VAL DI CORNIA: “ASA NON PUO’ DECIDERE LE POLITICHE SULL’ACQUA”

Forte comunicato conginto delle tre liste civiche della Val di Cornia sulla crisi idrica in atto in Val di Cornia. “L’ASA non può pianificare le politiche idriche al posto delle amministrazioni publiche”. E’ questo il riassnto del comunicato cheriportiamo integralmente.

Il comportamento degli amministratori sull’emergenza idrica che colpisce la Val di Cornia ha dell’incredibile. Anziché mettere in campo seri progetti per attenuare gli effetti della siccità che attanaglia la zona e pianificare interventi per rendere meno acuti i futuri deficit idrici, Sindaci e Giunte si affidano all’Asa.
Si affidano cioè al gestore che, per definizione, non dovrebbe affatto dare indirizzi o pianificare strategie. Per quello dovrebbero esserci gli amministratori che, invece, lasciano di buon grado il compito a chi ha tutto l’interesse a fatturare sempre più metri cubi d’acqua.

Oggi siamo di fronte ad un probabile prossimo razionamento a meno che non vi siano precipitazioni eccezionali nella tarda estate. Eppure i nostri amministratori non conoscono la gravità della situazione e non hanno un’idea per superarla. Emblematico quanto detto nel Consiglio Comunale di San Vincenzo dove, discutendo una nostra mozione, l’Amministrazione ha visto bene di affidarsi ad una relazione dell’Asa in cui si affermava che le perdite sono all’11%, dando solo la perdita primaria e non la secondaria che porta al 43% il dato nell’Ato e sfiora il 50% in Val di Cornia, e come possibili soluzioni, anziché agire sugli sprechi e sui consumi, si proponeva di dissalare l’acqua dei pozzi ormai contaminati dal cuneo salino.
Una filosofia che acuisce la crisi idrica e rischia di compromettere in modo irrimediabile il bilancio idrico della zona.

L’Asa non può pianificare, non possono farlo neppure gli altri soggetti che, a vario titolo, operano nel settore come Asl, Arpat e Consorzio di Bonifica. Questi soggetti devono essere coinvolti per ottenere un risultato più incisivo ma non possono e non devono sostituirsi agli indirizzi gestionali e strategici di una risorsa fondamentale come l’acqua.

Occorre che le Amministrazioni abbiano chiaro un piano di riduzione dei consumi e che esigano finalmente gli interventi necessari alla riduzione delle perdite. Nuovi campi pozzi, dissalatori costosi ed inquinanti o altri interventi finalizzati non alla corretta gestione ma a sprecare più acqua immettendone quantità crescenti nei tubi ormai marci dell’acquedotto, sono proprio quelli che stanno condannando la Val di Cornia alla prospettiva del razionamento idrico permanente.

I Sindaci – concludono le tre liste civiche –  tirino fuori i loro piani per intervenire sul servizio idrico e proviamo ad analizzarli per evitare danni ai beni comuni. È estremamente urgente farlo ora, anzi, siamo già abbastanza in ritardo”.

Forum del Centrosinistra per San Vincenzo
Uniti per Suvereto
Comune dei Cittadini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.8.2012. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    42 mesi, 20 giorni, 11 ore, 52 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it