5 STELLE: «CON NOI I CITTADINI SI RIAPPROPRIANO DELLE ISTITUZIONI»

il simbolo del movimento 5 stelle di Piombino

il simbolo del movimento 5 stelle di Piombino

Abbiamo fatto alcune domande al Movimento 5 Stelle di Piombino-Val di Cornia su alcuni temi caldi che riguardano  il nostro territorio in particolare e il futuro della Val di Cornia più in generale.

– Cerchiamo di conoscere meglio il Movimento 5 Stelle piombinese. Quale è il clima che si respira nel gruppo dopo le elezioni?
Dopo il risultato elettorale nel Movimento 5 Stelle di Piombino tira un’aria di speranza. Il 25% dei consensi raggiunto è un traguardo che è andato oltre le attese, ma è stato anche il vedere ripagato il nostro lavoro, il nostro impegno, il nostro continuo relazionarsi con i cittadini attraverso banchetti, proposte, assemblee aperte, eventi. Le persone l’hanno capito, si sono avvicinate, e ciò ci rende pronti e determinati per metterci a lavorare in vista delle amministrative. Per quanto riguarda il risultato nazionale, siamo uniti nel sostenere i nostri portavoce in parlamento, per non lasciarli soli ad affrontare questo momento delicato. Politici e media stanno provando a scaricare sul Movimento la responsabilità della crisi e del fallimento della vecchia politica. Non ci riusciranno, rimarremo coerenti, questa è la nostra forza.

– Avete recentemente fatto una iniziativa sui rifiuti zero con Paul Connect. Ci spiegate brevemente l’idea e quali riscontri avete avuto con l’amministrazione comunale e con l’Asiu?
L’evento con Paul Connett del 27 gennaio scorso a Piombino, ha avuto come scopo quello di far conoscere alla cittadinanza e agli amministratori un nuovo modo di gestire e chiudere il ciclo dei rifiuti. La strategia “Rifiuti Zero” ha come obiettivo finale il completo riutilizzo della materia, evitando che essa sia o incenerita o nascosta in discarica. Rifiuti Zero insegna a vedere i rifiuti, non più come un qualcosa di cui disfarsi, un costo per la società, ma materiale prezioso che crea posti di lavoro nella filiera del riciclo e riutilizzo. Per raggiungere gli obiettivi prefissati dalla strategia Rifiuti Zero sono necessari dei passi in quella direzione il primo dei quali è la raccolta differenziata spinta porta a porta. Abbiamo perciò invitato tutti i soggetti interessati (sindaci, assessori all’ambiente associazioni ambientaliste, Asiu). Non è venuto nessuno! Noi però non ci perdiamo d’animo, Rifiuti Zero è nel nostro programma, lo riproporremo quando saremo in consiglio comunale.

– Le frane. Come reputate il rifacimento di Piazza Bovio di fronte a una situazione franosa della città che ha in Piazza Manzoni e in via Lungomare Marconi le principali criticità?
In un’ottica a cinque stelle l’impiego dei soldi pubblici deriva da scelte oculate e decisioni prese con e nell’interesse dei cittadini, quindi il finanziamento del rifacimento di piazza Bovio in contrapposizione alla messa in sicurezza delle aree franose della città doveva essere una scelta partecipata con i cittadini. Quindi la cosa migliore sarebbe stata chiedere ai piombinesi quale tra le due opere avesse la priorità, solo così avremmo portato davvero avanti l’interesse della collettività.

– Crisi Lucchini. Alcune ipotesi vedono la chiusura dell’area a caldo e almeno 1000 disoccupati in più in città. Quali soluzioni o alternative…
Purtroppo, come tutti sanno, la situazione della Lucchini può trovare soluzione soltanto attraverso un piano industriale nazionale. Per quanto ci riguarda, abbiamo già provveduto a segnalare il nostro caso ai portavoce in parlamento per la Toscana, mantenendo quindi un rapporto stretto tra la base e gli eletti. Sul territorio è però necessario individuare e sviluppare alternative produttive, la cui assenza è una colpa grave delle amministrazioni comunali. Per fare ciò ci siamo organizzati in gruppi di lavoro tematici, chiedendo il contributo di esperti anche da fuori, in modo da avere tutti i dati, una visone d’insieme e verificare la fattibilità delle idee sviluppate.

– In un ipotetica amministrazione locale 5 stelle quale sarebbe la prima azione che, comune per comune, fareste per riqualificare la Val di Cornia?
La prima azione di un’amministrazione a 5 stelle di Piombino sarà quella di dotare il comune di un piano energetico comunale che consenta alla città di passare gradualmente ad un riduzione del consumo di carburanti fossili, risparmiare sulle bollette, creare posti di lavoro qualificati. Il primo passo del piano sarà effettuato con uno stop al consumo del territorio. Abbiamo centinaia di appartamenti sfitti, non c’è bisogno di costruirne altri, sarà perciò incentivata l’edilizia delle ristrutturazioni e le imprese del settore, applicando tecniche che portino a risparmi energetici importanti, a cominciare dagli edifici pubblici.

– Perchè il movimento 5 stelle ha avuto tanti consensi tanto da diventare la prima forza politica a livello nazionale la seconda a livello locale?
Secondo noi non è solo per una reazione contro i partiti che ci hanno portato ad una crisi di dimensioni immani, ma soprattutto perché i partiti, col loro divenire prima oligarchia e poi casta, hanno minato il rapporto di fiducia tra cittadini e amministratori, creando una piramide di privilegi intollerabile specie in questo momento. Il M5S sta rovesciando la piramide, riportando i cittadini a riappropriarsi della politica e delle istituzioni, dello stato. Siamo gli anticorpi di un sistema malato e per i molti che ci hanno votato l’unica speranza di guarigione. Ce la metteremo tutta per non deluderli, ma loro devono darci una mano.

Giuseppe Trinchini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.3.2013. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

5 Commenti per “5 STELLE: «CON NOI I CITTADINI SI RIAPPROPRIANO DELLE ISTITUZIONI»”

  1. Astuto Cacciatore

    “Abbiamo perciò invitato tutti i soggetti interessati (sindaci, assessori all’ambiente associazioni ambientaliste, Asiu). Non è venuto nessuno! ” I PARTITOCRATI SONO PIUTTOSTO SDEGNOSI… LO SAPPIAMO, CHISSA’ PERCHE’ ?

  2. Roberta

    le proposte sono solo fregnacce, sulla lucchini fanno ridere, ma anche il resto è il vuoto, finchè parlano della casta hanno degli argomenti per il resto vuoto pneumatico.

  3. GIULIANO PARODI

    oggi sembra che alcuni senatori 5stelle abbiano votato per l’elezione di GRASSO..dato che la trasparenza e il taglio con la vecchia politica e’ il loro cavallo di battaglia secondo me da cittadino sarebbe opportuno sapere se questa cosa e’ vera e iun quel caso il nome e cognome dei senatori che hanno espresso tale voto…ci hanno sempre detto che la loro sono solo portavoce del popolo e niente di più’…niente autonomia personale o altro…o siete già’ diventati come gli altri???? grazie

  4. zeno

    credo che i grillini siano una cosa preoccupante per l’italia e per il territorio della val di Cornia lo sono in maniera più accentuata…intendo motivo di seria preoccupazione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 19 giorni, 19 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it