NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 13 AGOSTO 2012

ENZO IACCHETTI PROTAGONISTA AL BOLGHERI MELODY IL 19 AGOSTO

Enzo Iacchetti sarò protagonista all’Arena Mario Incisa Della Rocchetta con lo spettacolo “Gran Cabaret” insieme alla sua Witz Orchestra. Al comico e conduttore di Striscia la Notizia spetta quindi l’onore di chiudere, domenica 19 agosto il sipario sulla terza edizione di Bolgheri Melody, il Festival di San Guido a Bolgheri (Li).

Un ritorno alle origini, quello di Iacchetti, per portare in scena, tutta d’un fiato, un ventennio di esperienze teatrali e televisive fatte di sketch, gags a raffica, monologhi e quelle poesie, quelle canzoni bonsai che ai tempi del Maurizio Costanzo Show lo hanno reso popolare. Iacchetti torna ad infilarsi così, ancora una volta, nei panni del mattatore da palcoscenico per rimettere in scena i preziosi insegnamenti della grande scuola del Derby Club di Milano, luogo della sua nascita artistica. Alla Witz Orchestra il divertente compito dell’accompagnamento melodico, dedito come non mai all’improvvisazione ironica.

I biglietti per tutti gli spettacoli possono essere acquistati online sul circuito www.ticketone.it e nei punti vendita ticketone, boxoffice e vivaticket. Il botteghino del festival è aperto dal Lunedì al Venerdì nel seguente orario: mattina dalle ore 10 alle ore 13 ed il pomeriggio dalle ore 16.30 alle ore 19.00.

______________________

COMITATO PER CAMPIGLIA: “UNA CENA PER SALVARE LA VAL DI CORNIA”

Riceviamo e pubblichiamo dal Comitato per Campiglia sulla cena che si è svolta sabato 11 agosto alle Lavoriere, zona del Comune di Campiglia. La festa-mobilitazione ha coinvolto un centinaio di persone tra agricoltori, cittadini e turisti.

«L’ultima frontiera è quella degli impianti energetici nelle campagne, insidiate da pannelli fotovoltaici, centrali a biomasse e progetti eolici che si aggiungono alle lottizzazioni industriali e edilizie portate avanti negli anni a colpi di varianti urbanistiche. L’agricoltura, il paesaggio e i parchi ne stanno facendo le spese, le risorse fondamentali del territorio sono in pericolo sotto il peso della speculazione immobiliare.

“Agricoltura, Paesaggio, Parchi: Salviamo la Val di Cornia!”. All’insegna di questo slogan, che campeggiava a carattere cubitali all’ingresso del piazzale, si è svolta la festa-mobilitazione promossa come ogni anno dagli abitanti delle Lavoriere. L’11 agosto oltre 100 persone – agricoltori, turisti e cittadini – si sono riuniti nell’ampio cortile delle Lavoriere, località del Comune di Campiglia situata nella piana tra la stazione ferroviaria, Campo all’Olmo e Poggio all’Agnello. Attorno ad una lunga tavola di prodotti tipici locali e della cucina regionale italiana è stato fatto il punto sulle numerose situazioni critiche: dalla cementificazione di Rimigliano voluta dal comune di San Vincenzo, al piano particolareggiato di Baratti del comune di Piombino, dagli impianti fotovoltaici che hanno già distrutto numerosi ettari
di suolo agricolo nei comuni di Piombino, Campiglia e Suvereto, al progetto per ora sospeso di megaolico nella piana, alla centrale a biomasse di Montegemoli e a quella di Suvereto che rischia di alterare l’identità agricola della vallata e di accentuare la crisi idrica.

Nei vari interventi sono state messe sotto accusa le politiche delle amministrazioni locali che non sono state in grado di tutelare l’ambiente e il paesaggio e che con la scusa dello sviluppo non hanno fatto altro che aggravare le condizioni dell’economia e del turismo, già colpite dalla crisi generale. Invece di basarsi sulle vocazioni originarie dei luoghi, i piani urbanistici sembrano ormai privilegiare singoli progetti privati che consumano risorse essenziali come il suolo, l’acqua
e il paesaggio. Le fattorie storiche stanno per essere distrutte, riconvertite a usi non agricoli o cementificate, come nei casi di Poggio all’Agnello e Rimigliano. Anche i parchi, che erano stati concepiti come uno strumento di tutela e valorizzazione dei beni ambientali e culturali stanno segnando il passo e hanno perso qualsiasi progettualità positiva. In questo modo anziché favorire il turismo si diminuisce l’attrattività della Val di Cornia, hanno detto i numerosi turisti presenti.

Gli abitanti della zona delle Lavoriere iniziarono la loro mobilitazione cinque anni fa quando, appoggiati dal Comitato per Campiglia, si organizzarono contro la lottizzazione autorizzata dal comune in aperta campagna, dove è stato realizzato l’impianto cementiero ex Betonval e dove il Comune di Campiglia aveva previsto altri impianti industriali. Ormai è diventato un appuntamento fisso per chi vuole salvare il territorio».

Comitato per Campiglia

Gli abitanti della Lavoriere

_______________________

POLO SIDERURGICO DI PIOMBINO: LETTERA A MONTI E A PASSERA

FIRENZE – La candidatura del Polo Siderurgico di Piombino per un progetto di riconversione e riqualificazione produttiva, capace di offrire una soluzione complessiva alle varie crisi aziendali, affrontando allo stesso tempo le  questioni infrastrutturali, ambientali ed energetiche.

E’ questa la proposta formulata dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, insieme al presidente della Provincia di Livorno Giorgio Kutufà e al sindaco di Piombino Gianni Anselmi, in una lettera congiunta al presidente del Consiglio Mario Monti e al ministro dello sviluppo economico Corrado Passera.

“Malgrado l’attenzione del Governo sia giustamente indirizzata in questi giorni sul caso Ilva di Taranto – si legge nel testo inviato a Monti e Passera – anche la realtà di Piombino non può tuttavia prescindere da un intervento di politica industriale”.

Quella di cui si parla – sottolineano Rossi, Kutufà e Anselmi – è infatti una realtà che coinvolge circa 6 mila lavoratori, con la presenza di gruppi industriali quali Lucchini, Magona e Tenarsi Dalmine. Ed è su questa realtà che Regione, Provincia e Comune si sono fortemente impegnati, sia seguendo da vicino le vertenze industriali che facendo convergere le rispettive politiche su progetti congiunti di intervento, relativi per esempio alle bonifiche, alle infrastrutture e al credito.

Tuttavia, ricordano Rossi, Kutufà e Anselmi, “la crisi simultanea sia di un intero settore che di imprese di varie dimensioni, nonchè la presenza di questioni infrastrutturali, ambientali ed energetiche non risolvibili solo con risorse e competenze di carattere regionale,  comporta la necessità di un coinvolgimento del governo e la concreta possibilità di attivare un progetto complessivo”.

Una candidatura pe il Polo Siderurgico di Piombino per la quale Regione, Provincia e Comune intendono fare la loro parte, anche in termini di cofinanziamento. Per tutto questo la lettera si conclude con la proposta di un tavolo interistituzionale presso il ministero dello sviluppo economico.

__________________________

MOSTRA DI SCULTURA E PITTURA AD APRITIBORGO A CAMPIGLIA

Prosegue fino al 15 agosto nelle sale del Centro Civico Mannelli a Campigliua M.ma la collettiva internazionale di pittura e scultura degli artisti Juan Colon, Piero Bertelli e Enrico Bertelli. L’orario d’apetura sarà dalle 21.00 alle 24.00.

La mostra patrocinata dal Comune di Campiglia M.ma e organizzata dall’ass. Culturale Amicizia nel mondo è inserita negli eventi collaterali dal Festival del teatro e delle arti di strada Apritiborgo.

I protagonisti sono: Juan Colon (Pittore – Valencia, Spagna), Piero Bertelli (scultore – Montelupo Fiorentino), Enrico Bertelli (incisore – Montelupo Fiorentino). Juan Colón artista spagnolo, ha studiato arti plastiche a Valencia, alla Ceramic’s High Scholl. E’ membro fondatore in Spagna dell’ A.I.A – Artists International’s Society. Tra le opere si ricordano le pitture per la metropolitana di Valencia insieme ad altri due colleghi.

Piero Bertelli artista toscano di Montelupo Fiorentino, ha lavorato per la prestigiosa fonderia “Marinelli” a Firenze. E’ maestro nella fusione “a cera persa”. Espone permanentemente al Peter Bazzanti & Son Art Gallery d Firenze. Enrico Bertelli giovane artista di Montelupo Fiorentino, diplomato in “tecniche grafiche speciali” all’Accademia di Belle Arti di Firenze con il massimo dei voti. Alcune sue opere sono conservate presso l’archivio del museo d’arte contemporanea “Villa Renatico Martini” a Monsummano e presso l’archivio della Fundacìon CIEC a La Coruna.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.8.2012. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 22 giorni, 6 ore, 6 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it