ARPAT, PUBBLICATO IL PRIMO “ANNUARIO DEI DATI AMBIENTALI” (2012)

Solo numeri e carte tematiche. In 64 pagine, una sintesi densa ma efficace, chiara e leggibile che contiene esclusivamente i dati che nel 2011 sono stati utili a definire la qualità dell’ambiente o la rilevanza degli impatti che lo possono condizionare. Si presenta così il primo Annuario dei dati ambientali 2012 che ha appena pubblicato Arpat, Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana. Da quest’anno infatti l’Agenzia ha scelto di affiancare i consueti report ambientali che riportano i dati dell’attività di controllo, monitoraggio e supporto, con un prodotto diverso.

Si tratta di un volume agile, di grande formato, per renderlo più facilmente leggibile, organizzato in sei capitoli: Aria, Acqua, Mare, Suolo, Agenti fisici e Sistemi produttivi; è reso disponibile sul Web dell’Agenzia sia per scaricarlo che per “sfogliarlo” online.

“Nell’Annuario – spiega il direttore generale di Arpat Giovanni Barca – sono pubblicati solo i dati che derivano dalla attività dell’Agenzia: è una scelta che consente di procedere in autonomia e con puntualità nell’aggiornamento della pubblicazione. Per chi vuole approfondire le singole tematiche, ogni sezione rinvia alle pagine del sito Web nelle quali sono pubblicati i report ambientali specifici, con i relativi commenti metodologici e i riferimenti normativi trattati estesamente in dettaglio. Così l’Annuario diventa l’emblema della qualità che deve caratterizzare ogni azione dell’Agenzia: significativa, oggettiva, indipendente, trasparente e comprensibile. Sono molto soddisfatto – continua Barca – del lavoro compiuto per produrre l’Annuario da parte dei settori tecnici, del SIRA (Sistema Informativo Regionale Ambientale) e della Comunicazione dell’Agenzia, che hanno ottimamente colto gli indirizzi innovativi della Direzione, traducendoli in una pubblicazione che ci permette di compiere un salto di qualità notevole e di livello nazionale nel campo della diffusione dei dati ambientali. Un ambito di attività nel quale stiamo cercando di investire fortemente.”

“Quando circa tre anni fa fu approvata la legge di riforma di Arpat, la LR 30/2009 – commenta l’assessore regionale all’ambiente e all’energia Anna Rita Bramerini – avevamo in mente un’idea di Agenzia quale ente terzo produttore e detentore di informazione ambientale. Un soggetto che organizzasse e rendesse disponibile ai cittadini, così come alle Amministrazioni pubbliche, un quadro conoscitivo oggettivo, aggiornato con i dati resi disponibili dall’attività di controllo e monitoraggio della stessa Agenzia. Questa impostazione trova oggi una concreta realizzazione anche in questa nuova pubblicazione in cui vengono raccolti i “numeri” e le informazioni che Arpat ha prodotto a seguito delle varie visite ispettive, dei prelievi, delle analisi svolte durante l’anno. Saluto quindi con piacere la nascita di un documento in cui si forniscono i dati ambientali in forma semplice, leggibile, comprensibile, così come sono, senza commenti o interpretazioni. Ritengo infatti che sia di fondamentale importanza che cittadini e amministratori pubblici condividano un unico quadro conoscitivo. Diverse interpretazioni del dato ambientale sono ovviamente sempre possibili ed è quindi normale che le informazioni possano costituire il punto di partenza di un confronto e di un dibattito all’interno della società civile, non possiamo permetterci però, ogni volta, di rimettere in discussione il quadro conoscitivo di partenza. In questo modo è stato compiuto un passo importante, a settembre organizzeremo un seminario nel quale faremo il punto con tutte le agenzie e gli enti che fanno capo alla Regione ed a vario titolo detengono informazioni ambientali, per coordinare al meglio la loro divulgazione.”

L’annuario è disponibile in versione sfogliabile all’indirizzo www.arpat.toscana.it/annuario

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 31.7.2012. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 29 giorni, 7 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it