DE SCISCIOLO VINCE IL SIMPOSIO DI SCULTURA DI SASSETTA

L’Artista all’opera

Lo scultore pugliese Pietro De Scisciolo è stato proclamato Vincitore di questa quarta edizione.

SASSETTA – Si è conclusa Domenica 22 Luglio la quarta edizione del Simposio di Scultura in Marmo Rosso di Sassetta. La Cerimonia di Chiusura Lavori, presenziata dal Sindaco Luciano Cencioni e dal Consigliere incaricato al Turismo Eleonora Lorenzelli, è stata condotta dal Vice Sindaco Diego Venanti, al cospetto degli Assessori Provinciali Paolo Pacini  e Ringo Anselmi, del dirigente provinciale alla cultura e all’istruzione Guido Cruschelli, del responsabile provinciale alle attività culturali Filippo Terrasini, delle autorità e dei cittadini di sassetta, numerosi e partecipativi. Tutti in attesa di scoprire il responso della Giuria Artistica, arrivata sul cantiere del Simposio in mattinata per valutare le opere finite.

La Giuria, composta dai Maestri Prof. Franco Mauro Franchi (scultore e docente di Scultura all’Accademia di Belle Arti di Carrara), Michele Lorenzelli (scultore contemporaneo di origine sassetana) e Giampaolo Talani (pittore, incisore e scultore di fama mondiale) si è a lungo consultata per arrivare a un giudizio unanime, ma alla fine l’esito è arrivato: PIETRO DE SCISCIOLO è stato eletto Vincitore del 4° Simposio di Scultura di Sassetta con l’opera “EVOLUZIONE”. La sua scultura, molto ben particolareggiata e di stile concettuale, è un omaggio al bosco di Sassetta e a due degli antichi mestieri che hanno dato vita alla comunità: il carbonaio e il corbellaio.

«In un momento come questo» ha dichiarato il Maestro Giampaolo Talani durante la Cerimonia «è di vitale importanza per il nostro Paese che continuino a esistere manifestazioni come il Simposio di Sassetta. Sono gli eventi come questo che portano avanti l’identità di un luogo, la sua storia, le sue tradizioni. Sassetta, lo dice il suo stesso nome, è nata sul sasso e dal sasso ha generato le sue attività, ha costruito i suoi edifici, ha dato da mangiare ai suoi abitanti e ha dato vita all’arte per portare avanti la memoria. E l’arte di adesso, che viene celebrata attraverso il Simposio, è l’omaggio all’artigianato di un’epoca fa. Perché è prima di tutto dall’artigianato che nasce l’arte, dalla sapienza, dalla cultura del saper fare. Ecco perché bisogna fare tutto ciò che è in nostro potere per portare avanti iniziative come questa e proteggerle: perché è attraverso l’arte, attraverso il retaggio di chi ci ha preceduto, che permettiamo alla nostra cultura di non morire mai.»

Durante la Cerimonia è stato assegnato anche il Premio della Giuria Popolare, scaturito dallo scrutinio delle schede di voto che sono state a disposizione dei cittadini e dei turisti per tutti e dieci i giorni della rassegna. Il pubblico ha eletto ELENA GIACHI Vincitrice del Premio della Giuria Popolare. La trentacinquenne toscana ha vinto con l’opera “LA CIVETTA”, eletta con 1/3 di preferenze sul totale dei voti: una scultura di stile figurativo che rappresenta la civetta, per l’appunto, in atteggiamento vigile, protettivo, sul busto di una donna dormiente, che è qui un’allegoria della Notte.

Ecco gli altri scultori che hanno partecipato al Simposio:
Mario Cozzi, 23 anni – Opera: “EFESTO”
Tiziana Mariotti, 25 anni – Opera: “SOSPIRO”
Bruno Pon, 68 anni – Opera: “L’ANIMA E’ FEMMINA”
Le cinque opere di quest’anno, come sempre, andranno ad aggiungersi a tutte quelle già presenti lungo i “Percorsi d’Arte”, i sentieri artistici che attraversano gli angoli più caratteristici di Sassetta, punteggiati da tutte le sculture di ogni edizione del Simposio (realizzati grazie al contributo della Camera di Commercio di Livorno).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.7.2012. Registrato sotto cultura, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 26 giorni, 18 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it