PRIMARIE: PIETRELLI «IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE»

Val di Cornia – Abbiamo intervistato Martina Pietrelli, coordinatrice del gruppo promotrice di Matteo Renzi per la Val di Cornia, sul dopo elezioni, sul ballottaggio di domenica prossima e sul futuro del gruppo dei “renziani” in Val di Cornia.

– Siete soddisfatti del risltato ottenuto a Piombino e in Val di Cornia?
Abbiamo avuto un risultato eccezionale e inaspettato. Nessuno di noi pensava di vincere il primo turno a San Vincenzo e a Campiglia per esempio, e perfino all’Elba. Eccezionale anche il risultato di Piombino dove nessun candidato alternativo a quelli sostenuti in passato dal gruppo dirigente è mai arrivato al 34,4%. Ed è un risultato perfettamente in linea con quello di Renzi a livello nazionale, il 35,5%.

– Per il ballottaggio vi sentite di partire svantaggiati o come dice Renzi si riparte dallo 0 a 0?
E’ vero che si riparte da 0 a 0. Il ballottaggio ha sempre avuto una storia a sé. Domenica 2 dicembre il risultato non è per nulla scontato, non solo perché ad oggi Renzi e Bersani sono separati a livello nazionale da meno di 300mila voti, ma anche perché la forza della proposta di Renzi è grande e in espansione. Tanti di quelli che hanno già votato potrebbero cambiare idea o comunque essendo solo due i candidati scegliere Renzi, perché no, e comunque noi siamo motivatissimi e sono convinta che ritorneremo in massa a votare.
Poi bisogna ricordare anche che chi non si è registrato e non è andato a votare al primo turno, ma vuole andarci domenica per il ballottaggio, può farlo registrandosi il 29 e il 30 di novembre. Dobbiamo sempre capire dove e come, e lo diremo appena possibile, ma è una cosa che si può fare e che sarebbe importante estendere il più possibile per favorire la partecipazione.

– Come interpreti a livello politico, specie nella rossa Toscana, i risultati di questo voto?
A livello politico dico solo che questo voto e questo consenso a Matteo Renzi è una chiara richiesta di cambiamento delle persone e dei nostri elettori alla classe politica in generale e al nostro partito, il PD. E questo fatto è importante perché dimostra che il PD è già un punto di riferimento per milioni di cittadini ma potrebbe esserlo per molti, ma molti di più. Chi non legge questa realtà, sbaglia analisi e dunque sbaglierà anche la soluzione ai problemi enormi della politica italiana e della società.

– Puoi da questo risultato in Val di Cornia estrapolare delle dinamiche a livello locale?
Le dinamiche locali non ci interessano, anzi il voto della nostra zona dimostra che siamo parte di una tendenza nazionale e toscana in particolare. Certo le questioni locali possono influire, nel senso che ognuno di noi parte dalla sua esperienza personale e dal suo vissuto quotidiano, però quello che ha spinto le persone ad andare a votare e a votare Renzi è una voglia generale di voltare pagina e di guardare con occhi nuovi al futuro, chiudendo con i vecchi riti e sistemi del passato.

– Passato presente e futuro. Dal volantino negato alla festa del PD al dopo elezioni. Cosa speri per i renziani della Val di Cornia nel futuro?
L’atteggiamento del gruppo dirigente locale del partito, purtroppo, è stato molto chiuso per non dire ostile nei nostri confronti fin dall’inizio e il volantinaggio negato alla festa del PD di Piombino ne è stato in qualche modo il simbolo. Dopo questo voto non so cosa succederà, il gruppo del nostro comitato è assolutamente spontaneo e unito dall’entusiasmo che Matteo Renzi ha messo in moto, ma ci sono persone in gamba che per la prima volta si sono avvicinate alla politica e dunque sarebbe importante che queste persone restassero attive. Ma dipende da due cose: la prima dalla loro volontà di continuare a impegnarsi attivamente in politica, la seconda dall’atteggiamento dei dirigenti del partito locale nei nostri confronti. Una cosa è certa: chi alza un muro rimarrà prigioniero. Comunque vedremo dopo cosa succederà. Intanto pensiamo a vincere il ballottaggio domenica 2 dicembre. Perché, come dice Matteo, il meglio deve ancora venire.

Giuseppe Trinchini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 27.11.2012. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 26 giorni, 6 ore, 35 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it