato consiglio, in modo da avere un bagaglio d’esperienza su cui contare, a partire dal presidente uscente Umberto Bartoli. Nei prossimi giorni si terrà la riunione d’insediamento dei nuovi 15 consiglieri che avranno il compito di scegliere il presidente e le altre cariche previste dallo statuto.

Gli eletti: Umberto Bartoli, Filippo Bertini, Luca Biondi, Alessandro Bracci, Alberto Brogioni, Francesca Bucciantini, Francesco Calistri, Riccardo Ferroni, Giovanni Guidi, Gian Luca Iacometti, Franca Lisini, Luca Marconcini, Valerio Paponi, Francesco Parri, Giulia Rosi. Fanno parte del consiglio senza diritto di voto un rappresentante per ogni rione e un rappresentante del Comune. Mercoledì 27 marzo prossimo l’insediamento del nuovo consiglio alle 21 al Centro Civico Mannelli. Alla riunione sono invitati tutti i candidati che hanno partecipato alle elezioni.

 ________________________________

SAN VINCENZO: UN FILM SULLA MADRE DI LEONARDO DA VINCI

In occasione della settimana della poesia, la Biblioteca Comunale di San Vincenzo  presenta un Film con  immagini e i testi poetici,  “Caterina madre di Leonardo”. Sabato 23 marzo  alle ore 17 presso la “Torre di San Vincenzo”. L’ingresso è gratuito.

Il film “Caterina madre di Leonardo”, narra il periodo prenatale di Leonardo Da Vinci. Prodotto da “Chimera Vision”, in associazione con  “Imagine” e “Tedavì 98”, diretto da Graziana Forzoni, con i testi di Francesco Camerini. La storia poetica e immaginaria, dedicata ad una madre vissuta nell’ombra dello splendore del figlio, accoglie l’ipotesi di alcuni studiosi, della sua possibile origine mediorientale e trae spunto anche dal ritrovamento, tra gli scritti di Leonardo, di una nota spese del funerale di Caterina che pare abbia raggiunto in tarda età il figlio a Milano. Obiettivo del film è mettere in evidenza come le sensazioni e le percezioni vissute dalla donna durante la gravidanza, abbiano contribuito alle ispirazioni delle opere artistiche poi prodotte da Leonardo, e come il distacco prematuro tra madre e figlio, voluto dalla famiglia Vinci, abbia influenzato il carattere del genio.

Il film, girato in parte anche in Val di Cornia  è stato realizzato a zero budget, grazie alla collaborazione di tutti i partecipanti.

____________________________________

CONCORDIA: COSTA «OPERA IN ARMONIA» CON LE AUTORITÀ

Sulla rimozione della Concordia, Costa Crociere deciderà «in accordo con le autorità delegate, tenendo in particolare considerazione la sicurezza del trasporto del relitto e la protezione dell’ambiente».

E’ quanto ha precisato con una nota Costa Crociere, che desidera chiarire che «la decisione relativa alla scelta delle modalità di trasporto e la definizione del sito che dovrà accogliere il relitto della nave Concordia per le attività di smaltimento e riciclo, sarà presa nel pieno rispetto delle leggi e delle norme applicabili, in stretto coordinamento e accordo con le autorità all’uopo delegate».

«Uno studio approfondito per selezionare la soluzione più appropriata – aggiunge Costa – condiviso costantemente con le autorità preposte. Ogni decisione verrà presa in accordo con le autorità delegate, e terrà in particolare considerazione la sicurezza del trasporto del relitto e la protezione dell’ambiente».

Ad intervenire è la compagnia di navigazione Costa Crociere dopo che nei giorni scorsi il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, aveva avanzato l’ipotesi che il relitto possa essere portato a Piombino, in una lettera in cui spiegava tutti i passaggi che hanno portato a questa decisione.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.3.2013. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 26 giorni, 17 ore, 7 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it