INFOMOBILITA’: LA REGIONE FINANZIA I PROGETTI DI LIVORNO, CECINA E PIOMBINO

traffico_fiorentina_ore_21Monitorare il traffico delle città o delle aree urbane, controllare gli accessi nelle ztl, gestire i posti nei parcheggi in tempo reale, dare informazioni sulla mobilità su smartphone o tablet: questi gli obiettivi dei 13 progetti ‘vincitori’ del bando regionale sull’infomobilità, un bando che assegnerà un totale di 2 milioni e 130.000 euro. Tra i progetti finanziati anche quelli dei Comuni di Livorno, Piombino e Cecina.

La Regione continua a sostenere l’innovazione e l’uso delle nuove tecnologie per la gestione in tempo reale del traffico nelle città toscane.

L’assessorato regionale ai trasporti ricorda che quello che si è appena concluso (la graduatoria è stata pubblicata oggi sul Burt) è il secondo bando emesso nel giro di pochi mesi con l’obiettivo di potenziare un settore sempre più strategico.
Grazie ai fondi europei del PorCreo, verranno cofinanziati dalla Toscana 13 progetti innovativi che aiuteranno le amministrazioni a controllare e coordinare la mobilità dei territori, ma saranno utili anche per i singoli cittadini che potranno avere in tempo reale informazioni sugli accessi nelle aree urbane, sui parcheggi, sui flussi di traffico.

La graduatoria delle domande ammesse e finanziabili vede al primo posto il progetto Re.mo.te (REte di MOnitoraggio dati di Traffico ed Eventi) del Comune di Firenze, con un contributo assegnabile pari a 250.000 euro. Il progetto prevede l’estenzione ad altri 61 semafori del sistema di controllo remoto (sistema che varia la durata del rosso e del verde in base al flusso di traffico presente in quel momento nelle varie direzioni; il sistema è attualmente presente in 184 semafori), l’installazione di altre 54 telecamere per il monitoraggio del traffico ed un aggiornamneto del sistema di controllo dei parcheggi con la possibilità di pagare la sosta anche via sms.

Altri 250.000 euro sono stati assegnati per il “Progetto mobilità Lucca” del Comune di Lucca, che sostituirà l’attuale sistema di rilevamento del traffico veicolare con un sistema nuovo che classificherà i veicoli in entrata ed in uscita dalla città in 9 diverse categorie, documentando meglio l’accesso alla città. Saranno inoltre posizionati vicino ai varchi telematici dei pannelli a messaggio variabile. Infine sarà migliorato il sistema di controllo del rispetto delle fasce orarie di accesso.

Per il potenziamento del sistema di infomobilità il Comune di Grosseto potrà contare su risorse pari a 193.000 euro. Serviranno per potenziare l’attuale sistema di infomobilità esistente nella città di Grosseto con l’incremento delle stazioni di rilevamento dei flussi di traffico (tre nuove stazioni sugli assi viari nord-sud e una nuova stazione in uscita dal centro storico) e il miglioramento del sistema di comunicazione agli utenti della disponibilità di parcheggi (in particolare saranno posizionati dei pannelli che indicheranno il numero dei posti disponibili nei 3 parcheggi disposti lungo le mura cittadine e sarà migliorato il controllo nelle altre aree di sosta).

A Piombino sono stati destinati 250.000 euro per il progetto Psm “Piombino Smart Mobility”, che doterà la città di un moderno sistema di monitoraggio e controllo della mobilità (parcheggi e flussi veicolari) e di un sistema di rilevazione dei posti disponibili nei parcheggi. Grazie a questi nuovi sistemi di monitoraggio sarà possibile per l’amministrazione conoscere e gestire le criticità del traffico ed avere dati certi e in tempo reale. Inoltre Piombino prevede di passare dall’attuale sistema di autorizzazioni cartacee per la sosta in Ztl ad un metodo informatizzato di controllo degli accessi.

Nella graduatoria dei progetti finanziati segue Arezzo, con 161.600 euro per il secondo stralcio del progetto comunale di infomobilità. In particolare saranno ampliati il sistema di indirizzamento ai posti liberi nei parcheggi, il sistema per diffondere le informazioni legate alla mobilità e il sistema di classificazione e monitoraggio dei flussi di traffico.

A Forte dei Marmi,invece, sono andati circa 100.000 euro per il progetto Sca (Sistema di controllo automatizzato degli accessi). Il progetto prevede l’installazione di 7 centraline (collegate con la centrale di Polizia municipale) per controllare automaticamente l’accesso all’interno della zona a traffico limitato e ‘identificare i veicoli non autorizzati.

La graduatoria continua con il progetto ‘Colle infomobilità’, che ha visto 204.500 euro assegnati al Comune di Colle Val d’Elsa. Il progetto è diviso in due lotti, uno dedicato al controllo dell’acceso nella ztl (con l’installazione di un sistema automatico di controllo degli accessi) e l’altro alla sosta ‘intelligente’ (con l’installazione negli stalli di sosta di sensori wireless che rileveranno la presenza del veicolo e trasmetteranno le informazioni al parcometro, così l’utente per pagare il parcheggio dovrà solo digitare il numero del suo stallo di sosta). Questo sistema renderà più efficace il controllo sia degli accessi che del pagamento della sosta.

Segue poi ‘Infoli2′, del Comune di Livorno,  con 125.000 euro di contributo si propone di ampliare i servizi ed i sistemi tecnologici già attivi sul suo territorio per il controllo dei flussi di traffico. Sarà incrementato il numero delle postazioni di rilevamento dei flussi di traffico, saranno installati pannelli a messaggio variabile per mostrare il numero di parcheggi liberi, sarà realizzata un’App per Iphone e Android permetterà ai cittadini di sapere lo stato della viabilità e la disponibilità dei parcheggi circostanti.

Il Comune di Fucecchio, con il progetto ‘Telecamera attiva’, potrà contare su un contributo di 82.000 euro per installare un sistema di monitoraggio e controllo di alcune aree del capoluogo e della frazione di Ponte a Cappiano strategiche dal punto di vista del traffico e della sicurezza urbana. I siti individuati saranno: piazza Salvo D’Acquisto, via Trieste / Porta Raimonda, via della Repubblica intersezione via Leonardo da Vinci, piazza Pertini.

Il Comune di Barga avrà 68.000 per il sistema di video sorveglianza per il controllo e gestione degli accessi principali. In particolare saranno installate delle telecamere digitali ad altissima risoluzione e sistemi ad infrarosso per il riconoscimento in notturna delle targhe, inoltre sarà implementata la centrale di controllo.

Gli ulteriori tre progetti finanziabili sono ‘Poggibonsi -I- Mobility’ del Comune di Poggibonsi (150.000 euro per l’installazione di 6 postazioni di rilievo del traffico, l’installazione di sistemi per il monitoraggio dell’accesso alle aree ZTL e la costituzione di una sala di controllo), ‘Attenti al varco’  del Comune di Cecina (con 90.000 euro per un sistema di controllo dell’accesso alla ztl composto da tre varchi, due pannelli luminosi a messaggio variabile e un sistema centralizzato di controllo da installare presso il comando di Polizia Municipale) e ‘Infomobilità 2′ del Comune di Prato(250.000 euro per estendere l’attuale rete di controllo del traffico aggiungendo altri 14 dispositivi per controllare altrettante aree e centralizzare i dati raccolti presso il servizio mobilità del Comune; saranno inoltre creati dei ‘corridoi semaforici’ sincronizzando gli impianti in modo da rendere più fluida la viabilità).

Altri 14 progetti giudicati ammissibili ma per i quali, al momento, non sono bastate le risorse stanziate dal bando, resteranno nella graduatoria stilata dalla Commissione di valutazione, che avrà una validità di 12 mesi.

I finanziamenti saranno erogati da Artea, in qualità di agenzia responsabile dei controlli e pagamenti della linea di intervento IV.4a del Por Creo. Per ottenerli gli enti beneficiari dovranno stipulare e firmare una convenzione con la Regione entro 60 giorni da oggi.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.1.2013. Registrato sotto Foto, scienza_tecnologia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 5 ore, 42 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it