SANITA’ TOSCANA: PRESENTATO IL REPORT 2011 DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE

FIRENZE – Si è concluso il ciclo di programmazione sanitaria 2008-201 in Toscana e i risultati appaiono positivi: la vita media dei toscani si è allungata, raggiungendo 79,6 anni per i maschi e 84,7 anni per le femmine e la mortalità per tumori si è ridotta (-1,36%), come quella determinata da malattie cardiocircolatorie (-2,15%). Lo certifica il Laboratorio Management e sanità della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa che ha di recente presentato il report 2011 del Sistema di  valutazione della performance della sanità toscana. In conferenza stampa l’assessore alla sanità Luigi Marroni e Sabina Nuti, direttore del MeS.

Al miglioramento dei dati di salute si affiancano altri due risultati significativi per il sistema: il miglioramento, nell’ultimo anno, dei servizi relativi al 63% dei 160 indicatori presi in considerazione, elaborati con il coinvolgimento costante dei professionisti del sistema e poi suddivisi in sei “dimensioni”:  la valutazione dei livelli di salute della popolazione, della capacità di perseguimento delle strategie regionali, la valutazione socio-sanitaria, la valutazione esterna espressa dai cittadini utenti, la valutazione interna espressa dal personale delle aziende sanitarie e infine la valutazione dell’efficienza operativa e della performance economico finanziaria.

Quello del miglioramento dei servizi è un dato abbastanza omogeneo sul territorio regionale e questo significa che il sistema sanitario pubblico è in grado di assicurare i servizi i cittadini in modo equo sul piano territoriale, con una attenzione  alle specifiche esigenze di ciascuno e soprattutto di coloro che godono di minori opportunità socio-economiche.

L’ultimo risultato positivo riguarda la dimensione economica del sistema, che continua a mantenere l’equilibrio di bilancio, un pareggio certificato e ottenuto senza imposte aggiuntive e senza tagli o riduzioni al livello dei servizi.

La tenuta economico–finanziaria del sistema da un lato, e il miglioramento della qualità dei servizi dall’altro sono stati ottenuti grazie ad un insieme di azioni che ha permesso di rendere più coerente l’offerta e di compiere significativi passi avanti nella qualità, appropriatezza e potenziamento dei servizi ospedalieri e territoriali.

Di fronte a questi risultati l’assessore alla sanità Luigi Marroni ha dichiarato: «Dovremo cambiare molte cose per non far cambiare questo trend positivo. Faremo di tutto per mantenere e migliorare i servizi, e stiamo studiando un progetto complessivo che prende in considerazione molti interventi, sia sul versante della riorganizzazione e del risparmio sia su quello delle entrate».

Secondo Sabina Nuti, direttore del MeS, uno dedi punti di debolezza tra i tanti punti di forza del sistema sono le liste di attesa, soprattutto per alcune visite specialistiche e sulla diagnostica “pesante”, Tac e risonanze magnetiche, sulle quali però incombe anche il problema di una altissima inappropriatezza. «Stiamo lavorando con i professionisti – ha aggiunto la professoressa Nuti – per mettere a punto in maniera condivisa il criterio indicato dal ministero, cioè quello di differenziare le prestazioni in base alla loro urgenza. Quindi bisogna fare un grande lavoro, patologia per patologia, per definire che cosa è veramente urgente e per assicurare così a tutti i cittadini un servizio equo e omogeneo. Quanto alle altre indicazioni del governo, ad esempio quella di rapportare costi e numero dei ricoveri, in questo modo si rischia – ha concluso la Nuti – di premiare paradossalmente le Regioni che di ricoveri ne fanno tanti, ma non quelle che invece ne fanno pochi, buoni e di alta complessità».

L’assessore Marroni ha riservato un ultimo accenno al Piano sanitario: «E’ valido – ha affermato – e ha seguito un ottimo percorso di condivisione. Ora nella fase finale ci stanno cambiando le cose tra le mani e bisognerà tararlo nuovamente, vedremo in quale misura».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.7.2012. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    54 mesi, 18 giorni, 7 ore, 32 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it